Pagina 21 di 23 PrimaPrima ... 111920212223 UltimaUltima
Risultati da 201 a 210 di 226

Discussione: Vivere in carcere da detenuto

  1. #201
    Capitano L'avatar di altairV
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Messaggi
    2,351

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da A_N_T_O_N_Y Visualizza Messaggio
    ...Tuttavia nella maggior parte degli istituti i soldi inviati per corrispondenza in busta chiusa vengono ritirati e depositati al casellario come oggetti non consentiti (procedura che mi trova perfettamente d'accordo) e restituiti al detenuto all'atto della dimissione....
    Mi indichi un paio di istituti dove accade ciò? Mi serve per portare da me la procedura.
    Poi il passo successivo sarà il sequestro per "riciclaggio"

  2. #202
    Bannato
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    4,020

    Predefinito

    Istituti? Ma non si parlava di galere?

  3. #203
    Moderatore L'avatar di gagliardi
    Data Registrazione
    Sep 2011
    Località
    je suis partout
    Messaggi
    8,102

    Predefinito

    Galera è un termine del linguaggio popolare, usato impropriamente per indicare un carcere o, con la terminologia attuale, istituto di pena.
    Se sei un nuovo utente, Benvenuto! Ricordati di presentarti QUI

    Prima di aprire nuove discussioni e di postare messaggi, dai un'occhiata al REGOLAMENTO

  4. #204
    Caporale
    Data Registrazione
    Dec 2013
    Messaggi
    153

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da gasi Visualizza Messaggio
    Sarò un po' duro... Se quella persona ci avesse voluto bene, avrebbe preso decisioni diverse: "Chi è causa del suo male, pianga se stesso".
    Non è sempre così ... Spesso chi commette un passo sbagliato affronta momenti così particolari in cui si dimentica di se' stesso, questo è lo sbaglio principale... Il resto è tutta una conseguenza ... Per cui non bisogna mai far in modo che quella persona "pianga" il suo sbaglio da solo.. Perché non è la detenzione a fare paura, non è neanche la distanza ..ma è l'impronta che il carcere può lasciare sulla persona a cui vogliamo bene , paura che possa perdere la fiducia in se stesso .. Così si vuole far di tutto per fargli capire che non è cambiato nulla ... Quando hai una persona dentro a cui bene , posso assicurarti che quella persona non sarà mai il suo errore, ma per noi rimane sempre la stessa persona. Io parlo di reati minori .. Parlo di persone che appartengono a una famiglia perfetta .. Ma che hanno affrontato purtroppo in modo sbagliato per loro, una situazione difficile ... Nessuno può capire cosa si prova ... Solo a chi capita può capirlo ...

    @mib come sei simpatico e delicato -.- non vorrei dirtelo ma si parla di istituti penitenziari comunque
    Ultima modifica di qwertyy; 26-12-14 alle 20: 18

  5. #205

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da altairV Visualizza Messaggio
    Mi indichi un paio di istituti dove accade ciò? Mi serve per portare da me la procedura.
    Poi il passo successivo sarà il sequestro per "riciclaggio"
    Roma Rebibbia e Viterbo.
    Il Poliziotto Penitenziario è l'ultimo baluardo dello Stato Italiano in una terra di confine fra la legalità e l'illegalità che è l'istituto penitenziario


    Stai cercando un vecchio commilitone?

  6. #206
    Bannato
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    4,020

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da gagliardi Visualizza Messaggio
    Galera è un termine del linguaggio popolare, usato impropriamente per indicare un carcere o, con la terminologia attuale, istituto di pena.
    Citazione Originariamente Scritto da qwertyy Visualizza Messaggio
    @mib come sei simpatico e delicato -.- non vorrei dirtelo ma si parla di istituti penitenziari comunque
    Era per sdrammatizzare un pò. E' ovvio che sia come dice Gagliardi (ossia che il termine "galera" sia quasi "slang"), ma i termini "carcere" o meglio ancora "prigione" mi sembrano ugualmente abbastanza corrretti.
    Si sa, anche in virtù del fatto che siamo nell'apposita sezione, che la parola "istituto" sta per "galera, carcere o prigione", ma chiamarlo "istituto" vi fa sembrare comicamente troppo inquadrati e poco inclini a usare un linguaggio parlato abbastanza sciolto. Non volevo offendere ma solo riderci su, dato che, in un post precedente, l'utente A_N_T_H_O_N_Y la parola "istituto" veniva usata quasi una decina di volte.
    Faceva ridere, tutto qua.
    Ultima modifica di mib; 26-12-14 alle 21: 50

  7. #207
    Bannato
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    4,020

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da A_N_T_O_N_Y Visualizza Messaggio
    In alcuni istituti se arrivano soldi in busta chiusa per il detenuto li caricano sul suo conto personale e quindi possono transitare, nei limiti previsti dalla legge (circa 1000 euro per i condannati e circa 2000 per gli imputati), nel peculio.
    Cos'è il "peculio"?
    E che limiti prevederebbe la legge?
    Conto corrente della prigione e conto corrente del detenuto? Come è possibile cio?
    Non capisco come una prigione possa avere un suo conto corrente, dato che gia riceve finanziamenti dallo stato. Un detenuto puo voler non aprire alcun conto corrente, volendo.
    E quale sarebbe la differenza tra detenuti e imputati? Gli imputati (quindi detenuti illegalmente in attesa di verdetto dei giudici) potrebbero benissimo affidarsi al proprio conto corrente che gia usavano prima di venire arrestati.

    Citazione Originariamente Scritto da A_N_T_O_N_Y Visualizza Messaggio
    depositati al casellario come oggetti non consentiti (procedura che mi trova perfettamente d'accordo) e restituiti al detenuto all'atto della dimissione. Inoltre in tutti gli istituti è possibile depositare denaro a favore del detenuto all'accettazione colloqui.
    Per "atto di dismissione" che cosa si intende?
    Che cosa è l'accettazione cvolloqui? E ai colloqui in parlatorio si possono quindi pasare dei soldi o bisdogna prima precompilare una distinta?

    Come potete immaginare, queste mie domande nascono dal fatto che, come detto nel mio precedente post, siete troppo "inquadrati", rigidi, parlate come un libro stampato, come un regolamento, quindi chi non è del vostro mondo, del vostro settore, magari alcune procedure e terminologie non le capisce appieno.
    Ecco perchè sarebbe piu comprensibile parlare "terra-terra": per far capire tutti.
    Grazie.
    Ultima modifica di mib; 26-12-14 alle 21: 59

  8. #208
    Capitano L'avatar di altairV
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Messaggi
    2,351

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da mib Visualizza Messaggio
    ...Gli imputati (quindi detenuti illegalmente in attesa di verdetto dei giudici...
    In Italia esiste, per legge, la custodia cautelare disposta da un giudice, e quindi non si tratta di detenzione illegale. Ed è prevista per motivi ben chiari. E colpisce gli imputati appunto. E se un imputato è in detenzione vuol dire che non solo il pm ha ritenuto necessario questa restrizione della libertà ma anche il tribunale che ha giudicato l'operato di questi. Un esempio il signor Bossetti. Esempio opposto il signor Stasi.
    Al limite, se sottoposti a tale restrizione della libertà e poi assolti si può parlare di ingiusta detenzione, che viene risarcita.

    Poi...
    1)Dimissione: essere rimessi in libertà
    2)Accettazione colloqui: luogo/attività con il collega che identifica la persona che vuole fare colloquio e controlla che vi siano le autorizzazione di legge
    3)I soldi vengono consegnati in portineria al personale che rilascia ricevuta. Non vengono consegnati direttramente al detenuto. Poichè chi ha soldi può comprare oggetti e beni di tipo consentito (tramite un ufficio apposito) ma non hanno disponibilità materiale del soldo esiste una contabilità per ogni detenuto; ed esiste appunto un conto corrente (non bancario ma interno) per ogni soggetto per tali movimentazioni di denaro. Su tali conti vengono accreditati anche gli stipendi dei detenuti che lavorano.
    Ultima modifica di altairV; 26-12-14 alle 22: 20

  9. #209
    Caporale
    Data Registrazione
    Dec 2013
    Messaggi
    153

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da mib Visualizza Messaggio
    Era per sdrammatizzare un pò. E' ovvio che sia come dice Gagliardi (ossia che il termine "galera" sia quasi "slang"), ma i termini "carcere" o meglio ancora "prigione" mi sembrano ugualmente abbastanza corrretti.
    Si sa, anche in virtù del fatto che siamo nell'apposita sezione, che la parola "istituto" sta per "galera, carcere o prigione", ma chiamarlo "istituto" vi fa sembrare comicamente troppo inquadrati e poco inclini a usare un linguaggio parlato abbastanza sciolto. Non volevo offendere ma solo riderci su, dato che, in un post precedente, l'utente A_N_T_H_O_N_Y la parola "istituto" veniva usata quasi una decina di volte.
    Faceva ridere, tutto qua.
    .. Non si è offeso nessuno, ma con le faccine sorridenti e con la tua affermazione avevi in realtà ottenuto l' effetto opposto , ovvero hai drammatizzato ... Visto che si usa dire camera invece di cella o istituto invece di carcere proprio per rendere meno pesante la realtà .
    E comunque .. Prigione proprio non si può sentire.. I detenuti non sono dei prigionieri ... Peggio ancora è quando dici " o meglio " prigione .
    Comunque non si tratta di usare termini da regolamento , ma semplicemente di chiamare le cose , posti e persone con i loro nomi corretti . Sul sito del ministero di giustizia non troverai mai scritto prigione u__u ma " istituti di pena" o carcere..

  10. #210
    Capitano L'avatar di altairV
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Messaggi
    2,351

    Predefinito

    Aggiungo inoltre che anche se strani e noiosi è giusto che si usino i termini corretti in un forum che deve informare. Non siamo giornalai ops...giornalisti

Tag per Questa Discussione

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •