Risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Scartato dal perito selettore car19

  1. #1

    Predefinito Scartato dal perito selettore car19

    Buongiorno a tutti,
    Mi sono già presentato l'anno scorso nell'apposita sezione.
    Sono un vfp1, ho provato quest'anno ad entrare nell'arma e fino all'ultimo mi sentivo già con gli alamari. Ho peccato di presunzione, sono andato troppo convinto di me stesso (infatti inidoneo come da art. 11 comma 3), mentre quelli che morivano di ansia prima di entrare dal perito tutti idonei....
    Volevo solo sapere se l'anno prossimo dovrò ovviamente dirgli di essere risultato inidoneo in base all'art. 11 ai colloqui attitudinali.. questa cosa mi falcerà le gambe? Intendo.. per coerenza mi faranno inidoneo nonostante sembro una persona diversa?
    Persone risultate idonee successivamente ad una inidoneità ci sono?
    Risulto NON COMPATIBILE ALL' AREA ASSUNZIONE DEL RUOLO e all'AREA COMPORTAMENTALE.

  2. #2
    Responsabile di Sezione L'avatar di bartok
    Data Registrazione
    Jun 2011
    Messaggi
    3,086

    Predefinito

    GomRed,
    Persone risultate idonee successivamente ad una inidoneità ci sono?
    sì, come anche il contrario.

    Volevo solo sapere se l'anno prossimo dovrò ovviamente dirgli di essere risultato inidoneo in base all'art. 11 ai colloqui attitudinali..
    no, a meno che non ti sia chiesto. Comunque, a parte il fatto che già lo sanno, sono quasi sicuro che sia una delle domande dei test. Esordire spontaneamente tu dicendo di non essere risultato idoneo, è pessimo.

  3. #3

    Predefinito

    Si si nel questionario personale viene chiesto che concorsi sono stati provati e il loro risultato.
    Volevo solo sapere se avevo altre chance perchè ci tengo molto all'arma e diciamo che mi ha parecchio buttato giù questo fatto.
    Non credo nella totalità delle persone raccomandate, credo che se uno ha voglia può farcela. Ci riproverò, grazie mille.

  4. #4
    Maresciallo L'avatar di ValerMic
    Data Registrazione
    Nov 2013
    Località
    Roma
    Messaggi
    728

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da bartok Visualizza Messaggio
    GomRed,


    sì, come anche il contrario.



    no, a meno che non ti sia chiesto. Comunque, a parte il fatto che già lo sanno, sono quasi sicuro che sia una delle domande dei test. Esordire spontaneamente tu dicendo di non essere risultato idoneo, è pessimo.
    Non voglio fare polemica eh è solo per capire.

    Io premetto non sono un tipo che ama molto il mondo psicologico in quanto sono sempre convinto che è impossibile anche nel 2019 stabilire in base a delle risposte apparentemente inutili se un soggetto è adatto o inadatto ma la domanda è;

    Per quale motivo è una cosa pessima ammettere un "esperienza" che si è subita di tipo negativa ? Meglio uno che lo nasconde ?
    >>> Valerio <<<

  5. #5
    Responsabile di Sezione L'avatar di bartok
    Data Registrazione
    Jun 2011
    Messaggi
    3,086

    Predefinito

    Valermic,
    Per quale motivo è una cosa pessima ammettere un "esperienza" che si è subita di tipo negativa ? Meglio uno che lo nasconde ?
    per 3 semplici motivi:
    1-hanno già il fascicolo, per cui già lo sanno;
    2-è una delle domande del test, che è fatta apposta per vedere se uno mente o è sincero;
    quindi, già per questi motivi, non ha senso sollevare spontaneamente, in sede di colloquio, la questione.
    3-uno, quando fa il colloquio, deve tirare acqua al proprio mulino. Deve essere sì sincero, ma non cretino: deve mettere in evidenza i suoi punti di forza! Uno che solleva spontaneamente la questione dell'esser stato giudicato non idoneo per motivi psicologici, invece, imposta la discussione su questo. E siccome, come detto, c'è già un'apposita domanda nel test, denoterebbe che il soggetto o è insicuro, o è cretino. Come presentarsi da una donna, mettendo subito le mani avanti, premettendo che fino a quel momento si è stati degli sfigati! questo secondo me è già un buon motivo per far accomodare il soggetto, senza neanche andare oltre.
    Riguardo al "nascondere", per i motivi detti, la cosa non sussiste in quanto già sanno. Ma anche se non sapessero, dal punto di vista del candidato, non è certo un problema suo: c'è un'apposita domanda. Uno non può certo essere accusato di non essere stato sincero, se si ha risposto sinceramente a quella domanda. E se lo psicologo facesse questa accusa, sarebbe un trabocchetto, fatto per mettere in difficoltà il soggetto, il quale potrebbe tranquillamente rispondere che ha risposto sinceramente nel test. E a quel punto lo psicologo che può fare? Niente, se non passare oltre verso argomentazioni in cui il candidato può far vedere che è un figo e non uno sfigato.

    a me era capitata una cosa simile. Lo psicologo si era fissato con una domanda del test, in cui veniva chiesto se era capitato di aver avuto "esperienze strane". E io avevo detto "sì". Non mollava! Io dicevo che sì, mi era capitata qualche "esperienza strana" (che poi ho descritto nel limiti della decenza), ma non spesso. Eppure insisteva, quasi a volermi mettere in bocca che io avevo risposto come per dire che avevo "esperienze strane" continuamente. E allora ho detto: "Mah... guardi... mi sembra strano! Vada a vedere la domanda." E' andato a vedere la domanda, e ha visto che avevo ragione. Non ho mai capito se avesse fatto finta. Ma alla fine ero idoneo.
    Ma di certo, non è che ho esordito io dicendo: "Guardi dottore, voglio essere sincero... ho avuto esperienze strane!". Me l'hai chiesto nel test! Sì. Ti ho risposto! Sì. E allora il mio l'ho fatto!

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •