Risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: "Sulla mia pelle" - Il caso Cucchi

  1. #1
    Moderatore L'avatar di Kojak
    Data Registrazione
    Dec 2013
    Località
    Padova
    Messaggi
    12,076

    Predefinito "Sulla mia pelle" - Il caso Cucchi

    E' uscito il film "Sulla mia pelle", dopo lo scalpore suscitato alla mostra del Cinema di Venezia.

    Fermo restando che MAI NESSUNO deve entrare in una struttura detentiva da vivo per poi uscirne da morto....
    Fermo restando che MAI NESSUNO deve eccedere nella gestione delle misure coercitive....
    Fermo restando che c'è un processo in corso, dal quale noi appartenenti alle FF.P. per primi pretendiamo che sia fatta chiarezza una volta per tutte....
    Fermo restando che alla famiglia Cucchi va tutto il mio personale rispetto per un dolore immenso....

    Ebbene, dopo tutte queste premesse devo dire che ho trovato questo film avvilente sotto ogni punto di vista. Si tratta di una pellicola la cui sceneggiatura fa indiscriminatamente a pezzi l'intero sistema italiano: i Carabinieri? Tutti sadici aguzzini. La Penitenziaria? Un branco di ignoranti. I medici? Tutti incompetenti. Ne emerge un "martirologio" in cui il regista ha già pronunciato la sentenza di assoluta colpevolezza, in barba allo Stato di Diritto in cui ancora molti di noi credono. Dall'inizio alla fine si ha l'impressione di assistere a una Via Crucis con le relative stazioni, fino alla crocifissione finale sul Golgotha.

    Sui badi bene: Stefano Cucchi DOVEVA essere tutelato. Se la sentenza arriverà a stabilire inequivocabili responsabilità a carico di una o più articolazioni dello Stato, queste dovranno pagare fino in fondo per ciò che hanno fatto. Ma se questo film doveva essere girato, buon gusto avrebbe voluto fosse fatto dopo la sentenza definitiva, con un minimo di introspezione anche verso tutti coloro che nella trama vengono descritti semplicemente come aguzzini, facendo come sempre di tutta l'erba un fascio.
    Assistente Capo della Polizia di Stato: uno stile di vita!!
    Componente di Staff www.cadutipolizia.it e www.polizianellastoria.it
    Blog Polizianellastoria QUI
    -------------------
    Per i nuovi Utenti
    - Hai letto il Regolamento? Lo trovi QUI
    - Ti sei presentato alla community? Fallo QUI
    - Disciplina e sanzioni del Forum, QUI

  2. #2
    Utente Expert Marina L'avatar di Charlie 2
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Messaggi
    2,965

    Predefinito

    Concordo: è stato fatto con uno scopo politico preciso da una certa parte politica a dispetto del fatto che, fino a quando non sarà emessa una sentenza definitiva, tutto ciò che viene rappresentato è una verità di parte.
    Ecco perché mi rifiuto di vederlo.
    Chi semina raccoglie, ma chi raccoglie si china......... è a quel punto è un attimo......

  3. #3
    Caporale
    Data Registrazione
    May 2018
    Messaggi
    143

    Predefinito

    cosa è il cinema? Espressione soggettiva.

  4. #4
    Capitano L'avatar di altairV
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Messaggi
    2,252

    Predefinito

    Roboris
    Purtroppo molti pensano che quello che vedono al cinema sia verità...

    Quelli della Penitenziaria solo ignoranti? Strano, di solito siamo noi gli aguzzini. Forse il regista sapendo che sono stati assolti ha voluto comunque trovare qualcosa per denigrarci

    Kojak
    Purtroppo capita che si muoia anche in carcere, come si muore a casa o al campo di calcetto o all'ospedale.
    Ultima modifica di altairV; 23-09-18 alle 03: 36

  5. #5
    Moderatore L'avatar di Kojak
    Data Registrazione
    Dec 2013
    Località
    Padova
    Messaggi
    12,076

    Predefinito

    @altairV
    Allora completo il mio pensiero: MAI NESSUNO deve entrare in una struttura detentiva da vivo per poi uscirne da morto a causa di terzi

    @Roboris
    E' vero, il cinema è espressione soggettiva. Aggiungo: che va rispettata fino a che non risulti offensiva.
    Assistente Capo della Polizia di Stato: uno stile di vita!!
    Componente di Staff www.cadutipolizia.it e www.polizianellastoria.it
    Blog Polizianellastoria QUI
    -------------------
    Per i nuovi Utenti
    - Hai letto il Regolamento? Lo trovi QUI
    - Ti sei presentato alla community? Fallo QUI
    - Disciplina e sanzioni del Forum, QUI

  6. #6
    Capitano L'avatar di altairV
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Messaggi
    2,252

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Kojak Visualizza Messaggio
    @altairV
    Allora completo il mio pensiero: MAI NESSUNO deve entrare in una struttura detentiva da vivo per poi uscirne da morto a causa di terzi
    La precisazione dovrebbe essere "a causa di chi ne doveva curare la salute e/o la custodia". Altrimenti tiri in ballo anche altri soggetti che non potranno mai essere così cattivi

  7. #7
    Responsabile di Sezione L'avatar di bartok
    Data Registrazione
    Jun 2011
    Messaggi
    3,003

    Predefinito

    Ho appena visto il film e mi ha profondamente commosso.

    Tralascio di scrivere ciò che penso su quanto sia effettivamente successo, perché non ha alcuna importanza, ma vorrei controbattere ad alcuni aspetti:

    Ebbene, dopo tutte queste premesse devo dire che ho trovato questo film avvilente sotto ogni punto di vista. Si tratta di una pellicola la cui sceneggiatura fa indiscriminatamente a pezzi l'intero sistema italiano: i Carabinieri? Tutti sadici aguzzini. La Penitenziaria? Un branco di ignoranti. I medici? Tutti incompetenti.
    A me il film non ha dato quest'impressione. Appaiono come degli aguzzini i Carabinieri che il film delinea come autori del pestaggio. Tutti gli altri rappresentanti dello Stato, chi più chi meno, non vengono delineati negativamente e molti sono presentati come persone volenterose di aiutare Cucchi e, per dirla tutta, proprio Cucchi viene presentato come quello che per più di una volta non accetta l'aiuto offertogli e che fa scelte sbagliate. E non viene nemmeno presentato come un martire: lui spesso conferma l'addebito di detenzione (negando quello di spaccio), ma alla fine il film rende noto che deteneva in casa più di un chilo di droga.

    Fermo restando che MAI NESSUNO deve entrare in una struttura detentiva da vivo per poi uscirne da morto....
    io credo che questo come concetto possa bastare. E non lo dice una persona particolarmente indulgente.

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •