Pagina 1 di 11 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 104

Discussione: Atti osceni in luogo pubblico - delucidazioni

  1. #1
    jiron
    Guest

    Predefinito Atti osceni in luogo pubblico

    Ciao a tutti... ho bisogno del vostro consiglio/aiuto.

    Con dei miei amici, due giorni fa, mi ero recato a una festa di compleanno.
    ho bevuto qualche birra diventando un "pò brillo";
    comunque mi sono recato in stazione DA SOLO per prendere il treno verso le 11.30 di SERA.
    Durante il percorso, un po per la voglia di farlo e un po per l'alcol da me ingerito ho deciso di andare da una prostituta;
    Lei mi ha portato dentro un palazzo/condominio (la prostituta MAGGIORENNE ha aperto il portone con le sue chiavi e dopo l'ha chiuso) e abbiamo consumato il rapporto sessuale sotto le scale, a piano terra (che si trovava per preciso: alla fine di un corridoio-> era difficile vederci, ma non impossibile);

    alla fine del rapporto ho notato delle telecamere a circuito chiuso vicinissime a me (lo so...questa è gran figura di merda);
    la prostituta ha detto che quelle telecamere non funzionano (ma io sono scettico e penso quindi che FUNZIONANO);

    le mie domande sono:
    1) il mio rapporto sessuale è da considerare "un'atto osceno in luogo pubblico", nonostante fossimo dentro un palazzo?

    2) anche se NESSUNO ci ha sentiti, posso essere denunciato dalla polizia?

    3) i poliziotti posso esaminare il video, visto che nessun "comune cittadino" ci ha visti e quindi FORSE nessuno ci ha denunciato ?

    4) se vado in commissariato posso "auto-denunciarmi", chiedere una sanzione pecuniaria (non sò quanto costerà), per evitare future indagini, tribunali o rischio di galera dai 3 mesi ai 3 anni?-> come posso risolvere questo problema senza alzare un "grosso polverone"?? e senza mettere in mezzo la mia famiglia e gli avvocati?

    Non riesco a rimanere tranquillo, vi prego, aiutatemi

  2. #2
    LGD
    Guest

    Predefinito

    Tanto per iniziare, "autodenunciarti" è la cosa più stupida che tu possa fare.
    Comunque se ti "autodenunci", molto probabilmente i carabinieri si faranno una bella risata.

  3. #3
    jiron
    Guest

    Predefinito

    e quindi non faccio nulla?

  4. #4
    LGD
    Guest

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da jiron Visualizza Messaggio
    e quindi non faccio nulla?
    Ovviamente no.
    Che vuoi fare?

    1) andare con una prostituta non costituisce reato
    2) "atti osceni in luogo pubblico" è una cosa molto incerta da stabilire

    Se ho ben capito, nessuno vi ha visti.
    Ed anche se vi avessero visti, nessuno conosce la tua identità.
    Tu pensi che "forse" quelle telecamere fossero funzionanti.
    La ragazza ti dice di no, e probabilmente sa quello che dice. Probabilmente ha già portato dei clienti in quel posto.

    Ma di preciso che posto era?
    "sotto le scale", cioè in uno scantinato?

  5. #5
    Wiseman
    Guest

    Predefinito

    Sul piano del merito, la (eventuale) videoregistrazione effettuata dal condominio per motivi di sicurezza viene conservata solo per un numero ridotto di ore (un paio di giorni), salvo, evidentemente, che siano stati consumati reati per cui sia utile conservare le immagini.
    Cercare di verificare con l'addetto alla sicurezza del condominio se/cosa abbiano fatto.
    Fidarsi della professionista (che evidentemente usa quell'ambiente in modo abituale.
    Investire qualche euro presso il casellario giudiziale, ad interventi periodici, per controllare i propri carichi pendenti.
    Niente.

    Sul piano della permanenza qui sul forum - benvenuto - investire pochi minuti del proprio tempo per presentarsi, leggere il benvenuto dell'Amministratore, leggere il regolamento. In fondo, dopo l'androne di quel palazzo, lei è entrato anche in casa nostra...

    In calce a questo messaggio ci sono tutti gli opportuni collegamenti.
    Grazie!

  6. #6
    jiron
    Guest

    Predefinito

    Bè si....era un PICCOLO scantinato... e non c'era alcuna porta

    mi rendo conto che sono povero ignorante in preda al panico ma quando si soffre di ansia (come me) in questi casi si rischia seriamente l'esaurimento nervoso se non si eliminano tutti i minimi dubbi e le ANSIE;

    riguardo al casellario giudiziale...quante volte mi consigliate di andarci?

    Il mio sogno è di andare la lavorare all'estero, ma vorrei andarci con la pedina penale pulita

  7. #7
    Wiseman
    Guest

    Predefinito

    Sul piano della permanenza qui sul forum - benvenuto - investire pochi minuti del proprio tempo per presentarsi, leggere il benvenuto dell'Amministratore, leggere il regolamento. In fondo, dopo l'androne di quel palazzo, lei è entrato anche in casa nostra...
    Dopo, potremo parlare tranquillamente.
    Grazie!

  8. #8
    Moderatore L'avatar di Kojak
    Data Registrazione
    Dec 2013
    Località
    Padova
    Messaggi
    12,743

    Predefinito

    Tralasciando gli aspetti "morali" che non sono sindacabili da nessuno se non dal diretto interessato, completo il già esaustivo discorso con un piccolo aspetto giurisprudenziale: dottrina e giurisprudenza di merito sono concordi nello stabilire che l'atto osceno in luogo pubblico si configuri quando l'atto viene compiuto in un luogo di pubblico passaggio o esposto alla pubblica fede (vale a dire un luogo non soggetto ad alcune restrizioni né per sua stessa natura accessibile da parte di chiunque). Il fatto che la tua accompagnatrice abbia aperto un cancello chiuso a chiave e lo abbia richiuso fa diventare quel posto un luogo APERTO AL PUBBLICO, vale a dire accessibile solo da parte di un limitato numero di soggetti che abbiano titolo giuridico ad entrare (leggi, gli altri condomini). Gli androni dei palazzi e le loro pertinenze costituiscono aree comuni dei singoli condòmini: assodato che la ragazza avesse le chiavi del portone perché lì vi abita, non si pone alcun problema al di là della figura di sterco rimediata in caso di "sgamo" da parte di altre persone. Personalmente se fossi in te:
    a) dormirei i miei sonni tranquilli;
    b) ci starei molto più attento con l'alcool.......................
    Assistente Capo della Polizia di Stato: uno stile di vita!!
    Componente di Staff www.cadutipolizia.it e gruppo FB "Polizianellastoria"
    Blog Polizianellastoria QUI
    -------------------
    Per i nuovi Utenti
    - Hai letto il Regolamento? Lo trovi QUI
    - Ti sei presentato alla community? Fallo QUI
    - Disciplina e sanzioni del Forum, QUI

  9. #9
    Utente Expert Carabinieri L'avatar di itchy
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    976

    Predefinito

    Secondo me non si configura il reato paventato...
    Il reato di "Atti osceni in luogo pubblico" viene commesso da "chiunque, in luogo pubblico o aperto al pubblico o esposto al pubblico, compie atti osceni". Il punto chiave sta proprio nella definizione dei vari luoghi in cui può essere commessa tale fattispecie di reato:
    - LUOGO PUBBLICO: luogo in cui qualsiasi persona è libera di transitare o trattenersi (ad es. vie o piazze);
    - LUOGO APERTO AL PUBBLICO: luogo che si trova nella disponibilità di un soggetto che può porre dei vincoli per accedervi, come ad esempio orari di apertura o il pagamento di un biglietto (ad es. cinema);
    - LUOGO ESPOSTO AL PUBBLICO: luogo nè pubblico nè aperto al pubblico che, per sua natura o conformazione, è tale da consentire ad un numero indeterminato di persone ciò che avviene al suo interno (ad es. una macchina parcheggiata sulla pubblica via o un appartamento a piano terra con le finestre spalancate che danno sulla via);
    - LUOGO PRIVATO: luogo in cui l'accesso è consentito solo a persone predeterminate (ad. es. solo chi ha la chiave per aprirlo).
    Ora, il luogo in cui si è "consumato" il fatto rientra, a mio avviso, in quest'ultima categoria, dal momento che lo scantinato era all'interno dello stabile e per accedervi è stato necessario entrare nel portone (che poi è stato richiuso subito....). In questo caso, quindi, non era possibile che un numero indeterminato di persone potesse assistere al fattaccio, ma correvano questo pericolo, eventualmente, solo i pochi condomini che hanno le chiavi dello stabile (quindi, non un numero indeterminato......).
    Inoltre, se per assurdo lo scantinato rientrasse nella categoria di luogo esposto al pubblico, in questo caso dubito comunque che si possa configurare il reato, dal momento che in quest'ultimo caso la giurisprudenza è orientata verso il cosiddetto "pericolo concreto". In altri termini, mentre per il luogo pubblico o esposto al pubblico è sufficiente il "pericolo presunto" che qualcuno possa assistere all'atto (ovvero, il pericolo è presunto dalla legge stessa ed è sufficiente compiere l'atto per configurare il reato), per il luogo esposto al pubblico vale il "pericolo concreto", ovvero il pericolo non è più presunto dalla legge e quindi bisogna dimostrare, caso per caso, che effettivamente la condotta tenuta ha causato il pericolo che qualcuno assistesse all'atto.
    In soldoni:
    - mi accoppio in mezzo a Piazza del Duomo a Milano: LUOGO PUBBLICO ==> pericolo presunto dalla legge stessa ==> basta compiere l'atto perchè ci sia il pericolo (una grande probabilità) che qualcuno possa assistervi ==> SI CONFIGURA IL REATO;
    - mi accoppio nel mio appartamento con le finestre spalancate, al piano terra, che si affacciano su Via del Corso: LUOGO ESPOSTO AL PUBBLICO ==> pericolo concreto da dimostrare caso per caso ==> in questo caso la condotta tenuta crea il pericolo che un numero indeterminato di persone che transitano sulla via possa assistervi ==> SI CONFIGURA IL REATO;
    - mi accoppio nello scantinato del palazzo, dietro una porticina: SE LO CONSIDERO LUOGO ESPOSTO AL PUBBLICO ( ma per me è chiaro che è LUOGO PRIVATO ==> NON SI CONFIGURA IL REATO in ogni caso) ==> pericolo concreto da dimostrare caso per caso ==> in questo caso la condotta, a mio avviso, NON crea il pericolo che un numero indeterminato di persone possa assistervi, ma al massimo solo qualcuno dei condomini che hanno accesso al luogo ==> NON SI CONFIGURA IL REATO;
    spero di aver chiarito un po'...
    Saluti
    Ci sono alcune cose sacre nella vita di un uomo...una di queste sono le sue patatine fritte!

  10. #10
    LGD
    Guest

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da jiron Visualizza Messaggio
    Bè si....era un PICCOLO scantinato... e non c'era alcuna porta

    mi rendo conto che sono povero ignorante in preda al panico ma quando si soffre di ansia (come me) in questi casi si rischia seriamente l'esaurimento nervoso se non si eliminano tutti i minimi dubbi e le ANSIE;

    riguardo al casellario giudiziale...quante volte mi consigliate di andarci?

    Il mio sogno è di andare la lavorare all'estero, ma vorrei andarci con la pedina penale pulita

    Ascolta, dal punto di vista della legge non hai commesso nessun reato.
    Quindi non c'è bisogno di farsi prendere da ansie di nessun tipo, né di fare controlli al casellario giudiziale.

    Non è che - per assurdo - vieni condannato a tua insaputa!

    E comunque, stando a quel che hai raccontato, non hai fatto nulla di penalmente rilevante.

    Adesso non voglio sembrare uno che pretende di psicoanalizzare la gente da dietro un monitor ma... se eventualmente tu avessi delle ansie di altro genere (morali, paura di malattie, rimorsi, altre cose), NON riversarle sul timore di avere infranto la Legge, perché non c'entra nulla.

Pagina 1 di 11 123 ... UltimaUltima

Tag per Questa Discussione

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •