Pagina 1 di 190 1231151101 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 1892

Discussione: Scuola Marescialli e Brigadieri - Corso Allievi Marescialli

  1. #1
    Moderatore L'avatar di Victor
    Data Registrazione
    Nov 2008
    Messaggi
    4,461

    Post Scuola Marescialli e Brigadieri - Corso Allievi Marescialli



    LA SCUOLA


    La Scuola Marescialli e Brigadieri, con sede in Firenze, è articolata su due Reggimenti (uno a Firenze e l'altro a Velletri - Roma - ) e provvede allo svolgimento dei corsi formativi e di aggiornamento professionale per i Marescialli ed i Sovrintendenti (per quest'ultimi, solo a Velletri).
    In particolare, i vincitori del concorso:
    biennale, frequentano un iter formativo su impostazione universitaria della durata di 2 anni (il 1° a Velletri ed il 2° a Firenze), al termine del quale, oltre al grado di Maresciallo, conseguono la laurea in "Operatori della Sicurezza Sociale" presso la Facoltà di Scienze Politiche dell'Università degli Studi di Firenze;
    annuale, frequentano un iter formativo della durata di 1 anno presso il Reggimento di Velletri, al termine del quale conseguono il grado di Maresciallo.
    Gli Allievi Vice Brigadieri, invece, provenendo dagli appartenenti al ruolo Appuntati e Carabinieri, frequentano (a Velletri) un corso della durata di 3 mesi, al termine del quale conseguono il grado di Vice Brigadiere.

    La Scuola Allievi Marescialli e Brigadieri Carabinieri si trova a Firenze nella caserma "G. Mameli", tra piazza della Stazione (numero 7) e via della Scala, sul sito dell'ex monastero della Santissima Concezione e di una parte del complesso di Santa Maria Novella.
    L'edificio si compone infatti di due parti ben distinte: il nucleo più antico è rappresentato dal chiostro trecentesco, detto Chiostro Grande, appartenente al convento dei padri Domenicani di Santa Maria Novella; la struttura più recente integra il monastero della Santissima Concezione, costruito nel tardo Cinquecento.


    A partire dal 2000 il 1° Reggimento ha assunto la nuova denominazione di "1° Reggimento Allievi Marescialli e Brigadieri" data la chiusura del reggimento a Vicenza e la successiva inagurazione nella stessa caserma del CoESPU, "Center of Excellence for Stability Police Units[1]" in data 1º marzo 2005.
    La sua fanfara è stata ufficialmente istituita nel 1962, anche se si hanno notizia di nuclei di trombettieri al suo interno già nel 1820.
    Il reggimento di stanza a Velletri è suddiviso in 4 compagnie:
    1° & 2° compagnia allievi marescialli del corso biennale;
    3° compagnia allievi marescialli del corso annuale (riservato ai carabinieri con almeno sette anni di servizio);
    4° compagnia allievi vice brigadieri.
    Il reggimento di stanza a Firenze è suddiviso in due compagnie allievi marescialli, rispettivamente collocate presso la caserma "Baldissera" sede del Comando Regione Toscana e del Battaglione Toscana, e presso la caserma "Mameli", sede storica.
    Al termine del periodo formativo biennale gli allievi conseguono la nomina a maresciallo e la laurea in "operatori della sicurezza sociale" presso l'Università di Firenze.




    RECLUTAMENTO


    Gli ispettori in ferma volontaria e in servizio permanente, salvo quanto disposto per il Reggimento Corazzieri, sono tratti:

    per il 70% dei posti disponibili nell'organico, mediante pubblico concorso e superamento di apposito corso della durata di 2 anni accademici;
    per il 30% dei posti disponibili nell'organico, mediante concorso interno, con la seguente ripartizione: un terzo ai brigadieri capo, un terzo ai brigadieri e vicebrigadieri, un terzo agli appartenenti al ruolo appuntati e carabinieri. L'immissione è subordinata al superamento di apposito corso della durata annuale.





    LA STORIA



    Scuola Marescialli e Brigadieri

    La Scuola venne istituita con R.D.L n. 1802 del 2 ottobre 1919 per abilitare gli Appuntati e i Carabinieri, in possesso di adeguati requisiti fisici e culturali, al grado di Vice Brigadiere e al Comando di Stazione.
    In precedenza i relativi corsi venivano svolti autonomamente presso le Legioni territoriali.
    L'istituto iniziò la sua attività il 1° marzo 1920 in Firenze, nella Caserma "Mameli" ove tuttora ha sede il Comando della Scuola, assumendo la denominazione di "Scuola Allievi Sottufficiali Carabinieri Reali".
    Tale denominazione fu mantenuta fino al 1928 allorquando fu affidato alla Scuola anche il compito di svolgere corsi per Ufficiali dell'Arma.
    L'Istituto, pertanto, assunse la nuova denominazione di "Scuola Centrale Carabinieri Reali", che mantenne fino al 1952, allorché fu istituita in Roma la "Scuola Ufficiali Carabinieri"; con il trasferimento dei corsi Ufficiali, in data 1° novembre 1952, assunse la denominazione di "Scuola Sottufficiali dei Carabinieri".
    Con D.L.L. dal 12 aprile 1946 il reclutamento degli Allievi sottufficiali, fino ad allora per concorso interno, venne aperto ai civili mediante pubblico concorso.
    Dal 1° settembre 1996 la Scuola ha assunto l'attuale denominazione di "Scuola Marescialli e Brigadieri dei Carabinieri" in attuazione del D.Lgs. 12 maggio 1995 nr. 198 con cui sono stati riordinati i ruoli del personale non direttivo e non dirigente dell'Arma.
    Le conseguenti accresciute esigenze portarono all'istituzione, in data 1° ottobre 1948, in Moncalieri, di un Battaglione Allievi distaccato che, nel 1969, fu trasferito a Velletri, attuale sede del 1° Reggimento Allievi.
    Le ulteriori esigenze hanno portato poi alla realizzazione di un secondo distaccamento in Vicenza ove, il 1° settembre 1985, si istituì un Battaglione Allievi, che dal 1° settembre 2000 ha assunto la denominazione di Reggimento Allievi Brigadieri.
    Con R.D. del 17 ottobre 1930 fu concessa alla Scuola la Bandiera d'Istituto, parificata a quella di guerra.
    La scuola svolge corsi di formazione, di abilitazione, di aggiornamento, di qualificazione e di specializzazione, nonché cicli addestrativi per altre Forze di Polizia nazionali e straniere, Forze Armate e Corpi di Polizia Municipale.
    Inoltre, con la creazione dei Centri di Perfezionamento Linguistico nelle sedi di Firenze, Vicenza e
    Velletri, sviluppa corsi di lingua a livello basico, avanzato ed intensivo.
    Si caratterizza per l'impostazione di tipo universitario.
    L'Università degli Studi di Bologna, il 1° aprile 1999 con Decreto Rettoriale n° 55, ha istituito, nell'ambito della Facoltà di Scienze Politiche, il Diploma Universitario in "Scienze Criminologiche Applicate" cui sono stati iscritti gli Allievi dei corsi biennali.


    Nel 1810 i conventi di Santa Maria Novella e della Santissima Concezione furono soppressi ed adibiti ad uso militare e, con la restaurazione, quest'ultimo divenne educandato femminile. In questa circostanza il restauro e l'adattamento delle strutture viene affidato a Giuseppe Martelli, che realizzò due scale di notevole valore scenografico e l'aula magna. Con l'unità d'Italia, l'edificio ospitò il ministero dei Lavori pubblici, la corte di Cassazione e la direzione del Lotto. A seguito del trasferimento della capitale a Roma le strutture vennero liberate; parte di esse tornarono ai monaci domenicani, mentre il chiostro Grande e gli ambienti ad esso annessi vengono occupati dal Collegio Militare (1874).
    Agli inizi del Novecento parte del convento venne occupato dal disciolto Museo del Risorgimento mentre la porzione su via della Scala fu destinata a liceo.
    Il complesso fu adibito a sede della scuola per sottufficiali dei Carabinieri e venne istituita con decreto luogotenenziale n. 1314 del 5 ottobre 1916 al fine di "abilitare alla promozione a vice brigadiere gli appuntati ed i carabinieri"; prese il nome di Scuola Allievi Sottufficiali Carabinieri ed entrò in funzione il 5 gennaio 1920. L'apertura di via Santa Caterina da Siena comportò la distruzione del lato ovest del fabbricato, successivamente ricostruito su progetto dell'architetto Aurelio Cetica.
    La scuola cambiò nuovamente nome in Scuola Centrale Carabinieri Reali con il Regio Decreto n. 742 del 18 marzo 1928 "in considerazione che la Scuola Allievi Sottufficiali Carabinieri svolge anche corsi di abilitazione per gli ufficiali". Vennero così istituiti in quella sede i corsi di formazione per gli Ufficiali dell'Arma, sino al 1º novembre 1952, data in cui venne istituita la Scuola Ufficiali a Roma.
    Nel 1939 l'Amministrazione fiorentina decise di ripristinare il complesso: la grande aula dormitorio attigua al chiostro Grande fu restaurata e trasformata in mensa ed i locali già adibiti a museo del Risorgimento utilizzati come dormitori e sale ritrovo; nel nuovo fabbricato trovarono finalmente sede tutti gli uffici del Comando.
    Le demolizioni iniziarono nel novembre del 1937. Benché la delibera per la costruzione di una nuova sede fosse del 21 ottobre 1938, i progetti di Cetica erano già compiutamente definiti nel maggio dello stesso anno. Il progetto fu approvato nel marzo del 1939 ed il cantiere avviato nel giugno successivo. L'edificio fu collaudato nel giugno del 1940. Un anno dopo (17 giugno 1941) l'architetto Cetica ricevette l'incarico di effettuate alcune modifiche sull'immobile; l'edificio fu finalmente inaugurato nell'agosto del 1941.
    Nel 1952 la scuola prese il nome di Scuola Sottufficiali Carabinieri con circolare del Comando Generale dell'Arma n. 870/31 del 1° novembre. L'aumentare delle esigenze di sicurezza del paese, e il relativo ridimensionamento dell'organico, in costante aumento, portarono l'Arma a suddividere l'attività di formazione in due anni, affidando il primo periodo formativo a una nuova sede, mantenendo il secondo anno a Firenze.
    La scelta della nuova sede cadde su Moncalieri alle porte di Torino, nella sede del grandioso castello Reale che sovrasta la città, alla fine del secondo conflitto mondiale. Il 15 ottobre 1948, dopo alcuni lavori di ristrutturazione e adeguamento, ebbero inizio i corsi di formazione basica per gli allievi sottufficiali, che furono divisi in tre compagnie allievi inquadrate nel 1° battaglione.
    Successivamente il Comando Generale, data l'impossibilità di ampliare la struttura, decise il trasferimento del 1° battaglione nella nuova sede di moderna costruzione a Velletri; il 1º settembre 1969 il battaglione allievi si trasferì nella caserma intitolata al Vice Brigadiere Medaglia d'Oro al Valor Militare alla memoria Salvo d'Acquisto.

    Con il Decreto Legislativo del 12 maggio 1995 n. 198 riguardante il riordino dei ruoli la scuola ha di nuovo cambiato nome in "Scuola Marescialli e Brigadieri Carabinieri". La modifica è diventata effettiva dal 1° settembre 1996. Al termine dei due anni di formazione infatti il grado assegnato agli allievi non era più quello di vicebrigadiere bensì quello di maresciallo, dato il riordino delle carriere. La scuola, ormai articolata su tre reggimenti:
    1° reggimento allievi marescialli in Velletri;
    2° reggimento allievi marescialli in Firenze;
    reggimento allievi brigadieri in Vicenza.
    Attualmente è in fase di ultimazione la nuova scuola sul viale XI Agosto, in zona Peretola.




    IL CORSO


    Lo scopo del corso è quello di:

    a. far acquisire agli Allievi una completa preparazione militare, la qualifica di ufficiale di PG. e di agente di P.S., nonchè di conferire l'idoneità al comando di Stazione, di unità operative/addestrative e la capacità di sostituire i superiori gerarchici nella direzione di uffici o reparti;
    b. formare diplomati in grado di svolgere un'attività che impone di saper gestire moderne strategie investigative, di controllo e di sicurezza nella prevenzione e nella repressione della criminalità, tenendo conto della necessità di salvaguardare le istituzioni democratiche e di contribuire al benessere della popolazione concorrendo alla crescita della qualità della vita.



    IL PIANO DI STUDI


    [B][FONT="Lucida Sans Unicode"][SIZE="3"]Il piano di studi prevede:
    a. insegnamenti caratterizzanti nelle seguenti aree:

    -criminologia e sociologia della devianza;
    -giuridico-politica;
    -storico-economica;
    -sociologica;
    -informatica;
    -linguistica;
    -seminari, attività pratiche e tirocinio professionale



    Il piano di studi degli Allievi Marescialli dell'Arma dei Carabinieri
    • ARMI E RELATIVE TECNOLOGIE
    • CENTRALE OPERATIVA
    • CRIMINOLOGIA
    • DIRITTO DEL LAVORO
    • DIRITTO DELL'ORGANIZZAZIONE DI PUBBLICA SICUREZZA
    • DIRITTO PENALE
    • DIRITTO PENALE MILITARE
    • DIRITTO PUBBLICO
    • LABORATORI DI CRIMINOLOGIA APPLICATA
    • LABORATORIO INFORMATICO I
    • LABORATORIO INFORMATICO II
    • LINGUA FRANCESE
    • LINGUA INGLESE
    • LINGUA SPAGNOLA
    • METODOLOGIA DELL'INDAGINE CRIMINOLOGICA I
    • METODOLOGIA DELL'INDAGINE CRIMINOLOGICA II
    • ORGANIZZAZIONE E COMPORTAMENTO GIUDIZIARIO
    • POLITICHE SOCIALI DELLA SICUREZZA
    • PROCEDURA PENALE
    • SCIENZA DELL'AMMINISTRAZIONE
    • SOCIOLOGIA
    • SOCIOLOGIA (CORSO AVANZATO)
    • SOCIOLOGIA DEI MOVIMENTI E DELLE ISTITUZIONI
    • SOCIOLOGIA DEL DIRITTO
    • SOCIOLOGIA DELLA DEVIANZA
    • SOCIOLOGIA DELLA SICUREZZA
    • SOCIOLOGIA DELLE FORME CRIMINALI
    • STORIA CONTEMPORANEA
    • TECNICA PROFESSIONALE I
    • TECNICA PROFESSIONALE II
    • TECNOLOGIE INFORMATICHE PER LA SICUREZZA
    • TEORIA GENERALE DEL REATO E DELLA PENA
    • TIROCINIO
    • TRASMISSIONI


    Per visionare la sessione del vecchio forum, cliccate qui ->http://militari.forumfree.net/?t=16190019





    Qui alune diapositive del giuramento degli Allievi Marescialli del 13° Corso dell'Arma.
    http://www.youtube.com/watch?v=GE1cq...eature=related



    NOTE DI CRITICA


    Scarse le annotazioni critiche sull'edificio: mentre Cozzi (1994) ne individua le qualità ambientali, concretate nell'intelligente rapporto con il fabbricato della la stazione, Taddei (1940) si limita a cogliere la sobrietà, l'eleganza e l'appropriata disposizione degli ambienti dell'edificio.
    ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------

    CONSIGLI PER IL CORSO


    LISTA DELLE COSE DA PORTARE A VELLETRI

    Questa lista nasce con lo scopo di dare un consiglio a tutti coloro che, coronato il proprio sogno, partiranno per Velletri.
    Se qualcuno volesse aggiungere ulteriori cose da portare a Velletri, risponda al topic. Sarà mia cura aggiornare la lista, previa valutazione sulle nuove aggiunte



    Medicinali e affini:
    - Garze sterili
    - Acqua ossigenata o disinfettante generico
    - Cerotti per vesciche/Cerotti
    - Antinfiammatorio
    - Aspirina
    - Nastro adesivo medico
    - Una piccola forbice a punte arrotondate (per tagliare garze e quant'altro)
    - Imodium (preferibilmente orosolubile)
    - Integratori salini e vitaminici


    Calzature:
    - Panno
    - Spazzola per lucidare
    - 1 paio di lacci lunghi neri resistenti (anfibi)
    - 1 paio di lacci corti neri tubolari fini (scarpe)
    - Scarpe ginniche (quelle fornite in dotazione rovinano i piedi!)
    - Suole anatomiche
    - Lucido nero liquido (viene fornito dall'Arma ma chi vuole lo può portare)

    Vestiario:
    - Non più di due cambi (civili). E' inutile portarsi dietro una casa intera, viene consegnata un sacco di roba.
    - Un abito elegante
    - In base alle proprie esigenze ed abitudini, biancheria intima


    Bagno
    - Lamette o Rasoi (NON ELETTRICI: non sono ammessi all'inizio!)
    - Sapone da barba
    - Crema pre-barba e dopo-barba
    - Shampoo e doccia schiuma
    - Dentifricio e spazzolino
    - Sapone liquido
    - Carta igienica (non trascurare!)
    - Accappatoio e massimo 2 asciugamani
    - Salviettine umidificate


    Varie ed eventuali
    - Sidol per metalli (per lucidare la bandoliera)
    - Pantofole e ciabatte (facilmente asciugabili)
    - Stralcio di calza da donna (trucchetto per lucidare gli anfibi al meglio)
    - Tappi per le orecchie
    - Deodoranti ambientali per gli armadietti
    - Ago e filo (per ricucire qualche bottone della divisa o altro)
    - Lettore MP3 o derivati per i (pochi) momenti liberi
    - PC portatile per lo studio
    - Una 24 ore o simile (niente buste o zaini)


    E' consigliato utilizzare un borsone "pieghevole", al posto di una valigia rigida, per facilitarne la sistemazione nell'armadietto.

    Tutti i prodotti "Bagno" sopra elencati nonostante verranno consegnati, è vivamente consigliato portarseli appresso. Ad esemio: il sapone elimina 3 strati di pelle, il dentifricio (nonostante sbianchi efficacemente) fa cadere i denti, le lamette arrivano alla carne viva, la carta igienica è verosimilmente carta vetrata e gli accappatoi sono camicie!






    DOCUMENTAZIONE DA PORTARSI AL CORSO:

    • Certificato del gruppo sanguigno e del fattore Rh
    • Certificato plurimo delle vaccinazioni
    • Certificato di effettuazione RX torace
    • Eventuale certificato di interruzione degli studi universitari
    • Copia del diploma di maturità
    • Eventuale copia del foglio di congedo per i militari congedati
    • Eventuale copia di brevetti di paracadutista o di pilota privato di aerei (per il fregio sulla divisa)



    ESPERIENZE


    Alcune righe di un'esperienza a Velletri

    "I primi giorni che si arriva alla scuola sottoufficiali di Velletri, forse sono i più duri in assoluto del corso, oltre al fatto che vi viene consegnato il vestiario e si fanno le visite mediche di routine, qualsiasi superiore vi urla in faccia e cercano di farvi rimpiangere il giorno che avete deciso di fare il concorso. Ogni mattina ci si riunisce per l alzabandiera.I primi tre mesi oltre le lezioni, c’ è la preparazione al giuramento con esercizi duri e continue prove. Dopo il giuramento di solito c è la pausa natalizia, un bel po’ di giorni a casa. Tornati a Velletri, i primi giorni sarà dura riabituarsi ai ritmi della caserma. A gennaio-febbraio ci sono i primi esami. Poi si comincia la preparazione alla cerimonia della consegna degli alamari (cerimonia bellissima) dove ogni allievo può decidere da chi farseli applicare. Dopo questo evento la “morsa” dei superiori si allenta un po’ e si arriva tranquilli agli esami di giugno. A luglio gli allievi vengono mandati per un mese di tirocinio in una delle tante caserme in tutta Italia. Finito il periodo di tirocinio ci si rilassa un mesetto ad agosto e i primi di settembre si parte per Firenze. Qui, l’ambiente è più familiare, meno da caserma, nn si marcia più ma c è da studiare sodo."


    ************************************************** ****************

    Ecco,dopo un po' di tempo e ricerca ho finito e spero che questo thread vi piaccia e sia utile per tutti i futuri Allievi Marescialli e non, e per chi sta per coronare ,o un giornò coronerà il proprio sogno di entrare nell'Arma dei Carabinieri.
    Aggiungo che se qualcuno vuol farmi notare qualcosa da aggiungere,basta contattarmi.

    Infine volevo chiudere con questa immagine (scusate ma non ricordo se è un AM o un AU ma a me colpisce molto il significato straordinario del momento,davvero bellissima.)



    Auguro buona fortuna a tutti,ciao.
    Ultima modifica di Victor; 14-09-11 alle 18: 01

  2. #2
    Maresciallo L'avatar di carabiniere
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Località
    gorizia
    Messaggi
    679

    Predefinito

    per il fatto degli alamari, ma li possono applicare TUTTI anche parenti o carabinieri?
    Nei Secoli Fedele

  3. #3
    Utenti Storici L'avatar di pollon87
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Località
    L'isola che non c'è
    Messaggi
    1,491

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da carabiniere Visualizza Messaggio
    per il fatto degli alamari, ma li possono applicare TUTTI anche parenti o carabinieri?
    sisi chiunque tu desideri... a prescindere che sia nell'arma o civili... anche i tuoi genitori, amici, fratelli, zii....

    *...Se puoi sognarlo, puoi farlo...*

    *...Credo nel rumore di chi sa tacere, che quando smetti di sperare inizi un po' a morire...*

    Và prendi le tue cose... i sogni richiedono fatica!!!


    Stai cercando un vecchio commilitone?

  4. #4
    mar1989
    Guest

    Predefinito

    sei maresciallo effettivo ?

  5. #5

    Predefinito

    Ma gli esami se si seguono i corsi attentamente e si guardano gli appunti non sono difficili?
    Allievo Maresciallo 14° Corso Biennale Arma dei Carabinieri

  6. #6

    Predefinito

    Salve ragazzi.
    Avrei una domanda da porvi. Che differenza c'è tra "non aver superato il 26-iesimo anno di età" e "non aver compiuto il 26-iesimo anno di età"?
    Grazie

  7. #7
    Utente Expert Carabinieri L'avatar di itchy
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    973

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da valele17 Visualizza Messaggio
    Salve ragazzi.
    Avrei una domanda da porvi. Che differenza c'è tra "non aver superato il 26-iesimo anno di età" e "non aver compiuto il 26-iesimo anno di età"?
    Grazie
    Dunque:
    "non aver superato il 26-iesimo anno di età" = essere ancora all'interno del 26° anno di età, ovvero avere ancora 25 anni compiuti (per capire meglio pensa ad un bambino che compie 1 anno...in quel momento compie un anno di vita, ovvero entra nel secondo anno di vita, quindi ha superato il primo)...secondo questo ragionamento quando hai 25 anni sei nel tuo 26° anno di vita, che "superi" quando ne compi 26 ed entri nel 27°;
    "non aver compiuto il 26-iesimo anno di età" = avere ancora 25 anni...quindi stessa solfa di prima...
    Cavoli, mi son confuso pure io....
    Ci sono alcune cose sacre nella vita di un uomo...una di queste sono le sue patatine fritte!

  8. #8
    Sergente
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    402

    Predefinito

    Una domanda, lì dentro per studiare (e di conseguenza ripetere) come funziona?

  9. #9
    Soldato L'avatar di matteo.marby
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Località
    bari
    Messaggi
    11

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da jonny Visualizza Messaggio
    Una domanda, lì dentro per studiare (e di conseguenza ripetere) come funziona?
    domanda interessantissima....è proprio qui il bello...dovrai studiare pur non avendo il tempo....come fare? un modo lo si trova...c'è chi studia la notte(per me è inconcepibile) o chi si arrangia....
    acam 13° biennale
    matteo.marby@hotmail.it

  10. #10

    Predefinito

    E' vero che la Scuola marescialli di Velletri è molto più permissiva di tutte le altre scuole delle FF.AA.,ad esempio si riesce ad andare quasi sempre in fine settimana?
    A differenza di Viterbo dove il fine settimana,c'è solo sulla carta?
    Cosa avrei visto del mondo? Senza questa luce che illumina i miei pensieri neri.

Pagina 1 di 190 1231151101 ... UltimaUltima

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •