Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 13

Discussione: Porto d'armi senza licenza anche per operatori di Polizia

  1. #1

    Predefinito Porto d'armi senza licenza anche per operatori di Polizia

    Il 28 ottobre 2020 è stata depositata dal senatore Barbero l'ennesima proposta di modifica all’articolo 73 del regolamento di cui al regio decreto 6 maggio 1940, n. 635, in materia di licenza, porto e detenzione di armi per gli agenti di pubblica sicurezza.

    Si tratta di un'idea già venuta fuori all'epoca di Minniti, poi naufragata nelle lande sconosciute e selvatiche del Parlamento.

    Riporto in sintesi la proposta appena depositata.

    ONOREVOLI SENATORI. – È attualmente in vigore una norma del 1940, il regio decreto n. 635, che nel dare esecuzione al testo unico delle leggi di pubblica sicurezza (TULPS, di cui al regio decreto 18 giugno 1931, n. 773) individua, al primo comma dell’articolo 73, i soggetti che possono portare seco armi da fuoco senza licenza e, nello specifico, li elenca come coloro che ricoprono gli uffici di « Capo della polizia, Prefetti, vice-prefetti, ispettori provinciali amministrativi, Ufficiali di pubblica sicurezza, Pretori e magistrati addetti al pubblico ministero o all’ufficio di istruzione »; i semplici agenti di pubblica sicurezza, invece, possono portare l’arma anche quando non sono in servizio ed in abiti civili, ma, ai sensi del secondo comma del citato articolo, senza licenza ciò più avvenire solo con « le armi di cui sono muniti, a termini dei rispettivi regolamenti ». In sostanza, essi possono portare, senza licenza, solo le armi di ordinanza e ciò a differenza di un magistrato, ad esempio, che però può non essersi mai sottoposto ad un corso specifico, né aver ottenuto l’abilitazione al maneggio delle armi, né aver superato prove attitudinali, né praticato alcun tipo di addestramento. È ormai maturo il tempo di modificare queste disposizioni, entrate in vigore in tutt’altro periodo storico, e quindi superare questi differenti trattamenti, che non hanno ragione di esistere in una democrazia compiuta ed in un sistema che arruola le proprie Forze di polizia con criteri molto selettivi e richiedenti la massima professionalità: il presente disegno di legge, quindi, intende estendere il diritto, al pari delle citate categorie del primo comma dell’articolo 73 del regio decreto n. 635 del 1940, di comprare senza li- cenza un’arma da fuoco e quindi la facoltà di portarla con sé ad ogni agente di pubblica sicurezza.
    Tale necessità è stata più volte sollecitata dalle rappresentanze degli agenti di Polizia di Stato, Carabinieri e Guardia di finanza, principalmente per la ragione che l’arma da fianco di ordinanza che viene fornita dallo Stato agli agenti è una pistola da « porto manifesto », quindi di grosse dimensioni e sen- sibile pesantezza, conseguentemente di scarsa occultabilità, specialmente con abiti estivi.
    In un’epoca di grandi conflitti, caratterizzata di frequente da episodi criminosi e finanche terroristici, è stato più volte richiesto, anche da autorevole fonte, agli agenti di pubblica sicurezza di portare con sé l’arma di ordinanza proprio nel convincimento di affidare loro una sorta di individuale presidio diffuso di sicurezza e di protezione dei cittadini; all’uopo conviene citare l’appello pubblico rivolto dal ministro Minniti dopo gli attentati sulla Rambla a Barcellona: anche in quella occasione i sindacati di categoria eccepirono che la più diffusa 9 millimetri di ordinanza, la Beretta 92 FS, sia assolutamente inadatta al porto occulto, ostica da portare sui mezzi pubblici o con abiti leggeri. Vale la pena sottolineare che allorquando l’arma, ancorché nascosta, è visibile ed individuabile, essa diventa un pericolo per il portatore che può essere esposto al furto o alla rapina della stessa: paradossalmente ciò diventa una occasione di pericolo, oltre che di panico e allarme sociale, anziché un modo per implementare la sicurezza degli agenti e degli stessi cittadini. L’episodio recente dell’omicidio del carabiniere Mario Rega Cerciello dovrebbe fare riflettere: il militare è andato disarmato all’appuntamento con la morte, perché, come è molto frequente fra carabinieri e agenti di polizia quando essi operano in borghese, ha deciso di non portare con sé la pistola d’ordinanza, ritenuta troppo grande, vistosa e pesante. La Beretta 92 FS d’ordinanza, infatti, è lunga 217 mm e, carica, arriva a pesare 1 chilo; un’arma di pun’arma di pari calibro, in versione compatta, può avere misure sensibilmente ridotte, come i 143 mm della Beretta BU9 Nano, i 160 mm della Glock 26, i 170 mm della SIG Sauer P320 Subcompact. Queste armi, come tante altre, sono pistole in calibro 9 mm progettate per il porto occulto, di conseguenza oltre ad essere meno ingombranti e sensibilmente più leggere (hanno mediamente un peso di poco superiore ai 500 gr con serbatoio pieno) sono prive di sporgenze e spigolature proprio per essere estratte con facilità da fondine nascoste e tasche interne agli abiti; pistole ancora più comode per il porto occulto sono in commercio in calibro più piccolo. Non vi è, ormai, nessuna ragione logica per la quale si consente legittimamente ad un agente di pubblica sicurezza di poter circolare, senza licenza, armato della sua pistola d’ordinanza e non con un’altra, più comoda e utile, che egli stesso possa aver acquistato personalmente in armeria, come invece è consentito ad altri soggetti, i quali, peraltro, almeno in linea teorica, sono meno addestrati e preparati all’utilizzo delle armi da fuoco.
    La dimensione numerica dei Corpi di pubblica sicurezza, attualmente in servizio, riporta un organico intorno alle 330.000 unità fra Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di finanza e Corpo della polizia penitenziaria; la percentuale degli agenti è superiore ai due terzi di tutti gli uomini impiegati, conseguentemente si consideri che l’approvazione del presente disegno di legge comporterebbe, fra l’altro, anche un aumento notevole di acquirenti privati di armi, con notevole conforto per l’intera filiera, dal produttore al rivenditore. Il comparto armiero, nel nostro Paese, conta più di 2.330 imprese e sfiora i 100.000 occupati nel settore, tuttavia il segno positivo della produzione cresce solo grazie all’export, assunte le limitazioni di accesso alle armi vigenti in Italia per i cittadini, che ne rappresentano i clienti privati finali. In tempi di crisi economica così impattante nel tessuto produttivo nazionale, le disposizioni del presente disegno di legge offrirebbero un conforto ad un segmento imprenditoriale e occupazionale in cui il Paese vanta, peraltro, una tradizione di grande qualità e una affermazione notevole su scala internazionale: una recente ricerca dell’Università degli studi di Urbino Carlo Bo ha quantificato in oltre 7 miliardi di euro il valore diretto e indiretto del settore (0,44 per cento del prodotto interno lordo) della produzione di armi e munizioni per uso civile, sportivo e venatorio. Nelle ultime quattro edizioni dei Giochi olimpici, su 63 medaglie assegnate nelle diverse specialità del tiro a volo, ben 61 sono state vinte con fucili e 51 con munizioni italiane, e ciò evidenzia che la produzione di armi italiana sia una eccellenza indiscussa a livello mondiale. Dare respiro a questo segmento non può che rinforzarne la competitività e aumentare i già altissimi standard qualitativi della produzione.
    Tutto quanto premesso, con il presente disegno di legge, il legislatore può risolvere le anacronistiche disparità di trattamento fra i soggetti inclusi nel primo comma e quelli elencati nel secondo comma dell’articolo 73 del regio decreto n. 635 del 1940 e quindi consentire agli agenti di pubblica sicurezza di poter acquistare, detenere e portare, senza licenza, un’arma privata in luogo di quella d’ordinanza quando operano in borghese o non sono in servizio.
    L’articolo 1 modifica l’articolo 73 del regio decreto 6 maggio 1940, n. 635, includendo nel primo comma i soggetti individuati nel secondo e, conseguentemente, abroga il secondo comma.
    L’articolo 2 delega l’Esecutivo a modificare, laddove se ne riscontri la necessità, i regolamenti dei Corpi di pubblica sicurezza.
    L’articolo 3 evidenzia l’assenza di oneri finanziari a carico dello Stato.

    DISEGNO DI LEGGE
    Art. 1.
    (Modifiche all’articolo 73 del regolamento di cui al regio decreto 6 maggio 1940, n. 635)
    1. All’articolo 73 del regolamento di cui al regio decreto 6 maggio 1940, n. 635, sono apportate le seguenti modificazioni:
    a) al primo comma è aggiunto, in fine, il seguente periodo: «Sono altresì autoriz- zati gli agenti in ruolo di pubblica sicurezza, previsti dagli articoli 17 e 18 del testo unico di cui al regio decreto 31 agosto 1907, n. 690, anche quando non sono in servizio »;
    b) il secondo comma è abrogato. Art. 2.
    (Disposizioni di adeguamento)
    1. Entro novanta giorni dalla data di en- trata in vigore della presente legge, il Go- verno, con appositi decreti, apporta le modi- fiche necessarie ai regolamenti dei Corpi di pubblica sicurezza, al fine di adeguarli alle disposizioni di cui alla presente legge.
    Art. 3.
    (Copertura finanziaria)
    1. Dall’attuazione della presente legge non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.
    Vice Sovrintendente della Polizia di Stato
    Componente di Staff www.cadutipolizia.it e gruppo FB "Polizianellastoria"
    Blog Polizianellastoria QUI
    Dubbi sul Codice della Strada? Iscriviti a Polstradaforum.it!
    -------------------
    Per i nuovi Utenti
    - Hai letto il Regolamento? Lo trovi QUI
    - Ti sei presentato alla community? Fallo QUI
    - Disciplina e sanzioni del Forum, QUI

  2. #2
    Tenente L'avatar di Noise
    Data Registrazione
    Nov 2008
    Messaggi
    1,069

    Predefinito

    Come pensi andrà a finire? Per come la vedo io, al pari di tutte le altre volte, ma spero di sbagliarmi.
    Dalle avversità risorgo più forte.

  3. #3

    Predefinito

    Spero di sbagliarmi anche io, ma ho la tua stessa opinione.
    Certo, sarebbe un salto giuridico qualitativo non da poco, degno di un Paese civile.
    Abbiamo avuto già modo di disquisire sull'argomento: c'è troppa paura da parte delle amministrazioni di pertinenza nel perdere il controllo sul personale, come se fossimo tutti dei delinquenti pronti a fare chissà cosa con un'arma NOSTRA in tasca.
    Francamente mi fa più paura il prefetto X o il procuratore Y con in tasca un ferro che non sanno usare.
    Quando ho avuto il porto per difesa, ho girato con armi decisamente più tascabili ed efficaci del nostro attuale "ferro da stiro": e ti assicuro che il senso di responsabilità che hai quando l'arma è TUA è molto più grande.....
    Ultima modifica di Kojak; 06-12-20 alle 15: 17
    Vice Sovrintendente della Polizia di Stato
    Componente di Staff www.cadutipolizia.it e gruppo FB "Polizianellastoria"
    Blog Polizianellastoria QUI
    Dubbi sul Codice della Strada? Iscriviti a Polstradaforum.it!
    -------------------
    Per i nuovi Utenti
    - Hai letto il Regolamento? Lo trovi QUI
    - Ti sei presentato alla community? Fallo QUI
    - Disciplina e sanzioni del Forum, QUI

  4. #4
    Maresciallo
    Data Registrazione
    May 2018
    Messaggi
    594

    Predefinito

    unica cosa il senatore si chiama Barbaro se non erro

  5. #5
    Utenti Storici L'avatar di Point Man
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Località
    Great Plains of Lombardy
    Messaggi
    2,277

    Predefinito

    Nell'ottica dei recenti scenari, dove il caso di un cosiddetto "active shooter" anche nel nostro Paese credo sia questione di tempo (più o meno lungo), avere Agenti sul territorio liberi di circolare armati con piattaforme adeguate sia un plus... Lasciamo stare il politicamente corretto e le indignazioni di chi dipingerà il quadro come un far west..è statistica consolidata che i casi di active shooters negli USA che sono stati fermati quasi subito, sono i casi in cui sono intervenuti cittadini legalmente armati.
    Basti vedere anche i numerosi filmati dei recenti attentati dove è chiaro che la presenza di un numero seppur piccolo di persone armate (anche in casa) avrebbe potuto fare la differenza.
    Questo per quanto riguarda il numero di armi "blu" sul territorio a fronte di un evento terroristico...poi c'è il problema di saperle usare.
    WE SUPPORT OUR TROOPS

    Sei appena arrivato? Presentati QUI!

    Qui puoi trovare il Regolamento Militari Forum

  6. #6
    Tenente L'avatar di Pol
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    1,642

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Point Man Visualizza Messaggio
    Nell'ottica dei recenti scenari, dove il caso di un cosiddetto "active shooter" anche nel nostro Paese credo sia questione di tempo (più o meno lungo), avere Agenti sul territorio liberi di circolare armati con piattaforme adeguate sia un plus... Lasciamo stare il politicamente corretto e le indignazioni di chi dipingerà il quadro come un far west..è statistica consolidata che i casi di active shooters negli USA che sono stati fermati quasi subito, sono i casi in cui sono intervenuti cittadini legalmente armati.
    Basti vedere anche i numerosi filmati dei recenti attentati dove è chiaro che la presenza di un numero seppur piccolo di persone armate (anche in casa) avrebbe potuto fare la differenza.
    Questo per quanto riguarda il numero di armi "blu" sul territorio a fronte di un evento terroristico...poi c'è il problema di saperle usare.
    Per carità, un conto è consentire anche ad agenti di pg porto e detenzione di arma adeguata...ben altro l'intervento di cittadini legalmente armati;
    Fortunatamente non siamo gli USA, e figuriamoci se ci tengo che la mia nazione diventi un Far West, perché sì, che se ne dica gli USA sono un Far West.

    Volando bassi, se non estendere il porto, sarebbe già un enorme passo avanti come dotazione individuale un'arma facilmente occultabile, senza necessità di gilet in piena estate, maglie lunghe anni 90 o borselloni : tanto vale girare in divisa
    "chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola" - P.Borsellino

  7. #7

    Predefinito

    Ricordiamo che qui si sta parlando della concessione del libero porto di armi proprie in capo agli agenti di PS delle Forze di Polizia specificamente individuate dalla legge, estendendo loro analogo diritto già codificato e di cui beneficiano gli ufficiali di PS.
    Lascerei pertanto fuori dal discorso qualsiasi altra figura non attinente a ciò che la proposta di legge contiene.
    L'Italia è un Paese strano: molto moderno, sempre attento alle innovazioni, basa però il suo impianto normativo su Regi Decreti ormai fuori dal tempo. Il TULPS è in sé una normativa ben fatta, molto dinamica per i tempi in cui fu concepita, addirittura all'avanguardia ad esempio sui sistemi di licenze e sulla normativa sugli stranieri. ma è un testo VECCHIO, che sa di naftalina e che abbisogna di una "mano di bianco", come si dice dalle mie parti.
    Il fatto di consentire il porto d'armi senza licenza agli Ufficiali di PS aveva un senso settant'anni fa. Oggi, con una società profondamente modificata nella sua essenza, è solo un antico retaggio, un po' come il titolo di Nobil Homo di cui si potevano fregiare questi signori.
    Io ho avuto la fortuna di beneficiare per alcuni anni del porto per difesa. Cosa usavo? Revolver Smith & Wesson mod. 49 Bodyguard in cal. .38 Spl, comunemente conosciuta come "la gobbetta". Esteticamente brutta, era stata però concepita per un unico scopo: sparare in qualsiasi condizione possibile, perfino da dentro la tasca di un cappotto. E vi garantisco che d'estate potevi girare anche in bermuda, che lei non si vedeva!
    Ecco, allora mi domando: cosa cambia? Cosa cambia girare con un'arma affidabile, ma VECCHIA e INGOMBRANTE come la 92FS o girare con un'arma più piccola? Quando sembrava che la strada si fosse improvvisamente spianata, il ministero mise tutta una serie di paletti pretendendo di scegliere esso di quale arma eventualmente consentirne il porto senza licenza: quanto a calibro e modello scelto, dimostrò di non avere capito nulla del senso pratico della nuova concessione. Il TULPS infatti parla di "porto d'armi senza licenza", non specificando alcuna caratteristica tecnica o balistica delle stesse. E se un prefetto o un sostituto procuratore (i quali - sia detto col massimo rispetto - salvo rare eccezioni non sanno nemmeno com'è fatta una pistola ad acqua) sono liberi di girare armati (che Dio ci scampi...), che differenza passa con un operatore di Polizia che è addestrato all'uso e al maneggio di un'arma da fuoco?
    Vice Sovrintendente della Polizia di Stato
    Componente di Staff www.cadutipolizia.it e gruppo FB "Polizianellastoria"
    Blog Polizianellastoria QUI
    Dubbi sul Codice della Strada? Iscriviti a Polstradaforum.it!
    -------------------
    Per i nuovi Utenti
    - Hai letto il Regolamento? Lo trovi QUI
    - Ti sei presentato alla community? Fallo QUI
    - Disciplina e sanzioni del Forum, QUI

  8. #8
    Soldato L'avatar di tactical
    Data Registrazione
    Apr 2020
    Località
    Emilia
    Messaggi
    87

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Point Man Visualizza Messaggio
    Nell'ottica dei recenti scenari, dove il caso di un cosiddetto "active shooter" anche nel nostro Paese credo sia questione di tempo (più o meno lungo)
    Scusate il piccolo OT, cose ne pensate degli scenari di active scooter? Mentre negli USA si tratta di un topic all'ordine del giorno in Europa (grazie al Cielo...) si tratta di episodi molto più rari, ma di cui si è sentito parlare più che altro in altri Paesi (Francia, Regno Unito, Austria di recente, Germania) mentre da noi che io abbia memoria (poi correggetemi se sbaglio) gli unici recenti (con la ferma volontà di uccidere indiscriminatamente) sono stati l'infermiere fuori di senno a Napoli, un uomo a Gela e il cecchino di Guidonia (quest'ultimo undici anni fa). Ritenete che questi scenari rimarranno episodi molto isolati o potrebbero divenire più frequenti?

    Lo chiedo anche considerando quello che avevo letto tempo fa circa un active scooter in una scuola in Germania, un ragazzo che con un'arma era entrato in una scuola superiore per uccidere. Dopo i colpi inferti alla prima vittima la presidenza ha emanato l'annuncio all'interfono "Frau Koma kommt", dove Koma è il contrario di "amok", follia omicida. Dunque gli insegnanti hanno provveduto a chiudere a chiave le porte delle aule e il ragazzo non ha potuto uccidere altre persone, finendo così per fuggire perché braccato dalla Polizia, per poi togliersi la vita.

    Ecco, nel nostro Paese dovendo pensare ad un edificio scolastico, non esistendo alcun tipo di procedure simili (a quanto mi risulta), non vedrei alcuna misura efficace per fronteggiare questo scenario se non un rapido intervento delle FFOO... ciò non toglie che secondo me, poiché non è praticamente mai successo, tutti si aspettano che non succederà mai.

  9. #9

    Predefinito

    @Tactical
    Sei appunto OT. Se vuoi puoi aprire una discussione sul tema in off topic. Grazie.
    Vice Sovrintendente della Polizia di Stato
    Componente di Staff www.cadutipolizia.it e gruppo FB "Polizianellastoria"
    Blog Polizianellastoria QUI
    Dubbi sul Codice della Strada? Iscriviti a Polstradaforum.it!
    -------------------
    Per i nuovi Utenti
    - Hai letto il Regolamento? Lo trovi QUI
    - Ti sei presentato alla community? Fallo QUI
    - Disciplina e sanzioni del Forum, QUI

  10. #10
    Tenente L'avatar di Pol
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    1,642

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Kojak Visualizza Messaggio
    Ricordiamo che qui si sta parlando della concessione del libero porto di armi proprie in capo agli agenti di PS delle Forze di Polizia specificamente individuate dalla legge, estendendo loro analogo diritto già codificato e di cui beneficiano gli ufficiali di PS.
    Lascerei pertanto fuori dal discorso qualsiasi altra figura non attinente a ciò che la proposta di legge contiene.
    L'Italia è un Paese strano: molto moderno, sempre attento alle innovazioni, basa però il suo impianto normativo su Regi Decreti ormai fuori dal tempo. Il TULPS è in sé una normativa ben fatta, molto dinamica per i tempi in cui fu concepita, addirittura all'avanguardia ad esempio sui sistemi di licenze e sulla normativa sugli stranieri. ma è un testo VECCHIO, che sa di naftalina e che abbisogna di una "mano di bianco", come si dice dalle mie parti.
    Il fatto di consentire il porto d'armi senza licenza agli Ufficiali di PS aveva un senso settant'anni fa. Oggi, con una società profondamente modificata nella sua essenza, è solo un antico retaggio, un po' come il titolo di Nobil Homo di cui si potevano fregiare questi signori.
    Io ho avuto la fortuna di beneficiare per alcuni anni del porto per difesa. Cosa usavo? Revolver Smith & Wesson mod. 49 Bodyguard in cal. .38 Spl, comunemente conosciuta come "la gobbetta". Esteticamente brutta, era stata però concepita per un unico scopo: sparare in qualsiasi condizione possibile, perfino da dentro la tasca di un cappotto. E vi garantisco che d'estate potevi girare anche in bermuda, che lei non si vedeva!
    Ecco, allora mi domando: cosa cambia? Cosa cambia girare con un'arma affidabile, ma VECCHIA e INGOMBRANTE come la 92FS o girare con un'arma più piccola? Quando sembrava che la strada si fosse improvvisamente spianata, il ministero mise tutta una serie di paletti pretendendo di scegliere esso di quale arma eventualmente consentirne il porto senza licenza: quanto a calibro e modello scelto, dimostrò di non avere capito nulla del senso pratico della nuova concessione. Il TULPS infatti parla di "porto d'armi senza licenza", non specificando alcuna caratteristica tecnica o balistica delle stesse. E se un prefetto o un sostituto procuratore (i quali - sia detto col massimo rispetto - salvo rare eccezioni non sanno nemmeno com'è fatta una pistola ad acqua) sono liberi di girare armati (che Dio ci scampi...), che differenza passa con un operatore di Polizia che è addestrato all'uso e al maneggio di un'arma da fuoco?
    Giustissimo, errata corrige, intendevo ovviamente Ufficiali PS, non PG;
    "chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola" - P.Borsellino

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •