Pagina 66 di 67 PrimaPrima ... 165664656667 UltimaUltima
Risultati da 651 a 660 di 666

Discussione: Strage di Ustica

  1. #651
    Capitano L'avatar di altairV
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Messaggi
    2,350

    Predefinito

    Di giudici che se ne fregano delle perizie ne ho visti abbastanza in trenta anni.

  2. #652

    Predefinito

    Mi sono finalmente deciso a realizzare un sito semplice semplice che tratta vari aspetti della strage di Ustica.
    Niente pubblicità, niente tracciamento dei visitatori; m’interessa solo esporre i fatti così come risultano dai dati oggettivi.

    Alcune pagine hanno bisogno del JavaScript per visualizzare cartine geografiche interattive. Il codice che verrà eseguito non creerà alcun tipo di problema al dispositivo usato per la navigazione (preferibile un ampio schermo di un PC, piuttosto che un telefonino).

    Tra le cose da sottolineare, cito la spiegazione del famoso codice 7777 trasmesso dal transponder del TF-104G di ritorno dall’esercitazione svolta a Villafranca, basata unicamente su documenti ufficiali (mi risulta che sia l’unico sito a farlo).

    Chi è interessato ai fatti troverà sicuramente soddisfazione leggendo le varie pagine: http://ih870.altervista.org

    Buona navigazione!

  3. #653

    Predefinito dati e documentazioni

    Mi chiamo Alessandro
    Volevo dare un contributo alla discussione con alcuni dati e documentazioni.
    Parto dai tre testimoni che , in Calabria , videro un inseguimento fra caccia militari quando ancora il sole non era tramontato, quindi prima delle 20.20 locali.
    Il primo vide l' inseguimento dalla spiaggia di Torremezzo di falconara Albanese. A staffetta segui' il secondo, che vide i caccia militari sulla cima di monte Cocuzzo.
    Ma e' soprattutto il terzo che , dal paesino di Castrolibero frazione Andreotta , vide il velivolo inseguito quando c'era ancora il sole, e i velivoli inseguitori circa uno - due minuti dopo , col sole appena tramontato dietro la collina.
    Il punto in cui si trovava il testimone di Castrolibero, ha una altitudine di 309 metri
    Ho provato con dei conti trigonometrici a calcolare l'angolo di Azimuth ,che ci fornisce la direzione verso cui il teste di Castrolibero vide il tramonto del sole .
    Sulla collina oltre cui il sole tramontava , si trovano via Strabone, via A. il Molosso e via Monte Rosa , sempre a Castrolibero.
    L'altitudine di questa collina e' di circa 405 - 410 metri
    L'angolo di Azimuth 294° - 295 °
    Conoscendo la distanza - circa 775 metri -fra la collina oltre cui il sole tramontava e la postazione del dott. De M. che vide l'inseguimento , si ottiene l'arctg
    (rapporto sen /cos ) dell' angolo che rappresenta l'angolo di elevazione del sole.
    Circa 6 gradi e mezzo - 7 gradi .
    Ho quindi ricavato l' orario in cui si verifico' l'inseguimento sul sito sun earth tools, molto attendibile . L' orario e' circa le 19.40 - 19 - 45.
    Ora retrocedendo di circa 3 - 4 minuti, si ottiene l' orario delle 19.35 L o poco piu' per gli istanti in cui i velivoli transitarono sulla costa visti dal primo testimone dott. C. a Torremezzo di falconara Albanese.
    Tale orario coincide esattamente con l' orario le 17.36.15, in cui il primo dei 5 velivoli giunse dalla zona dell' isola di Ponza in direzione delle coste occidentali della Calabria.
    Si trovano in perizia Dalle Mese alle figure C17 C18 C20 C21 C22
    Il velivolo ritrovato sulla sila il 18 luglio aveva una colorazione molto simile ( verde tendente al rossastro ) visto dal primo dei tre testimoni.
    Un altro particolare, il colonnello Donali , collaboratore di Dalle Mese, noto' che per due dimensioni, x, y i cinque velivoli avevano stesse caratteristiche .
    La terza dimensione , l' altitudine, no. In quanto avevano una altitudine sfalsata e differente fra loro ( 27mila , 31, 33 42 mila piedi )
    Il primo dei cinque , giunse al largo di Torremezzo di Falconara Albanese nello STESSO ORARIO in cui il primo dei tre testimoni vide l' inseguimento.
    Inoltre ,come disse uno degli avvocati dei 4 generali inquisiti , due o tre di essi, rallentarono in prossimita' delle coste Calabre , addirittura passando uno di essi, da 672 a 570 miglia nautiche , circa 182 km orari.
    Tra i miei dati, ho ritrovato la velocita' del vento in quella zona , calcolata dall'anemometro o oggetto similare dell' aeroporto di Lamezia Terme, 41,8 km orari circa nella stessa direzione dei 5 aerei.
    Alquanto strano un rallentamento di circa 200 km orari
    Nel caso , come anch' io sostengo , si fosse trattato di caccia militari , vi ricordo che a dibattimento il cap. Cucch...., disse che ... ''I caccia militari piu' di tanto autonomia non hanno'''.
    Mi si contestera' che il testimone di Torremezzo vide provenire i caccia dal pelo dell ' acqua , dalla direzione ovest sud ovest, e non da nord ovest.
    Poco male .
    L'orario coincide
    Vi ricordo che anche l' NPC di Glons Bruxelles considero' in base alla velocita'di 1200 - 1300 km orari, la possibile natura militare dei velivoli.
    Il collegio peritale Dalle Mese correlo' .....questi caccia come possibile partenza da una portaerei , se essa si fosse trovata in navigazione .....
    In base agli orari , sappiamo che la Saratoga fino alle 18.30 L circa ,si trovava ormeggiata al molo S. Lucia come dimostrato dalle foto degli sposini , analizzate e prese in carico dal giudice Priore.
    Inoltre gia' a Sud di Ponza essi viaggiavano a 1200 1300 km orari .
    A questo proposito tornano utili le parole del cap Cucc.... il quale insieme al sergente Col...... sostenne di aver visto sulle console del radar di Ciampino dalle due alle tre tracce VELOCI che poi teminavano su una portaerei posizionata nel mar tirreno ad Ovest Sud Ovest di Ponza,in un luogo tale per cui il punto geografico in cui cadde il DC9 era
    IN BASSO A DESTRA rispetto al punto in cui tale porterei si trovava.
    Proseguendo con le mie ricerche sui numeri di Cols Bleus precedente e successivo alla data della strage, ho individuato dati che indicano la Clemenceau a Barcellona il 23 giugno e a Tolone il 27 Giugno.
    Tutti abbiamo visto il documentario francese in cui si specificava la presenza della Foch in navigazione quella sera. Nel documentario di Canal Plus, si specificava il dernier appontage il 27 giugno , prendendo coe riferimento dati e documentazioni di un libro dal titolo Le porte avions Foch
    Nel libro si narra di una flottiglia di caccia militari , la 17f , che effettuo' appunto il dernier appontage.
    Ho personalmente contattato il capo squadriglia ( di origini spagnole )di tale flottiglia di caccia militari. Egli mi ha assicurato che ....'''con su libro de vuelo abierto''' ....l'ultimo appontaggio sulla Foch avvenne il 13 giugno 1980.
    E che il 24, 25 26 giugno avvenne al largo di Tolone l'uso della Foch come nave scuola per i giovani piloti della scuola di piloti Escadrille 59s , sempre di stanza a Tolone aeroport de Hyeres.
    Anche qui , poco male,in quanto se vedete sempre nella perizia Dalle mese , tra i disegni della Track History Recording di Pogio Ballone c'e' un tracciato radaristico in fig A26 con NTN LL024 che nasce dal mare, passa in soli 12 minuti da quota 0 a 42 mila piedi, come riportato in Perizia Misiti (e cio' gia ' dimostra la atura militare del velivolo in fig A 26 ).
    Tale velivolo che nasce dal mare alle 21.00 , quindi negli stessi istanti in cui il dc9 si stava inabissando, viene inviato in direzione dell' isola del Giglio , dove circa mezz'ora prima un B/N 2 Islander della Transavio ammarava in emergenza . Lo stesso LL022 in figura A 26 giunge sulle coste francesi ad ovest di Cannes.
    Erroneamente il Dalle Mese , ipotizzava un atterraggio anomalo sull aeroporo di Nizza.
    Quell' aereo stava atterrando su uno dei due aeroporti della Marine Nationale in Cote Azur:
    Frejus dove erano dislocati dei Noratlas 2508 antisousmarine
    oppure piu' probabilmente Hyeres che era l' aeroporto attuale di Tolone e soprattutto la piu' importante base della Aeronavale Francaise
    Nel punto in cui e' nato il velivoo LL022 di fig. A26, intorno alle 17.00 zulu deve essere avvenuto qualcosa di talmente grave ( si potrebbe ipotizzare un primo combattimento aereo tra caccia militari ).
    Che abbia poi avuto come conseguenza
    A ) la dipartenza da Solenzara di tutti quei caccia visti dal genereale Bozzo nel pomeriggio del 27 giugno
    B ) secondo me quei velivoli visti dal Bozzo sono gli stessi evidenziati nella perizia numero LXV Nato programming Center, nella quale a pag. 2921 2922 e' riportato che ....tra le 17.11 e le 19.01 si rileva al largo della costa Nord Est della Sardegna tutta una serie di sciame di plots sicuramente militari in base al codice transponder 4300, che indica velivoli NATO , AIRCRAFT RECEIVING A SERVICE FROM AN AEW AICRAFT . Aew indica l'awacs oppure un E2c Hawkeye
    Sempre con riferimento a quei velivoli militari segnalati a Nord est della Sardegna, insisto sul fatto che l'orario coincide con quello dei caccia partiti da Solenzara , visti dal Gen. Bozzo in direzione del centro del tirreno, dove il Cap Cucch....vide dal radar alcuni caccia quotare altitudine 00
    Negli stessi minuti alle 17.41 ,come confermato da almeno una telefonata partita dalla sala del Centro radar di Ciampino tra Guidi e Fiorito , si ordinava la deviazione a due f111 provenienti da Lakenheatsu Grosseto e Aviano
    E' importante la focalizzazione degli orari, in quanto fu impartito anche a Grosseto (che quella sera non era in allarme in quanto lo erano Gioia del colle, Rimini e Cameri come riportato nel libro di Fabizio Colarieti ) di inviare caccia militari
    A)in codice 7700 en case de interception militaire ALERTE GENERALE
    B) in codice 7777 interception militaire ( informazioni tratte dal sito wikipedia / code transpondeur.)
    I caccia militari partiti in allarme da Grosseto puntavano tutti in direzione del punto da cui si e' librato dal centro del mar Tirreno il velivolo LL022 di fig. A26, atterrato poi su Frejus o piu' probabilmente su Hyeres Tolone
    Questa ampia trattazione concernente i velivoli in allarme nel centro del Tirreno l'ho esposta ,per cercare un filo logico di stabilire di che nazionalita' fossero i 5 caccia che a 1200 1300 km h viaggiarono fra il sud di Ponza e le coste calabresi fra le 17.24 e le 17.50 zulu
    Vi ricordo che alle 18.12 zulu avvenne una telefonata fra il cram di Marsala (maresciallo Abate ) e la terza regione Aerea , in cui si parla di 5 velivoli in ALLERTA Charlie e 5 in ALLERTA Delta. Il maresciallo Abate parlo' di ...ARRIVATO MEZZ'ORA FA .....
    Se voi focalizzate gli orari quei 5 caccia..ARRIVANO.... MEZZ'ORA PRIMA DELLA TELEFONATA IN CALABRIA.
    I primi quattro sono stati seguiti plottaggio dopo plottaggio.
    A differenza dl quinto che viene seguito in parte da Marsala AJ e in parte da Otranto Jacotenente LJ .
    Cio' spiegherebbe la telefonata fatta sempre da marsala , questa volta con il Maresciallo di Siracusa .... VEDI CHE SONO 5 I VELIVOLI...... AH NON QUATTRO?....
    Il g. Priore escusse 3 piloti della base di Istrana a proposito del significato 5 charlie e 5 delta.
    Essi risposero che non avevamo il numero di caccia sufficienti per farli decollare dalla stessa base aerea.
    Quindi i 10 caccia in allarme non erano italiani
    Analizzando le parole dell'amm. Flatley , egli disse che i radar della Saratoga videro un nugolo di caccia militari andare verso SUD , che se non li si interroga , non se ne conosce l'identita' .
    L' orario( tre ore pomeridiane durante le quali fu fatta manutenzione ai radar ) a cui faceva riferimento il Flatley era lo stesso in cui quei 5 velivoli C17, C18, C20, C21, C22 viaggiarono dal sud di Ponza alle coste calabre
    In base alle parole dell'Ammiraglio americano che disconosceva l'identita' dei caccia, possiamo affermare che essi non erano americani,
    Nemmeno inglesi, in quanto l'esercitazione Patricia ( in cui erano stati ristruiti i neopiloti di Phantom a rifornirsi in volo ) era terminata da alcune ore.
    Ora, ricordando che il documento LXV del NPC di Glons , parlava di caccia militari a Nord est Sardegna diretti verso il medio basso Tirreno gia' ale 17.11 zulu, e considerando che in quello stesso orario non erano stati allertati ne' Italiani e ne' Americani, la mia riflessione e' che i velivoli plottati el nord est Sardegna siano partiti da Solenzara, proseguendo la loro traiettoria fino alle coste Calabresi.
    Un particolare in piu'.
    Ipotizziamo che quei cinque velivoli C17 C18 C20 C21 C22 si siano essi posti all'inseguimento del Mig ritrovato sulla Sila
    Il Mig fu trovato con la freccia alare settata al minimo .
    Cio' fa intuire un viaggio avvenuto per la gran parte a bassa altitudine
    Una perizia individuo' in 250 300 miglia nautiche la distanza percorsa dal Mig volando ad una altitudine inferiore ai 4000 piedi senza serbatoi aggiuntivi
    Gli Ufficiali Marcucci e Ciancarella , comunicarono di aver trovato almeno due testimoni secondo i quali il Mig parti' da Pratica di mare .
    Come ho dimostrato ad inizio trattazione , l'inseguimento visto dai tre testimoni tra le coste calabre, monte Cocuzzo e Castrolibero, coincide temporalmente con l'arrivo al largo di Torremezzo di falconara Albanese dei 5 velivoli trattati.
    Facendo un calcolo partendo a ritroso da Castelsilano - Castroibero - Torremezzo e calcolando il tracciato dei caccia che giunsero dinanzi a Torremezzo, il Mig puo' essere partito da un aeroporto intorno a Roma .
    E cioe' Fiumicino , Ciampino oppure PRATICA DI MARE
    Da ultimo, volevo ribadire che , se di inseguimento sie' trattato, gli orari degli aerei giunti sulle coste calabresi sarebbero secondo me gli stessi visti partire da Solenzara dal Gen. Bozzo.
    E cioe' Francesi.
    Il primo militare che giunse a Castelsilano ( Filippo D.B. ) il 28 giugno, vide un caccia militare a Timpa delle Magere di colorazione Bianca e azzurra , e con una croce sulla fiancata.
    Completamente diversa dal Mig ritrovato il 18 luglio.
    E con il corpo del pilota accasciato sulla cloche . In condizioni non uguali alle condizioni del pilota libico
    I superetendard francesi erano BIANCO AZZURRI E CON UNA CROCE SULLA FIANCATA
    Ho inoltre fatto una ricerca sui piloti di Superetendard delle Flottilles 11 e 13 della Aeronavale Francaise
    Ho recuperato alcuni dati di archivio dei certificati di morte di tutti i francesi avvenuti nel 1980.
    Ivi compresi i certificati di morte ( acte de deces ) del 27 juin 1980.
    Quando avro' ulteriori approfondimenti li comunichero'

  4. #654
    Moderatore L'avatar di gagliardi
    Data Registrazione
    Sep 2011
    Località
    je suis partout
    Messaggi
    8,105

    Predefinito

    Ciao @Alicenina,
    visto che sei un nuovo utente, t'invito a presentarti nell'apposita sezione e a leggere il Regolamento (trovi i link nella mia firma), che ti aiuterà a orientarti su MF.
    Se sei un nuovo utente, Benvenuto! Ricordati di presentarti QUI

    Prima di aprire nuove discussioni e di postare messaggi, dai un'occhiata al REGOLAMENTO

  5. #655

    Predefinito

    Buonasera
    volevo sottoporre la vostra attenzione su altri particolari avvenuti la sera della strage
    Come gia' esposto, in Calabria e' il terzo testimone una delle chiavi per capire la dinamica dell' inseguimento avvenuto fra caccia militari.
    Come riprova , ipotizziamo che quell' inseguimento il dott. De M. ad Andreotta ( fraz di Castrolibero) lo abbia visto alle 19.35 L , con angolo di Azimuth 293, 75 ed angolo di elevazione 7.88.
    Cio' non e' vero ,in quanto considerando l'altitudine della collina 405 metri circa ,che in direzione ovest sovrasta la fraz. di Andreotta , in questo caso il De M . avrebbe visto velivolo inseguito e velivoli inseguitori tutti col sole non ancora tramontato.
    Allo stesso modo non puo' essere vero che tale inseguimento sia avvenuto dopo le 19.45 , in quanto, considerando l'angolo di Azimut 295.24 gradi e di elevazione di 6.12 gradi, in queste condizioni i dott. De Marco a Castrolibero avrebbe visto aereo inseguito ed inseguitori col sole gia' tramontato dietro la collina che sovrasta ad ovest la frazione di Andreotta .
    Cio' significa che quell' inseguimento avvenne intorno alle 19.40.
    E il dott Cannizzaro sulla costa nell' abitato di Torremezzo di Falconara Albanese lo vide intorno alle 19. 35 , cioe' nello stesso orario - 17.36.15 in perizia Dalle Mese - in cui il primo dei cinque velivoli C17 plottati tra la zona dell' isola di Ponza e le coste calabre giunse davanti a Torremezzo di Falconara Albanese.
    Un particolare in piu'.Come disse il cap Cucchiarelli ... '' I caccia militari piu' di tanto autonomia non hanno '''.
    A pag 1255 della Sentenza Ordinanza , il G. Priore commento ' il bigliettino Tascio Notarnicola in cui i due generali correlavano la vicenda del Mig ritrovato a Castelsilano con quella del Dc9...'' DC9 Ponza tracce registrate ....''
    Il commento del Priore fu.......''Non puo' non suscitare interesse il fatto che SISMI E SISDE prestano particolare attenzione all' isola di Ponza, che e' quella in cui il Dc9 transita pochissimo tempo prima della caduta e sulla quale alcuni controllori di volo di Ciampino avevano individuato presenze di traffico militare in orario di poco antecedente alla caduta del Dc9.
    In sostanza la mia riflessione e' la seguente : considerando che quei cinque velivoli vengono plottati fra le 17. 25 . 33 e seguenti , esttamente un'ora circa prima che il Cucchiarelli vedesse le tracce veloci quotare 00 nel centro del mar Tirreno in rientro dal settore PIA a sud di Ponza verso le 20.15 .( Cioe' le 18.15 zulu) , possiamo ritenere che essi velivoli siano gli stessi dopo la missione operativa compiuta in Calabria.
    E che quella frase del bigliettino .... Dc9 Ponza tracce registrate ,,,,si fosse riferito non tanto ai velivoli visti dal Cucchiarelli, quanto ai cinque velivoli nelle figure C17 C18 C 20 C 21 C 22 TRACCIATI NELLA THR DEL RADAR DI MARSALA
    E che al di sotto di questi velivoli ci sia stato il mig 23 partito da Pratica di mare
    Non foss'altro che per una mera correlazione spazio temporale , essendo il primo dei cinque stato plottato alle 17.25.33 zulu, come orario siamo circa 15 - 20 minuti dopo il plottaggio narrato nella perizia LXV , in cui si parla di velivoli plottati con tracce di solo primario nella zona delle Bocche di Bonifacio alle 17.11 zulu provenienti da nord
    (Solenzara ?) nello stesso orario in cui il Gen. Bozzo vide la partenza a ripetizione di piu' caccia militari .
    Di cui vi ho gia' fatto focalizzare la vostra attenzione nel post precedente.
    Un particolare in piu' sulla discrepanza del ritrovamento del Mig a Castelsilano di colore verde e marroncino , tipo mimetica militare , e il velivolo visto dal Filippo D. B. che fu nel gruppo tra i primi militari a montare di guardia del relitto , la cui fusoliera era di colore BIANCAZZURRA E CON UNA CROCE SULLA FIANCATA , COME HANNO ETENDARD E SUPERETENDARD FRANCESI !
    La possibilita' che sulla Sila i CACCIA PRECIPITATI SIANO STATI DUE , e' data dalle parole del cap. Santol...do e dai coniugi Zan...tta a dibattimento.
    Piu' volte i due coniugi dissero di non ricordarsi se i due anni in cui fecero le vacanze fossero stati il1979 e il 1980 oppure la coppia 80 - 81.
    Un particolare lo dimostra . Lo Zanc..tta disse a dibattimento che nella prima delle due vacanze si trovavano in un luogo roccioso ed impervio , mentre nella seconda una ampia spiaggia permetteva ai loro bambini piccoli di divertirsi sulla sabbia .
    Tra l'altro la coppia Zanc..tta disse che termino' prima la vacanza nel luogo impervio facendola durare solo dai 7 - 9 giorni quando NON ERA IN COMPAGNIA DEL SANT...UIDO.
    Mentre la presenza dell' UFF.LE elicotterista dei CC avvenne quando la spiaggia era piu' accessibile, l'anno successivo, cioe' la seconda volta.
    Il presidente Muscara' mostro' la permanenza dei coniugi Zan..etta della vacanza non interrotta tramite la certificazione dellla loro permanenza fra il 29 giugno e il 13 luglio
    Quindici giorni, ben oltre i sette - nove della vacanza precedente.
    Il particolare inoltre su cui volevo attrarre la vostra attenzione e' che nella seconda vacanza , i coniugi zanc...tta furono recuperati all'andata o al ritorno dal Cap. Sant..quido dopo il viaggio fato con un Itavia . Nell' aereo si parlo' dell' incidente del Dc9.
    I VOLI ITAVIA CESSARONO TRA L' INVERNO E LA PRIMAVERA 1981.CIO' 'PROVA INDISCUTIBILMENTE CHE LA SECONDA VACANZA FATTA DAGLI ZANC...TTA IN CALABRIA FU NEL 1980 INSIEME AL CAP SANT..QUIDO.
    IL QUALE RECUPERO' IL CACCIA MILITARE NEI VALLONI DELLA SILA PRIMA DEL RITROVAMENTO UFFICIALE DEL MIG 1L 18 LUGLIO , CARICANDOLO SU CAMION NATO
    Volevo inoltre farvi notare che il recupero del Santol...uido si riferiva da un secondo caccia caduto sulla sila per il seguente particolare .
    Egli chiese ed ottenne lo sganciamento dei serbatoi supplementari , ovviamente per una maggiore manovrabilita' in fase di recupero
    Vi faccio notare che nell' escussione del Gen. Tascio dinanzi alla commissione stragi in data 26 luglio 1989, cosi' disse della struttura del Mig 23 ritrovato a Castelsilano
    .......''NON SONO STATI RITROVATI NE' RINVANUTI I TRAVETTI (PYLONS ) SU CUI VENGONO MONTATI I SERBATOI AUSILIARI...
    Cio' dimostra che il velivolo recuperato dall' Elicotterista dei CC fu diverso dal Mig.
    A dimostrazione che sulla Sila molto probabilmente caddero due caccia militari, non uno
    Spostiamo l' attenzione sui codici sif trasmessi quella sera
    Molti si sono concentrati solo sul codice 7300 trasmesso dal TF104 pilotato dalla coppia Naldini e Nutarelli squocato alle 18.25.21 , alle 18.42.25 e alle 18.42.37
    Facendo delle ricerche anche sul velivolo della Malaysian Airlines 370 caduto alcuni anni fa, mi sono imbattuto sull' analisi dei codici sif nviati da quell'aereo e riportati nel libro di Sylvia Wrigley '' The mystery of the Malaysia airline flight 370.
    Tra gli altri VENGONO EVIDENZIATI codici
    7777 che corrisponde ad un Department od Defense interceptor aicraft on AN ACTIVE AIR DEFENSE MISSION WITHOUT ATC CLEARENCE
    7700 EMERGENCY
    Il codice 7777 indica un segnale usato nei casi di ATC CLEARENCE
    Riporto direttamente dal sito della federal aviation FAA : An atc clearence means an authorization of the Air Trafic Control for the purpose of preventing collision between known aircraft ( traduzione ALLO SCOPO DI PREVENIRE LA COLLISIONE FRA AEREI CONOSCIUTI ).
    Bisogna focalizzare il luogo fisico dove il codice 7777 viene squoccato
    I tre tf104 furono inviati a Villafranca per una missione di approach
    Considerato il Tacan fuori uso di Villafranca si decise di operare la missione su ghedi .
    Quel codice 7777 fu suoccato dal velivolo LK 017 AA017 LE017 , cioe' dal Bergamini e dal Moretti sulla normale di Goito.
    A partire dalle 18.00.12
    Essi trasmisero anche come la coppia Naldini e Nutarelli il codice 7300 emergenza generale alle 18.00
    Tale emergenza generale non fu confermata , cosa che fecero dopo i due piloti deceduti a Ramstein.
    Va pero' fatto notare cio' che disse il Moretti a dibattimento , pag 17
    '''''Puo' esservi un messaggio di conferma in volo tramite IFF ?'''
    La risposta '''...Di conferma no , cioe' una volta che viene lanciato il segnale di emergenza gli enti del traffico aereo prendono atto che il velivolo segnala una emergenza.... '''
    Cio'indica che gia' a villafranca si' e' verificato un episodio talmente grave da provocare il lancio di ben due segnali di emergenza 7300 e 7777 ben prima del segnale di emergenza lanciato dal Naldini e dal Nutarelli
    A questo proposito vi ricordo che con riferimento al capitolo di Villafranca, il Maresciallo Berritta e l' omologo Pintore di Istrana , rimembravano la partenza di un Corsair A7 intorno alle 20.00 cioe' negli stessi minuti in cui i due tf104 squoccavano i codici di allarme 7777 e 7300
    L' ACC di Padova non sapeva se dare precedeza al Corsair libratosi da Villafranca o al Dc9 in partenza da Bologna
    Essi ricordavano che il Corsair aveva come destino ZZZZ che indica una portaerei in mare aperto, cioe' nel Tirreno
    Vi ricordo che il tecnico MABER, che in questo forum ha ulteriormente rafforzato l' ipotesi che sotto la fusoliera del Dc9 ci fosse un velivolo sconosciuto, sosteneva nel post 625 la possibilita' che il velivolo all'ombra del dc9 fosse partito proprio da Villafranca
    Vi faccio notare anche che il Dalle Mese nell' udienza del 25 marzo 2003 a pag 75 sostenne che
    ''''.. mah per esempio questo velivolo all'ombra del dc9 poteva stare sotto la coppia degli f104 provenienti da Villafranco e svincolandosi, posizionarsi sotto il Dc9 ''...
    A questo proposito vi e' anche da riflettere sul serbatoio ausiliario di un Corsair A 7 ritrovato tra i reperti recuperati nella zona di recupero del Dc9 a nord di Ustica nela zona D
    Lascio a voi ogni riflessione
    Vi ricordo , come gia' per altro fatto gia' nel precedente post , che da Grosseto ( pur non essendo in allarme , infatti quella sera lo erano Gioia, Cameri e Rimini )partirono alcuni
    caccia LL013,LL425 alle 18.16 . 27 ed altri, alcuni dei quali squoccarono il segnale 7700 che rappresenta un ..URGENCE ET INTECEPTION MILITAIRE PAR EXEMPLE , ALERTE GENERALE , come riportato tra i codici di allarme del sito wikipedia/transpondeur code
    Se considerate che i piloti di Grosseto non erano ne' in ready five , ne' in ready ten , ne in ready fiftheen, ricadiamo sempre nell' orario fra le 17.30 zulu e le 18.00 zulu, come orario impartito ai piloti di Grosseto di partire in allarme in direzione sud sud ovest. In direzione dello stesso punto in cui il Cap Cucchiarelli disse di aer visto Due / tre tracce veloci quotare 00
    Spostiamo ora l'attenzione sulle fasi di poco precedenti la caduta del Dc9, considerando lo scramble avvenuto sul COSIDDETTO ZOMBIE SARDO AJ453
    Tale velivolo in fig. 31 in perizia Dalle Mese, iniziato a plottare a pochi km a sud di San Lorenzo di muravera ( si badi bene non sappiamo da dove esso e' partito !) viene agganciato dal caccia militare AJ024 in fig. 24
    Come riportato nella memoria degli Avv.ti Gamberini, Marini ,Di Maria gia' citata e' evidenziato che il caccia militare della Nato AJ024 rimane agganciato per circa un minuto e mezzo allo zommbie sardo, esattamente fra le 18.12.06 e le 18.13.51 zulu ASSUMENDONE PER CIRCA 100 SECONDI IL COD. SIF 0773
    Scrivendo su internet CRAMBLE RULES FIGHTER JET , risulta sul Daily Telegraph che ...
    ...''in a worst case scenario ( NELLO SCENARIO PEGGIORE )if a pilot of a commercial or aircraft jet did not respond to repeat ed attempts to communicate , the aircraft would be shot down
    In sostanza in caso di intercetto ,se il VELIVOLOintercettato non risponde ai ripetuti tentativi di comunicare, esso puo' al limite essere abbattuto.
    Tutti sappiamo che il radar di Marsala plotto' due volte doppie battute il caccia AJ453 proprio durante le fasi di intercetto , per poi rimanere un solo dei due iniziali
    Dell'altro nulla piu' si e' saputo
    Sempre sul documento Gamberini Marini Di Maria e' riportata la velocita' 378 miglia - circa 720 km orari- nautiche dello zombie sardoAJ 453 rimasto solo in fase di atterraggio a pochi km da Tunisi.
    Cio' dimostra anzitutto il carattere militare di tale velivolo.
    Nessun aereo civile atterra a tale velocit' su un aeroporto
    Ed inoltre che tale velivolo sfuggiva da qualcuno
    Ora confrontate lo scramble citato con lo scramble avvenuto il 22 marzo 2018 fra due Eurofighter levatisi in volo da Istrana - che abbatterono la barriera del suono all' altezza della provincia di Bergamo , causando lo sfondamento dell' androne della procura di Bergamo -.
    Lo scramble operato dagli Eurofighter e l'Airfrance agganciato sulla normale della val d' Aosta e' pressoche' identico con quello avvenuto lasera del 27 giugno fra il caccia Nato AJ024 e lo zombie Sardo
    Vi ricordo che anche a un caccia italiano fu dato l'ordine alle 18.22 di scramble in FIGHTER ALLOCATOR,partente dalla base di Trapani,pur non essendo Tapani quella sera in allarme, allarme poi rientrato, vista la presenza in loco di altri caccia
    In piu' anche un altro velivolo LL450 ( militare per aver squoccato cod. 4300 ale 18.21 .48 zulu ) iniziato a plottare dal largo della rada di Olbia , si dirigeva verso il luogo geografico a sud est della Sardegna in cui avvenne lo scramble del AJ024 nato sulla zombie sardo
    Volevo ribadire come gia' peraltro fatto che il cod. 4300 e' un Aircraft receiving a service from an aew (Awacs or E2c hawkeye ) , cioe' un ordine di volo impartito da un Awacs o similare aereo radar
    Il perito di parte lesa Itavia Luigi di Stefano,si concentro' su una traccia AA450 E AJ450 in fig. 37 in perizia Dalle Mese
    E sostenne la natura di guerra elettonica compiuta da tale velivolo sul Dc9
    Volevo solo farvi notare che esso portava lo stesso Nato Track Number del velivolo LL450 mossosi dal largo della Rada di Olbia in direzione del Sudest della sardegna dove avvenne il gia' citato scramble con lo zombie sardo
    Tra i militari escussi come riportato nel documento Gamberini e altri il maresciallo identificatore di Licola Lucio A. disse che ... '' la traccia cosi' come nasceva cosi' doveva morire nel senso che il sito che l'avvistava PORTAVA LO STESSO NUMERO FINO A TEL AVIV SE NASCEVA DA ROMA.
    E il capo sorveglianza di Marsala Avio G. ....''Teoricamente una traccia che nasce in Norvegia DOVREBBE CONSERVARE LO STASSO NUMERO NTN FIN DOVE ATTERRA...''
    Da notare che nel documentario francese trasmesso da Matrix ...IL MISSILE FRANCESE... fu riportata una intervista di alcuni anni prima in cui il presidente Cossiga al minuto 36.25 del documentario disse che ....insieme all' Ammiraglio Martini considerammo la circostanza che un radar italiano AVEVA BATTUTO LA TRACCIA SULLA DIAGONALE DI OLBIA
    Vi ricordo che il velivolo LL450 ( che aveva lo steso NTN dell'aereo che si ipotizza in guerra elettronica col Dc9 , e cioe' il AJ450 ) fu iniziato a plottare a poche miglia nautiche dalla rada di OLBIA
    Sempre il caccia LL450 fu inizito a plottare nello stesso punto del mar Tirreno in cui il Cap Cucchiar..li disse di aver visto le tracce quotare altitudine 00
    Ipotizzando la presenza di una portaerei
    Il Cossiga disse di un caccia Francese partito dalla Cleenceau.
    Lo stesso punto da cui fu iniziato a plottare il caccia LL450 , appunto
    A voi ogni riflessione

  6. #656
    Capitano L'avatar di altairV
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Messaggi
    2,350

    Predefinito

    Non mi pare che gli Etandard e Super Etandard abbiano croci ma bensì àncore, nella coccarda tricolore, in quanto velivoli della Marina.

  7. #657

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da altairV Visualizza Messaggio
    Non mi pare che gli Etandard e Super Etandard abbiano croci ma bensì àncore, nella coccarda tricolore, in quanto velivoli della Marina.
    Altair se lei guarda tutte le foto degli etendard ivm e dei superetendard fra il punto di attacco anteriore dell'ala dei caccia teste' menzionati e il cupolino del pilota ,c'e' un quadrato di colore rosso largo circa 60 per 60 cm , oppure 70 per 70 con all'interno una coce sempre di colore rosso
    Che ben risalta rispetto alla colorazione bianco azzurra deli velivoli
    Tenga presente che il Filippo D. B. parlava di fiancata, e la posizione di questa croce per i due caccia francesi nominati , era a circa 2 metri dal cupolino.

  8. #658
    Capitano L'avatar di altairV
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Messaggi
    2,350

    Predefinito

    Trovato. E' l'indicazione di "no touch/no Step" sulla presa d'aria supplementare. Pensavo intendesse ad un'insegna.
    Si, interessante osservazione su questo particolare caratteristico del velivolo.

  9. #659

    Predefinito

    Buonasera
    Capitano Altair la ringrazio per l' interesse mostratomi
    Trovera' parimenti interessanti i dati che forniro' anche stasera
    Partiamo da quel capofuriere citato dal Brian Sandlin nel documentario di Atlantide
    Esattamente dopo 1h 20 min e 30 sec del documentario
    Il cui assassinio , secondo il marinaio intervistato dal giornalista Andrea Purgatori, sia riconducibile a quelle morti sospette di radaristi e militari che conoscevano la verita' sulla dinamica del combattimento aereo avvenuto la sera della strage.
    Sono riuscito a ritrovare in una libreria di Norfolk ( Virginia ) una copia del libro citato dal Sandlin ,che narrava le vicende del Med Cruise 1980 della Portaerei a stelle e strisce
    Tale libro l'ho inviato ad uno degli avvocati ,che tutelano i familiari delle vittime
    In esso e' riportata una intera pagina relativa al Capofuriere Marvin Eugene Bl....ship
    Egli era uno degli appartenenti al comando della portaerei , cioe' al CAW Carrier Air Wing 3 staff
    Svolgeva il compito di Master Yeoman, Capofuriere appunto , o ruolo similare
    Inoltre, era un AVIATION WARFARE SPECIALIST , cioe'uno specialista di guerra aerea , capace di seguire e di guidare dalle consolle dei radar della portaerei americana le missioni operative dei caccia decollatidal ponte di volo
    Il Sandlin disse che quel Capofuriere mori' a Napoli alcuni giorni dopo la strage di ustica
    No
    Sul sito Disastro di Ustica , e' riportato un documento del National Archive Usa
    In esso e' riportato che quel capofuriere mori' in Spagna il 13 Luglio 1980
    Ho fatto quindi una ricerca ,con l'ausilio di alcuni amici di Barcellona su alcuni giornali , non del 14, visto che l'assassinio avvenne a sera inoltrata , ma del 15 luglio 1980
    Abbiamo ritrovato ritagli di giornale sia de EL PAIS sia de LAVANGUARDIA riguardanti la tragica orte del capofuriere
    Riporto testualmente dall' Avanguardia
    ''...El sergento de Infanteria Marvin Eugene B. fue' agredido por varios individuos en Calle Nueva De San Francisco en el Barrio Gotico de Barcelona, que le asestaron diversas cuchilladas en el pecho. Se ignoran las circumstancias asi' como la identidad de los agressores
    Il Barrio Gotico si trova fra la Rambla Principal, La Cathedral e la Sagrada Familia
    Una viuzza molto stretta trasversale di Carrer Ferran
    Ottima posizione strategica per tendere una imboscata a qualcuno
    Consultando il gia' citato libro sulla Saratoga , ci sono nel libro le foto dei vari porti di toccata in cui la Saratoga e' stata, cioe' Palma di Mallorca, Napoli , Tunisi , Malaga , Livorno
    Neanche una foto su Barcellona !!
    Anche questa uccisione aveva un significato :
    Bocche cucite , senno'.......
    In un sito di veterani shipmates ( compacni di missione ) e' riportato che quella sera era il RETIREMENT PARTY a cui parteciparono piu' colleghi del capofuriere americano, come correttamente esposto dal Sandlin nel documentario di Atlantide
    E il Marvin B...ship la sera dopo di questo Party all' eta' di soli 43 anni sarebbe tornato in America
    Come disse il Sandlin i killer andarono dritti verso il militare Blank....ip , senza curarsi dei colleghi intorno a lui
    Passiamo ora ad esaminare un altro radarista
    E cioe' quel Roland della Base Aeronavale di Mont Agel ( Nizza )
    Tale vicenda trae spunto dalla vicenda del maresciallo Dettori morto tragicamente nel 1986
    Il Dettori si trovava in uno dei turni pomeridioano o notturno, -non ricordo-, e disse alla cognata che ....
    '''...Quella sera stava per scoppiare la guerra...
    Anche qui, consultando il sito francese di ritrovi di vecchi compagni di scuola e di lavoro, COPAINS DAVANT, specificando nel sito Roland BA 943 Mont Agel, mi sono imbattuto in un radarista Roland R...rd , che sia la sera della strage , sia durante i mesi in cui il Dettori si reco' in missione a Mont Agel, sia i giorni prospicienti la morte del Radarista di Poggio Ballone , in tutto questo periodo Il Rolando R...rd si trovava operativo nella base di Mont Agel.
    Il Roland R..rd attualmente vive ad Ingre' ( Orleans )
    Un particolare in piu' sui codici sif squoccati quella sera.
    Alle ore 22.39 zulu fu creata da Torrejon la famosa traccia KA011 , che riplottava la traccia AA450 AJ450 , che secondo il perito Itavia Luigi D. S. quella sera opero' in guerra elettronica contro il Dc9
    Negli stessi minuti , alle 22.34 zulu fu creata la traccia AJ000 in un punto circa 40 km dal disastro
    Tale traccia fu assegnato cod 45
    Scrisse il web master di Seeinside che il cod 45 si assegna a velivoli in EMERGENZA.
    Volevo , pero' attrarre la vostra attenzione che anche nella notte alle 1.04 zulu ( alle tre di notte ) , Poggio Ballone assegno' il cod 45 Emergenza ad un OGGETTO LL000 CHE SI MUOVEVA A BASSA VELOCITA' ....
    La stessa dicitura la troviamo nel documento LXV, gia' citato nei post precedenti ,a proposito di un bersaglio in movimento lento e costante nel centro del Mar Tirreno verso cui si dirigevano una serie di plots plottati dalle bocche di Bonifacio .
    Aggiungo io PARTITI MOLTO PROBABILMENTE DA SOLENZARA , considerata la coincidenza spazio temporale con i velivoli militari visti dal Bozzo partiti dalla Base Aerienne della Corsica.
    Per individuare la posizione geografica dei due codici 45 di quella notte e' sufficiente scrivere su internet LL000 AJ000 COD.45
    Che si trattasse o meno di portaerei Foch o Clemenceau o di altra unita' navale , poco importa , quello che e' importante e' che quel cod. 45 riguarda un oggetto di grandi dimensioni in movimento lento e costante come riportato nel documento LXV concernente gli elementi radaristici Nato
    Un particolare che ho omesso su quel Lk017 AA017 LE017 che dovrebbe essere stato il velivolo il TF104 della coppia Bergamini Moretti , che squocco' cod 73 emergenza generale e cod 7777 interception militaire , ben prima dei compagni di missione Naldini e Nutarelli
    Se guardate attentamente il velivolo del Bergamini fu STRANAMENTE GIRATO IN CROSSTEL FRA VILLAFRANCA E MARSALA in orario tra le 17.57.45 e le 18.06.08, come dscritto nella THR di Marsala
    Ad una distanza di 1400 km tra i due siti della Difesa aerea!!!!
    Una pura casualita?
    Non credo proprio.
    L'orario e' esattamente compatibile con quella eventuale partenza da Villafranca del Corsair A7 comunicata dai M.lli Berritta e Pintore al giudice Priore
    A questo proposito cito la perizia numero XXii Di Natale Torri , in cui si individuarono per quella sera TRE SITUAZIONI DI CRISI
    La prima relativa al gia' citato Zombie sardo AJ453 plottato per due volte con battute battute doppie e su cui si potrebbero ipotizzare due caccia di cui uno volo' di conserva e di cui non si seppe piu' nulla
    La seconda relativa alla TRACCIA AJ411 zombie
    Ma e' sulla terza che voglio portare la vostra attenzione, cioe' la traccia LJ041 plottata un'ora dopo la strage che fu attorniata da cinque tracce amiche AM202,203 204 205 206
    L'osservazione e' la seguente : la difesa aerea ordino' ad un gruppo di caccia di SCORTARE il velivolo proveniente dal basso Jonio e introdottosi nelle FIR italiane scortarlo per tutto il tragitto del basso Tirreno in direzione nord ovest
    Allo stesso modo secondo me , potrebbe essere stato dato l'ordine al Corsair a7 eventualmente partito da Villafranca di '' scortare '' il Dc9 lungo tutto il tragitto, considerando che , come orario , siamo circa mezz' ora dopo l' arrivo avvenuto sulle coste Calabre dei cinque caccia a velocita' MACH 0.9 / 0.95 e siamo negli stessi minuti in cui partirono quei 4 / 5 caccia in allarme da Grosseto verso il centro del Tirreno
    Avendo citato i cinque velivoli Ponza - coste calabre , giunti in Calabria:
    i primi quattro fra le fra le 17.36 e le 17.50
    e il quinto plottato il primo troncone AJ014 e il secondo troncone LJ460, volevo farvi notare aggiungere un particolare in piu' sulla telefonata ..''cinque charlie E CINQUE DELTA'''..
    Nella telefonata si sostiene che .... LUI LUI ME LO HA DATO ADESSO E' ARRIVATO MEZZ' ORA FA, riferendosi al quinto dei velivoli in allerta DELTA COMBAT READY
    Se voi guardate l'orario della telefonata,
    1) avviene MEZZ'ORA DOPO L'ARRIVO DEI CINQUE CACCIA IN CALABRIA
    2) nella telefonata successiva sempre il Pasquale A. comunica al nuovo interlocutore ( Pasquale A. della base di Siracusa ) che i velivoli in Allerta Delta Combat Ready sono 5 e non 4
    3) Dei cinque velivoli il quinto e' plottato in parte da Marsala AJ014 dalle 17.41 alle 17.46. Per poi riceverlo in Crosstel ( lui lui me lo ha dato adesso ) da Lj cioe' la base radaristica di Jacotenente o di Otranto che trasmetteva a Jacotenente i suoi plottaggi
    La seconda parte del plottaggio del velivolo AJ014 avviene fra le 18.02 e le 18.04
    Esattamente qualche minuto prima della telefonata menzionata.
    La mia riflessione e' che quei velivoli in allerta Delta citati dal Pasquale A. siano proprio i 5 velivoli Ponza - Coste Calabre , in Combat ready
    Tra l'altro se voi vedete ,i cinque velivoli puntano tutti verso la parte sud della Calabria, superata la quale avrebbero continuato la loro corsa verso il basso Ionio. Luogo in cui solo il radar di Siracusa aveva ampia detection. E cio' proverebbe la telefonata fra il sito di Marsala e quello di Siracusa
    Sembrerebbe che il senso della telefonata fra Marsala e Siracusa fosse :
    ....''STAI IN CAMPANA CHE NELLA TUA ZONA STANNO ARRIVANDO CINQUE CACCIA IN COMBAT READY .....''...... AH NON QUATTRO ? ''''
    Aggiungo un particolare in piu' sulla famosa telefonata delle 20.04 zulu registrata molto probabilmente a Grosseto
    E' pur vero che al momento della telefonata era passata gia' piu' di un'ora dalla caduta del Dc9
    La telefonata avvenne fra igli uff.li Capi...ni , Giag...rio e il terzo intelocutore ( un radarista di Poggio Ballone come testimoniato dalla frase '''..la su da voi ''')
    Va subito detto che non c'e' nel colloquio un minimo accenno alla vicenda del Dc9.
    Anche la frase'''.... ritardo di linea o di chiesa''.... fu scambiata dal Priore come uno dei passaggi in cui i tre parlavano della vicenda del Dc9 caduto.
    Chissa' poi come e chi abbia comunicato ai tre, che il velivolo dell' Itavia fosse stato in ritardo e' tutto da dimostrare
    Troppo poco per poter dire che quel colloquio sia avvenuto quando i tre interlocutori fossero gia' stati informati della tragedia
    PIUTTOSTO ESSI SVOLSERO IL COLLOQUIO PARLANDO DI AVVENIMENTI - ...PHANTOM , SCOPPIATO IN VOLO , CADUTO,..... AVVENUTI PRIMA DELLA CADUTA DEL DC9 , E CIOE' NEL TARDO POMERIGGIO
    Infatti evidenziero' quanto segue
    1) il radarista '''LASSU' DA VOI '' deve aver percorso il tratto di strada Poggio ballone Tirli in non meno 15 - 20 minuti considerando la tortuosita' del tragitto e all'amenta' del territorio
    2) superato l'abitato di Tirli aver percorso il tratto fino a Grosseto in non meno di altri 20 - 25 minuti , come riportato in siti specializzati di distanze k , come via michelin o altri
    3 ) essere entrato in un aeroporto militare in ALLERTA DELTA COMBAT READY, con la perdita di un ' altra manciata di minuti per i dovuti controlli dei piantoni all' ingresso dell'aeroporto di grosseto
    4) tornano utili le parole pronunciate dal Pasquale Morm..le alle 19.13 zulu a Poggio Ballone in cui si sente la chiamata IH870 sul canale di emergenza e col commento del Morm...le:
    ''Chiamano pure gli aerei qui . A tal prposito fu chiesto al Mor...le del turno Echo smontante alle 18.00 zulu di cenare in mensa e di fermarsi ulteriormente
    Calcolate che in quel momento a Poggio Ballone avevano gia visto tutti i caccia di Solenzara partire in allarme alle 17.11 zulu , due ore prima .
    ed anche quei quattro caccia partiti da Grosseto in ALLERTA COD. 7700 E 7777 gia' citati nel precedente post alle 18.18 zulu e minuti seguenti
    Secondo voi il terzo degli interlocuti della telefonata delle 20.04 , avrebbe lasciato la base del Poggio un minuto dopo la segnalazione della scomparsa del Dc9.
    Percorrere a gran velocita' il tratto P. Ballone - Grosseto, con tutto il traffico del venerdi' sera? E parlare in torre a grosseto con Giagn...io e Cap..ni?
    Il tutto in soli 50- 55 minuti ?
    IL TERZO INTERLOCUTORE SCONOSCIUTO LASCIO' IL SITO DI P . BALLONE PRIMA DELL'ABBATTIMENTO DEL DC9.
    Il che prova che quel phantom ... scoppiato in volo .... caduto.. sono EPISODI DI COMBATTIMENTO AVVENUTI GIA' NEL POMERIGGIO .
    Nella telefonata si parla anche di ...E' partito da napoli , per napoli... fermato... la portaerei in rada non l'hanno trovata .... un velivolo che al massimo dovrebbe andare a 450 ...caduto...
    Evidentemente fu dato ordine GIA' NEL POMERIGGIO ad un caccia di andare in direzione della citta' partenopea , che fu poi fermato
    La rada descritta fu per il priore Napoli e la portaerei la Saratoga non vista da un f104
    Non scherziamo!!! Un f104 vede una portaerei in meno di tre secondi
    Quella rada molto probabilmente si trattava di OLBIA e la portaerei era la stessa vista dal Cucchiarelli con i velivoli che quotavano 00 in un punto tale per cui, disse il cucchiarelli a dibattimeto....IL PUNTO ERA TALE CHE IL LUOGO DI CADUTA DEL DC9 ERA IN BASSO A DESTRA IN UNA DIREZIONE 80 MIGLIA NAUTICHE AD OVEST - SUD OVEST DI PONZA
    Che e' lo stesso luogo da cui si libro' in volo il caccia ll022 di fig . a26 gia' piu'n volte citato in perizia dalle Mese
    Come gia' vi ho detto in base ai numeri di COLS BLEUS la clemenceau era a Tolone e la foch anche , in quanto la sera prima terminarono i voli di addestramento della escadrille 59s al largo di Tolone
    I caccia che partirono in direzione della RADA ( DI OLBIA ) non trovarono la portaerei perche' molto probabilmente quei velivoli che quotavano 00 stavano effettuando una operazione di search and rescue o qualcosa di similare . Insomma in quel puno deve essersi verificata gia' una situazione ANOMALA.
    A questo proposito ricordate la frase ad inizio telefonata annunciata con l' altoparlante
    CALL FALCON CONTROL o qualcosa di simile
    Alcune frasi successive indicano un CADUTO.... al massimo dovrebbe andare a 450 . Cioe' 4500 piedi
    Sul sito di wikipedia francese l' etendard ivm quota al massimo IN FRANCESE PLAFOND 13716 metri , PARI A 45000 PIEDI
    Questo dato si ritrova anche negli archivi della Dassault Aviation
    GLI ETENDARD SONO DI COLORE BIANCAZZURRO , CON UNA CROCE SULLA FIANCATA
    IL FILIPPO D.B. CHE FU TRA I PRIMIA FAR DA GUARDIA A CASTELSILANO VIDE UN CACCIA MILITARE DI COLORE BIANCAZZURRO CON UNA CROCE SULLA FIANCATA
    Vi ricordo inoltre un particolare da tutti trascurato , e cioe' oltre al buco di 3 minuti fra le 18.30 e le 18.33 zulu , il sito di P. Ballone non forni' documentazione radaristicahe fra le 16.15 e le 17.45 circa
    Una coincidenza ?
    Inoltre sempre negli stessi minuti ,avveniva il famoso taglio del libro riportante le annotazioni contenute nel rapporto operativo del guida caccia Pasquale A.
    Quel ritaglio fatto sul libro ripartiva esattamente dalle 17.45 zulu come riportato nel gia' citato Documento Gamberini, Di Maria , Marini a pag.72
    Ore 17.45 Effettuati i controlli come da check list
    Ore 18.06 Fine allerta della 11
    A proposito la squadriglia 11 quella sera era ridislocata a Trapani Birgi
    Ma non erano in allarme solo Gioia del Colle , Cameri e Rimini ?
    Anche qui tutte casualita' ???
    Spostiamo la trattazine su quel velivolo ATI di cui si parlo' alcuni anni fa.
    Il comandante disse di aver visto dalla cabina di pilotaggio UNA PORTAEREI CON IL COMBAT GROUP DISPOSTO A LISCA DI PESCE INTORNO ALLA PORTAEREI pochi minuti dopo essre partiti da Palermo
    Nella perizia XV redatta dal perito dei familiari delle vittime paolo Migg..no e' riportato che ....la traccia AJ265 e' l'Ati Napoli Palermo atterrato a Punta Raisi alle 21.10....
    Sulla prima pagina di Repubblica del giorno dopo la strage e' scritto sulla spalla
    ....Ancora un segnale di vita dl Dc9, l ha raccolto il comandante di un Ati Bm 330 impegnato sulla Palermo Napoli....
    Se vedete in perizia Dalle Mese , l' unico palermo napoli dopo la tragedia e' quello di fig C66
    La porterei vista fu la Saratoga con il Combat group formato dalla Dahlgren ed altre umita' della Sesta flotta
    Un ultima cosa per stasera
    Mi sono messo alla ricerca di siti specializzati sui veterani della Saratoga, imbattendomi in Together we serve , Uss saratoga association ed altri siti
    In essi ci sono molti che descrivono il nome il grado e la mail
    Senza specificare l'argomento della caduta del Dc9 , uno di loro mi ha risposto nei giorni successivi le dichiarazioni del Brian sandlin che quella sera si trovava sul ponte di volo
    E' un ufficiale elicotterista dello Squadrone Hs7 R. L. J. che tra le altre cose ,cosi' mi ha scritto
    ....That night we launched phantoms fully armed . And they return unarmed...
    Cordialmente Alesandro

  10. #660

    Predefinito

    Buonasera
    volevo fornirvi degli uleriori dati su cui riflettere
    Tornando a quel capofuriere della Saratoga deceduto a Barcellona , il giornale Lavanguardia riporta in un articolo del 15 luglio 1980 la tragica scomparsa dell'Ufficiale della Us Navy
    Per scaricare il giornale citato ,dovete scrivere sul motore di ricerca HEMEROTECA LAVANGUARDIA.
    La pagina e' la numero 46 del giorno 15 luglio appunto, in un trafiletto a centro pagina.
    Il militare fu anche traslato all' Instituto Quirurgico municipal.
    Risulta anche della documentazione all' Instituto de medicina forense della capitale catalana, mi sembra sotto la dicitura Juzgado numero diez o qualcosa di simile.
    Tornando alla narrazione della gravita' di quei giorni ,volevo narrarvi anche un episodio ( per certi versi anche piu' grave della strage di Ustica ) avvenuto 4 venerdi' precedenti , cioe' il 30 Maggio
    La portaerei Foch stava eseguendo una esercitazione al largo della Sicilia.
    Come riportato nel forum anciens cols bleus / foch tome 1 ,alla pagina 26 , uno dei radaristi ( in francese detecteur ) cosi' scrisse a proposto dell' incidente riguardante un Crusader
    ....j'etait detecteur donc au pc , je me souviens qu' on ne savait pas quoi faire et que nous etions en exercise avec les americains, ils s'etaient proposes pour l'abbattre , mais finalment il a fini par tomber tout soul
    Il crusader partito dala Foch rimase pendant per 45 minuti ( !!!) senza i due piloti , che si eiettarono subito dopo la partenza dalla nave militare francese.
    Fortunatamente il velivolo si inabisso' da solo dopo circa tre quarti d'ora , senza arrecare danni a centri abitati.
    A proposito delle esercitazioni che ricorrevano in continuazione nel mar Tirreno, va ricordato quanto segue :
    Vi riporto un estratto di un forum a cui partecipavano ex commilitoni della Saratoga ( USS SARATOGA ASSOCIATION SHIP'S LOG )
    Tale forum prima visibile in chiaro, adesso e' stato inibito - bannato per chi volesse collegarsi dall' Italia .
    Si puo' comunque accedere tramite una applicazione VPN (VIRTUAL PRIVATE NETWORK ) , che consente di collegarsi in un sito facendo un ponte ideale in un altro paese estero in cui tale sito non e' inibito ad es. gli Stati Uniti
    Uno dei componenti lo squadrone elicotteri HS7 cosi' scrivevasul sito USS SARATOGA ASSOCIATION : il 19 luglio 2007: ....I served aboard on Saratoga from 1977 to 1980, during the american hostage incident in Iran we were at Read five for one month , preparing an airstrike on Iran.
    Controllate voi stessi la veridicita' delle affermazioni dell' ufficiale elicotterista della Saratoga.
    A questo proposito va ricordato la vicenda dei diplomatici americani rapiti a Teheran NELL ' AMBASCIATA AMERICANA nei primi giorni di Novembre 1979
    In quell ' Autunno 1979 , nel Mediterraneo si trovava la Nimitz. Ad essa fu chiesto di circumnavigare l' Africa e posizionarsi insieme alla Sea Coral dinanzi al golfo di Oman all' imbocco del Golfo Persico. Creando una GONZO ( gulf of oman navy zone of operation ) Station . Fu pianificata una missione operativa dal nome Operation Eagle Claw - Evening Light , a cui parteciparono 8 elicotteri Sea Stallion partiti dalla Nimitz e due C130 partiti da una Base Americana in Arabia Saudita, con a bordo un gruppo di Marines appartenenti alle forze speciali.
    Per il resto della trattazione vi rimando a wikipedia, solo ricordiamo che il 24 Aprile l'operazione termino ' tragicamente con la morte di 8 Marines.
    Fu quindi chiesto di porsi in allarme al gruppo elicotteristi dell' Helycopter Squadron HS7 della Saratoga .
    Che ,appunto per un mese tra la fine della primavera e l'inizio dell' estate ,avevano l'allarme Ready Five , cioe' i piloti dovevano essere pronti a catapultarsi in 5 minuti dal ponte di volo della Portaerei Americana.
    Ho esposto la narrazione ,per rimarcare l' intensa attivita' volativa di quei mesi all' interno del Mediterraneo.
    Tra l'altro , come ben riportato nella History del Med Cruise Book 1980, il 12 Aprile un phantom decollato dal ponte della portaerei ( piloti Carlton - Ritorto ) in fase di catapultaggio ebbe un avaria e i piloti si eiettarono.
    La foto di questo incidente la potete visualizzare scrivendo su google USS SARATOGA PILOTS EJECTION aprendo il sito Yellowairplane. In esso e' per errore riportato il nome della Kitty Hawk,
    ma se voi guardate bene il numero 60 sul ponte di volo indica appunto la Saratoga
    Spostiamo ancora l'attenzione su quei 5 caccia militari in perizia dalle Mese alle fig. C17,18,20,21,22.
    Guardando attentamente vi e' un sesto velivolo NTN LL062 che muove nella stessa direzione dei 5 precedenti terminando la sua corsa nei pressi della costa ai confini fra Campania e Basilicata , nei pressi di Praia a Mare alle 17.46.32 zulu.
    Vi ricordo che i coniugi Maffini , proprio a Praia a Mare videro questo ''sigaro '' che
    '' ...viaggiava dal mare verso la sila , era abbastanza grande, C'ERA ANCORA UN PO DI SOLE CHE LO ILLUMINAVA, E' DURATO DIVERSI SECONDI , TRENTA O QUARANTA...
    Il tutto e' riportato nel libro di Gabriele Moroni e Sandro Bruni ..La tragedia e l'imbroglio..
    Quell'evento a Praia a Mare fu visto compatibilmente con gli orari in cui i sei velivoli viaggiarono ad alta velocita' fra il basso lazio e le coste calabresi ,CIOE' NEL TARDO POMERIGGIO DEL 27 GIUGNO
    Sempre di POMERIGGIO, parlo' anche il radarista di Crotone , Marcello Qua..ta, escusso in merito all' episodio da lui esposto sula richiesta da parte dell' ACC di BRINDISI , circa la perdita di una traccia di un velivolo in zona San Giovanni in Fiore
    Egli pero' non ricordava la data esatta , anche se la posizionava temporalmente qualche giorno prima dell' arrivo nell'aeroporto di Crotone di quello stuolo di militari ed ufficiali il giorno del ritrovamento a Castelsilano del Mig.
    Tardo Pomeriggio , quindi , in un orario compatibile con l'arrivo dei 5 caccia fra le 17.36 zulu e le 17. 50 sulle coste Calabresi.
    Un accenno sui codici sif squoccati da 5 dei sei velivoli teste' citati.
    Erano codici 12xx, che uno degli avvocati della difesa del gen. Mel...lo , considero' quei velivoli come ...''PROVENIENTI DAL SETTORE NOV ( NORD OVEST ) RISPETTO ALLA POSIZIONE DEL CRAM DI CIAMPINO.. pag 82 udienza 23 gennaio 2003
    Vi ricordo che Solenzara si trova ala stessa latitudine di Ladispoli, cioe' a NORD OVEST RISPETTO A CIAMPINO
    Come gia' ho piu' volte esposto quei sei velivoli
    A) Difficilmente erano inglesi in quanto l'esercitazione Patricia era terminata alle 15.00 zulu
    B) Seri dubbi anche che fossero Americani, in quanto il Flatley disse che i radar della Saratoga vide un nugolo di aerei scoosciuti , quindi non americani ( chiaramente militari ) andare verso sud durante le TRE ORE in cui un radar della stessa portaerei era in manutenzione. Quindi un orario compatibile con quello del passaggio verso sud dei velivoli
    C17,18,20,21,22,23
    C) IL pilota Carmine Picc...lo fu escusso dal Priore circa il significato della telefonata delle 18.12 zulu ''' CINQUE CHARLIE , CINQUE DELTA ''' relativi a 5 velivoli che'' arrivano'' in Combat ready in un luogo geografico (probabilmente la CALABRIA ) uguale per tutti e cinque ...MEZZ'ORA PRIMA DELLA TELEFONATA...
    Egli disse che in Italia ......'' riferita ad una singola cellula era una richesta inaccettabile , perche non c'erano velivoli sufficienti'' .....
    Quindi i 10 velivoli 5 charlie e 5 delta non erano italiani
    Anche ragionando per esclusione ,probabilmente essi erano Francesi !!!!
    In piu' se essi ,erano gli stessi visti dal Cucchiarelli in fase di rientro quotare 00 nel centro del Tirreno, se riflettete attenamente,ESSENDO IN VIAGGIO DA PIU' DI UN'ORA, avrebbero avuto carburante sufficiente solo per atterrare su un aeroporto militare NON ITALIANO ,che si affacciava sul Tirreno . E CIOE' SOLENZARA
    Un altro particolare , magari banale avvenuto nel punto in cui il Cucchiarelli vide quei velivoli quotare 00.
    Nello stesso punto fu iniziato a plottare il gia' citato velivolo LL022 di fig . A26 in perizia Dalle Mese
    Volevo farvi notare che di questo velivolo il radarista TPO ( Track producer officer ) di Marsala inizializzo' la traccia alle 19.01.124 ed esegui ' alle 19.01.135, (quindi in poco piu' di un secondo!!) un CH TK NR da non Nato a Nato. Questo particolare sulla rapidita' di cambiamento della natura della traccia , ci indica che a Marsala erano gia' a conoscenza che in quel luogo geografico era avvenuta una situazione quantomeno anomala!!
    Spostiamo l'attenzione di nuovo sull' anomalia dei codici sif squoccati dal TF104 Bergamini - Moretti LK017 - LE017
    L'utente del forum che ha negli ultimi post ulteriormente rafforzato l'ipotesi che all' ombra del Dc9 ci sia stato un caccia di piccole dimensioni , libratosi ,anche secondo lui, probabilmente da Villafranca (post 625) , egli cosi' scrive nel suo sito internet che
    ....'''e' evidente che il volo parallelo all' A14 delTF104 non era previsto , per cui qualcuno , ad un certo momento , deve averlo ordinato per qualche motivo , in deroga al piano di volo....''
    Da notare che avviene una telefonata fra Roma Soccorso e Martina Franca , in cui si sostiene che ,,,''Abbiamo fatto partire l'elicottero ANCHE per il Dc9 ?
    Non dimenticate che il radarista di Villafranca (Berritta) faceva notare al collega di Istrana (Pintore ) che fine avesse fatto il velivolo militare partito dall'aeroporto scaligero con destino ZZZZ ( una portaerei nel Tirreno ).
    Riprendiamo la telefonata delle 20.04 zulu, probabilmente avvenuta a Grosseto, che rappresenta una delle chiavi per comprendere la dinamica degli eventi di quel tardo pomeriggio.
    Come ho gia' esposto dobbiamo cercare di capire se il radarista, che si trovava insieme ai militari Giagn...rio e Cap....ani , aveva lasciato la base di P. Ballone quando gia ' si conosceva l'entita' del disastro del dc9
    Il Pasquale Morm...le , assistente radarista , inizio' la talefonata con la moglie alle 21.04 zulu e la termino' stranamente alle 21.30 , e alle 21.13 avvenne la comunicazione nel canale di emergenza in cui si parlava del Dc9.
    Come gia' facevo notare , dubito che se il terzo interlocutore del Giagnorio e del Capitani fosse stato ancora nel CRAM di p. Ballone , sia riuscito in 45 - 50 minuti a raggiungere Tirli, e quindi l'aeroporto di Grosseto - in allerta delta combat ready - . In tutto il colloquio fra i tre, non c'e' ALCUN MINIMO ACCENNO ALLA TRAGEDIA DELL' ITAVIA .
    A conferma ,che cio' di cui essi parlarono, riguardava uno ..SCOPPIATO IN VOLO.. CADUTO ... PHANTOM .... .Tutti episodi di combattimento AVVENUTI NEL TARDO POMERIGGIO.
    Essi parlarono di ...E' UN MESE CHE NON CI SONO PIU'.... AL 70-80-90 PER CENTO UN POPOLO AMICO, intendendo chiaramente la forza aeronavale di un paese , appunto amico.
    Quale ?
    Con l'ausilio del libro sulla Saratoga Med cruise book180 e dei numeri di Cols Bleus - scaricabili su internet dal sito BNF gallica scrivendo COLS BLEUS 27 JUIN 10 - ,analizziamo la posizione delle tre portaerei Saratoga , Clemenceau e Foch dalla fine di maggio al 27 giugno
    La Saratoga dopo la maxi esercitazione Dawn Patrol avvenuta al largo di salto di Quirra fino alla terza settimana di Maggio , si reco' a tunisi dal 19 al 24 maggio , per poi rientrare a Napoli , essere visitata dall' Ammiraglio Hayward il 3 giugno e segnare il 21 giugno l' appontaggio numero 1500 dell comandante Flatley insieme al figlio
    La Clemenceau. Dopo aver trascorso 5 mesi di ristrutturazione fra dicembre '79 e maggio '80 ( IPER indisponibilite' periodique pour entretien et reparation ), salpo' da Tolone il 5 giugno, giunse a Propriano costa occidentale della corsica il 7 giugno ,rientro' a Tolone il 15 giugno e parti' per Barcellona per restarvi fino al 23 giugno e rientrare a Tolone il 27 giugno.
    Probabilmente le parole pronunciate nella telefonata .. E' DA UN MESE CHE NON CI SONO PIU' ... forse erano riferite ai militari della Foch
    Infatti essa salpo' il 5 maggio da Tolone per partecipare circa due settimane alla citata Dawn Patrol insieme alla Saratoga , alla portaerei Bulwark inglese , alla Canadese Athabashkan, e ad altre unita' aeronavali della Nato.
    Giunta a Palermo il 19 maggio ( ci sono foto della visita dei comandanti della Foch con il famoso cardinale Pappalardo di Palermo ), essa fece altre esercitazioni al largo della Sicilia, tra cui il gia' citato incidente del Crusader il 30 maggio 1980. Essa non fu piu' presente nel Tirreno (UN MESE PRIMA DELLA TRAGEDIA DI USTICA ) , in quanto fra il 3 e il 6 giugno si trovava a Tolone , come riportato nel libro La saga Etendard . In una breve sosta fu modificato il ponte di volo da PA1 armee paix normal in PA2 armee pour missions port helycopters. Tra l'11 e il 14 si tennero le giornate dei riservisti. In particolare il 12 giugno un grave incidente di un elicottero Superfrelon provoco' la morte di tre elicotteristi, la cui cerimonia funebre si tenne il 17 giugno.Dal 24 al 26 giugno ci furono al largo di Tolone gli appontaggi dei nvelli piloti della escadrille 59s di stanza a Tolone
    Quindi quella frase ..E' DA UN MESE CHE NON CI SONO PIU'... UN POPOLO AL 70-80-90 % AMICO .... probabilmente erano riferite ad una forza aeronavale presente il mese prima e che mancava da circa un mese
    Torno a ricordarvi che ad un certo punto del colloquio si parla di ..... LA PORTAEREI LA' IN RADA NON CE L'HANNO TROVATA .......CADUTO....UN VELIVOLO CHE AL MASSIMO DOVREBBE ANDA' A LIVELLO 450....
    Gli etendard francesi arrivavano al massimo a 45000 piedi ( in francese plafond ), come risulta nel sito della Dassault aviation - costruttrice di Etendard e Superetendard
    Entrambe questi caccia francesi erano di piccole dimensioni ( circa 2 /3 metri piu' piccoli di mirage f1 ,mig 23 e tomcat f14 )
    Di colore bianco azzurro e con una croce sulla fiancata
    Tra i primi militari che il 28 giugno giunsero sulla piccola Sila a Castelsilano, uno di essi Filippo D. B. ,fece la guardia ad un velivolo di piccole dimensioni, di colore bianco azzurro e con una croce sulla fiancata......

Pagina 66 di 67 PrimaPrima ... 165664656667 UltimaUltima

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •