Salve a tutti amici.
Questa notte , mentre mi trovavo a misano (rn) in direzione pesaro, vengo fermato da una pattuglia della stradale , la quale mi ha lampeggiato da dietro , contestandomi la velocitÓ eccessiva ( art 141), quando in realtÓ andavo assolutamente ad una velocitÓ idonea alle condizioni della strada. Durante la contestazione , shoccato dalla situazione ho chiamato anche il comando da cui gli agenti dipendono, non trovando per˛ ausilio. Il verbale riporta " solo a bordo, alla guida del suindicato veicolo ford transit, con direzione di marcia Rimini-Pesaro, percorreva un tratto di strada tra il comune di riccione e misano adriatico non moderando la velocitÓ nel centro abitato, in prossimitÓ intersezioni stradali regolate da semaforo, attraversamenti pedonali ed in ore notturne , creando pericolo per la circolazione stradale" . Volevo proporre ricorso per insufficienza di prove. Ovvero come fanno a dirmi che andavo ad una velocitÓ non idonea? ╚ una loro percezione soggettiva, non Ŕ un fatto oggettivo. E credetemi realmente andavo piano.. tra l'altro ero col camper , col quale Ŕ assolutamente impossibile correre... anzi.. talvolta sei costretto anche ad andare troppo piano