Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 24

Discussione: Pro e contro vfp1

  1. #1

    Predefinito Pro e contro vfp1

    Buonasera a tutti. Sono da poco su questo forum ma già dopo questa breve permanenza vorrei fare qualche piccola considerazione riguardo l'anno da volontario nelle nostre forze armate, il vfp1 per intenderci. Ho letto qualche discussione dove si capisce da subito che la maggior parte delle persone fanno l'anno da vfp1, lo fanno per avere un accesso agevolato nelle nostre forze di polizia mentre la minoranza lo fa per continuare la propria strada in Forza Armata. Nonostante ci siano altri percorsi di carriere, più remunerativi, più soddisfacenti a detta di molti esperti del settore, molti cercano di entrare e fare carriera nella forza armata partendo da VFP1. Desiderio di partire dal basso? Insicurezza se la forza armata possa fare per lui? Credenza secondo il quale gli altri concorsi siano per raccomandati e con posti già assegnati? Non lo so e per questo vorrei aprire questa discussione con voi. Inoltre vorrei aprire (se così si può chiamare) un piccolo sondaggio. Secondo voi perchè un ragazzo dovrebbe partire come VFP1 nelle nostre forze armate, ma anche, perché NON dovrebbe iniziare la sua carriera da VFP1? Quali sono secondo voi i pro e contro? La carriera da VFP1 può essere un'opportunità per fare carriera o andrebbe visto solo come un passaggio, non dico fondamentale, ma di grande aiuto per le altre carriere nelle forze di polizia? Grazie e buona serata.

  2. #2

    Predefinito

    Provo a risponderti in breve , prima sottolineo una cosa a me molto cara, per esperienza personale. Le raccomandazioni sono una stupidaggine allucinante, oserei dire una "scusa" di chi non si è preparato a dovere, come fanno 1000/2000 posti ad essere già assegnati? Siamo in Italia, non nel Burundi. Può essere che lo psicologo scarti una persona magari idonea? Può essere certo, dipende dai colloqui, dai test e dall'impressione che tu dai. Ma le prove concorsuali sono tutta farina del tuo sacco,io ho visto solo correttezza e precisione. Discorso trito e ritrito, ma ti garantisco che molti parlano solo per sentito dire. Prima di fare il concorso anche a me in paese mi han detto di tutto. "sono tutti terroni", "sono tutti raccomandati" ecc. Mi hanno stressato così tanto che ormai ero curioso di vedere come sarebbe stato. E invece è stato tutto perfetto e preciso.



    Pro:
    -Avresti posti riservati per le carriere iniziali nei vari corpi di polizia e carabinieri.
    -Avresti l'innalzamento di età per alcuni concorsi pubblici, ma bisogna leggere bene il bando preso in esame. Esempio : Concorso per marescialli carabinieri, se hai fatto VFP1 il limite di erà è 28 (non compiuti) non 26. Ma non è detto che per marescialli guardia di finanza sia così.
    -Molti provano vfp1 per "entrare da qualche parte", o meglio, provano vari concorsi e il vfp1 è l'unico che vincono.
    Puoi fare carriera anche da vfp1, devi passare in servizio permanente e poi con l'anzianità fai carriera per quanto riguarda la "truppa", se vuoi passare nella categoria "sottoufficiali" devi vincere un concorso (interno o esterno), invece per diventare ufficiale la cosa si complica , dipende dall'età che hai.

    Contro:
    -Se vuoi essere un ufficiale perdi solo tempo, tanto vale prepararsi bene e fare l'accademia. Questo poco ma sicuro, Specialmente se Accademia gdf o carabinieri, che non ti alzano l'età minima se hai fatto vfp1. Se ad esempio vuoi fare l'accademia dell'esercito, avendo fatto vfp1 nell'esercito ti alzano l'età massima un tempo pari al servizio prestato.
    -Ormai hanno aperto ai civili tutte le forze di polizia, quindi se l'obiettivo è quello tanto vale partire subito come finanziere/carabiniere ecc.
    Il "desiderio di partire dal basso" la considero una cosa stupida, perchè qua non siamo negli Usa dove puoi partire come agente di polizia e finire come "chief of police". In italia è diverso, parti dal basso come allievo ufficiale, per due anni prima della nomina a sottotenente. Sembra solo un anno , ma in realtà ti penalizza nello studio, siccome l'età per l'accademia è massimo 22 (non compiuti), io investirei tutto il tempo a disposizione per prepararmi, metti caso di non vincere al primo tentativo. VFP1 invece hai tempo fino ai 25.

    Comunque lascio che ti diano altre spiegazioni riguardo il lato operativo altri utenti, abbiamo dei pezzi da 90 qua sul forum
    Per quanto riguarda la soddisfazione che un lavoro ti può dare, questo è soggettivo, c'è chi è contento a fare il gelataio così come c'è chi se non ha 3 lauree non dorme bene. Dipende molto da ciascuno , dalla sua cultura ,dai suoi talenti e dalla sua ambizione

  3. #3
    Maresciallo L'avatar di Pecs
    Data Registrazione
    Nov 2014
    Messaggi
    737

    Predefinito

    Mah, dipende da quello che si vuole fare nella vita: se si punta a diventare sottufficiali o ufficiali bisognerebbe partecipare subito ai relativi concorsi, anche perchè diventarlo da interni non è così facile, e presenta spesso limitazioni di carriera; d'altra parte un anno di esperienza non può che far bene e chiarire le idee. Resta il fatto che se si intraprende la carriera militare nella truppa bisogna avere bene in mente che le mansioni e i compiti assegnati saranno esclusivamente quelli di truppa, che è la manovalanza della forza armata, quindi nessuna responsabilità di comando e direttiva.

    Per quanto riguarda le forze di polizia, non facendone parte, non posso dirti se sia un'esperienza utile, ma, se hanno deciso di aprire i concorsi ai civili, evidentemente non deve essere così imprescindibile...

  4. #4

    Predefinito

    Quindi @scalatore secondo te nel caso uno volesse continuare la propria carriera di pro non ce ne sono. Tuttavia rimane un concorso accessibile alla maggior parte delle persone, sia perché i posti a concorso sono molti di piú, sia perché non ci sono tutti sti grandi requisiti. Sará forse questa la ragione per cui il 90% prova il p1? Tuttavia una persona che non riesce ad entrare in forza armata vincendo i concorsi "di serie A" come l'Accademia e la Scuola Sottufficiali cosa dovrebbe fare? Entrare da VFP1 consapevole che sia un posto precario e con una carriera limitante o lasciare perdere il proprio desiderio/sogno di appartenere a questa Forza Armata? Il fulcro del discorso vorrei che si soffermasse proprio su questo aspetto. Buona serata.

  5. #5

    Predefinito

    No, io non ho detto questo. Ho detto che dipende che carriera vuoi fare. Vuoi diventare sergente? Fattibilissimo. Vuoi diventare maresciallo ? Anche questo, un po' più impegnativo, ma è fattibilissimo. Vuoi diventare Generale di Corpo d'Armata? Ups... Non si può
    Non è vero che il 90%delle persone prova p1, Io, come tutti i miei coetanei e gli altri ragazzi che ho conosciuto alle prove della gdf non hanno neanche provato p1.
    Non tutti devono essere marescialli o ufficiali, assolutamente. C'è bisogno di tutti, anche di soldati. Io dicevo che dipende da cosa uno vuole fare, se fare carriera per te vuol dire essere un ufficiale allora p1 non è una scorciatoia, anzi.
    Concorso accessibile a tutti perchè alla fine sono solo colloqui e visite mediche, con delle prove fisiche. Quindi un ragazzo che magari ha fatto il classico e vuole diventare generale, non capisco che senso abbia fare questo concorso.
    Ripeto, io non voglio snobbare nessuna categoria, ripeto qual'è la mia idea : dipende da quali sono le tue capacità e ambizioni.


    Rispondendo al tuo quesito: vfp1 alla fine non è tanto precario, ci sono buone probabilità di raffermarti se lo desideri, carriera limitata nel senso che non puoi ambire a grandi ruoli direttivi. Ma comunque a fine carriera a maresciallo penso tu possa arrivarci tranquillamente.
    Detto questo, personalmente pur di arruolarmi avrei anche fatto il soldato semplice. Quindi per quel che mi riguarda, io non avrei mai abbandonato il mio sogno

  6. #6
    Maresciallo L'avatar di Pecs
    Data Registrazione
    Nov 2014
    Messaggi
    737

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da SwissSoldier Visualizza Messaggio
    Entrare da VFP1 consapevole che sia un posto precario e con una carriera limitante o lasciare perdere il proprio desiderio/sogno di appartenere a questa Forza Armata? Il fulcro del discorso vorrei che si soffermasse proprio su questo aspetto. Buona serata.
    Secondo me non si tratta di lasciare perdere il proprio sogno, si tratta di felicità e soddisfazione: se vuoi fare l'ufficiale, per entusiasmante e formativa che sia l'esperienza da p1 arriverai un giorno a sentirti non realizzato oppure frustrato, dato che sono due carriere differenti, e ti ritroveresti a vivere un sogno sì, ma brutto.

    Citazione Originariamente Scritto da scalatore Visualizza Messaggio
    Ma comunque a fine carriera a maresciallo penso tu possa arrivarci tranquillamente.
    A parte rare e tristissime eccezioni per diventare maresciallo (come sergente) bisogna fare i concorsi, a fine carriera si arriva a cmcs qs e equivalenti.

  7. #7

    Predefinito

    A parte rare e tristissime eccezioni per diventare maresciallo (come sergente) bisogna fare i concorsi, a fine carriera si arriva a cmcs qs e equivalenti.[/QUOTE]

    Certo, per anzianità si rimane nella categoria "truppa", alludevo al fatto che in 40 anni di carriera uno di questi due concorsi (sergente o maresciallo) penso riesca a vincerli. Sicuramente è più fattibile rispetto al diventare ufficiale

  8. #8

    Predefinito

    @scalatore Da VFP1 sono rare le persone che arrivano a maresciallo, altro che tranquillamente. La maggior parte delle persone arriva fino al grado apicale vsp e qualcuno vince il concorso per sergente. Ma non voglio andare off topic. Voi fate bene a dire: dipende se vuoi essere Ufficiale o meno, ok e quindi la mia domanda è per l'appunto. Nel caso un ragazzo di -19-20-21-22 anni provi i concorsi da Ufficiale e non riesca a passare, che senso avrebbe per lui provare un tipo di carriera altamente precaria (dove in genere si spera in un passaggio in spe a 26-27 anni), e che potrebbe non fare per lui in termini di aspettative? Entrare per forza nella forza armata quindi, o guardarsi intorno e realizzarsi in un percorso lavorativo civile, magari laureandosi e puntando di più rispetto a un percorso in cui il requisito è la terza media?

  9. #9

    Predefinito

    Chi parte come vfp1, può diventare maresciallo nel corso della carriera tramite concorso interno. Non sono esperto in materia, ma entrambi i marescialli che conosco dell'esercito sono andati in pensione come luogotenente (grado apicale marescialli) partendo da soldati. Mentre l'altro amico di famiglia,dell'areonautica, è diventato maresciallo quest'anno (ha tipo 48 anni). Quindi si può . Dipende molto da te.
    Quindi un vfp, può lottare per il servizio permanente (che non è una cosa impossibile, se ti raffermi fai punteggio, se hai valutazioni alte fai punteggio ecc. non è impossibile,anzi).

    Per rispondere al tuo quesito, ti do il mio parere personale: è possibile non vincere il concorso da ufficiali, anzi, i vincitori sono pochi. Quindi questo ragazzo avrebbe tempo fino ai 26 non compiuti per il concorso da maresciallo (sergente si può fare solo da interno), oppure vfp1.
    Una volta arruolato puoi comunque laurearti e poi puoi provare i concorsi per ufficiali del ruolo speciale (carriera limitata si, ma pur sempre un ufficiale).
    Licenza media per vfp1? Senza diploma sencondo me non si può più vincere il vfp1 perchè non hai abbastanza punti, forse diventerà obbligatorio il diploma a breve (come è successo con carabiniere, agente pds ecc.)
    Quindi per riassumere, io mi arruolerei comunque, provando a fare tutto ciò che posso, sono certo che se questo ragazzo vale, allora vincerà dei concorsi interni.

  10. #10

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da scalatore Visualizza Messaggio
    Chi parte come vfp1, può diventare maresciallo nel corso della carriera tramite concorso interno. Non sono esperto in materia, ma entrambi i marescialli che conosco dell'esercito sono andati in pensione come luogotenente (grado apicale marescialli) partendo da soldati. Mentre l'altro amico di famiglia,dell'areonautica, è diventato maresciallo quest'anno (ha tipo 48 anni). Quindi si può . Dipende molto da te.
    Quindi un vfp, può lottare per il servizio permanente (che non è una cosa impossibile, se ti raffermi fai punteggio, se hai valutazioni alte fai punteggio ecc. non è impossibile,anzi).

    Per rispondere al tuo quesito, ti do il mio parere personale: è possibile non vincere il concorso da ufficiali, anzi, i vincitori sono pochi. Quindi questo ragazzo avrebbe tempo fino ai 26 non compiuti per il concorso da maresciallo (sergente si può fare solo da interno), oppure vfp1.
    Una volta arruolato puoi comunque laurearti e poi puoi provare i concorsi per ufficiali del ruolo speciale (carriera limitata si, ma pur sempre un ufficiale).
    Licenza media per vfp1? Senza diploma sencondo me non si può più vincere il vfp1 perchè non hai abbastanza punti, forse diventerà obbligatorio il diploma a breve (come è successo con carabiniere, agente pds ecc.)
    Quindi per riassumere, io mi arruolerei comunque, provando a fare tutto ciò che posso, sono certo che se questo ragazzo vale, allora vincerà dei concorsi interni.
    Quindi a te essere un Ufficiale più che essere un volontario non cambia niente, ti arruoleresti comunque.

Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •