Pagina 3 di 3 PrimaPrima 123
Risultati da 21 a 25 di 25

Discussione: Come comportarsi quando si viene maleducatamente trattati liberi dal servizio

  1. #21
    Moderatore L'avatar di Kojak
    Data Registrazione
    Dec 2013
    Località
    Padova
    Messaggi
    9,051

    Predefinito

    Pensavo anche li di imparare molto dai piu' anziani ma sono ormai quasi tutti scazzati e ripetono sempre: "colle' e' una rogna,lascia perdere" e non uno la pensa cosi' ma un po' tutti,non si apprende piu'....
    Questo è un problema aperto che sta facendo i suoi danni.
    E' un circolo vizioso che da un lato (quello dei colleghi) vede prevalere una sorta di "istinto di sopravvivenza" di fronte a un sistema che non li tutela; dall'altro, vede l'assoluta incapacità della stragrande maggioranza dei nostri vertici nel motivare adeguatamente il proprio personale, soprattutto dei ruoli operativi.
    Assistente Capo della Polizia di Stato: uno stile di vita!!
    Componente di Staff www.cadutipolizia.it e www.polizianellastoria.it
    Blog Polizianellastoria QUI
    -------------------
    Per i nuovi Utenti
    - Hai letto il Regolamento? Lo trovi QUI
    - Ti sei presentato alla community? Fallo QUI
    - Disciplina e sanzioni del Forum, QUI

  2. #22
    Caporale
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    224

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Kojak Visualizza Messaggio
    Questo è un problema aperto che sta facendo i suoi danni.
    E' un circolo vizioso che da un lato (quello dei colleghi) vede prevalere una sorta di "istinto di sopravvivenza" di fronte a un sistema che non li tutela; dall'altro, vede l'assoluta incapacità della stragrande maggioranza dei nostri vertici nel motivare adeguatamente il proprio personale, soprattutto dei ruoli operativi.
    condivido tutto,ma quando parlo di mancata condivisione di esperienze e di sapere da "poliziotto" non mi riferisco solo prettamente alle conoscenze che potevano servirmi nel mio frangente, ma anche nell'imparare la metologia del cds,della stessa specialita' della stradale,non hanno piu' voglia di insegnare,si fa il minimo,si passano le 6 ore e poi ognuno per fatti suoi. Si vive alla giornata almeno tra noi della stradale....o almeno dove sono io,l'importante e' fare il verbale per fare contento il comandante,poi del resto chissene' come se nascessimo tutti imparati.....

  3. #23
    Soldato
    Data Registrazione
    Sep 2013
    Messaggi
    35

    Predefinito

    Credo che hai fatto bene ad agire così, al di là dell'appartenenza ad un Corpo di polizia o meno, quello che conta è sentire in quel momento le proprie "sensazioni", nel senso se uno non è sicuro di come agire è meglio lasciare stare in quel momento.
    Io penso invece che questo loro comportamento poteva essere sintomatico di qualche azione illegale che i tipi stavano mettendo in atto, io mi sarei allontanato, magari prendendo quantomeno la targa del mezzo, dalla quale si può risalire ad altre informazioni e avrei fatto una chiamata ai colleghi per vederci meglio.
    Voglio aggiungere un altra cosa, non si può mettere sullo stesso piano il modus operandi e soprattutto la forma mentis di quando si è in servizio, rispetto agli altri momenti della giornata, perché il modo di pensare è diverso: tu ti trovi immerso nel tuo lavoro ed in un certo senso hai un comportamento tale, invece nella tua situazione eri mentalmente libero, preso da altri pensieri e quindi questa tua insicurezza ci sta tutta. Hai fatto bene ad agire così.

  4. #24
    Utenti Storici L'avatar di VxVendetta
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Messaggi
    3,098

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da aghi Visualizza Messaggio
    Credo che hai fatto bene ad agire così, al di là dell'appartenenza ad un Corpo di polizia o meno, quello che conta è sentire in quel momento le proprie "sensazioni", nel senso se uno non è sicuro di come agire è meglio lasciare stare in quel momento.
    Io penso invece che questo loro comportamento poteva essere sintomatico di qualche azione illegale che i tipi stavano mettendo in atto, io mi sarei allontanato, magari prendendo quantomeno la targa del mezzo, dalla quale si può risalire ad altre informazioni e avrei fatto una chiamata ai colleghi per vederci meglio.
    Voglio aggiungere un altra cosa, non si può mettere sullo stesso piano il modus operandi e soprattutto la forma mentis di quando si è in servizio, rispetto agli altri momenti della giornata, perché il modo di pensare è diverso: tu ti trovi immerso nel tuo lavoro ed in un certo senso hai un comportamento tale, invece nella tua situazione eri mentalmente libero, preso da altri pensieri e quindi questa tua insicurezza ci sta tutta. Hai fatto bene ad agire così.
    Sai quante volte la famosa chiamata ai colleghi non la fai per non essere quello etichettato come "rompiballe"? Anche questa cosa è figlia del problema descritto da kojack (che a quanto pare abbiamo tutti indipendentemente dalla forza di appartenenza).
    I am I, Don Quixote, The Lord of La Mancha, My destiny calls and I go, And the wild winds of fortune Will carry me onward, Oh whithersoever they blow.
    Whithersoever they blow, Onward to glory I go!

  5. #25
    Maresciallo L'avatar di TuneUp
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Messaggi
    651

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da VxVendetta Visualizza Messaggio
    Sai quante volte la famosa chiamata ai colleghi non la fai per non essere quello etichettato come "rompiballe"? Anche questa cosa è figlia del problema descritto da kojack (che a quanto pare abbiamo tutti indipendentemente dalla forza di appartenenza).
    E' una cosa che tuttavia non dovrebbe esistere.
    Chi indossa una divisa, ha "il dovere di fare il proprio dovere" (chiaramente in tempi/modi possibili), non è una questione di voglia, di interpretazione, di non voler essere rompiscatole o di chissà cos'altro.
    Quando arriva un figlio è una grande gioia, ma poi c'è comunque la cacca da pulire, ci sono i biberon da preparare, i soldini da tirare fuori a vagonate, i pianti da sopportare, le abitudini da sconvolgere, ecc..
    Si sopportano tante cose negative e spiacevoli per un bene superiore.
    Lavorare al servizio del proprio Paese è la stessa identica cosa: bisogna sopportare angherie, mandare giù rospi a non finire, stare a contatto con gentaglia, non vedere sempre riconosciuto il proprio lavoro, fare molto spesso una vita di sacrifici...se non c'è una motivazione "superiore", è davvero dura.
    E' comprensibile che un operatore di polizia possa avere dubbi riguardo attività che non ha mai avuto modo di espletare come pure è comprensibile che un giovane operatore di polizia non abbia ancora sviluppato il necessario "pelo", ma ribadisco comunque che una semplice segnalazione alla PL o ai Carabinieri del luogo sarebbe stata tutt'altro che inopportuna visto che dietro episodi come quello accaduto spesso ci sono situazioni come questa:

    http://roma.fanpage.it/tagliano-albe...o-due-arresti/

    Mai preoccuparsi/vergognarsi di chiedere aiuto o supporto. Meglio una segnalazione eventualmente inutile che una notizia utile non fornita al momento giusto.
    L'uomo mortale, Leucò, non ha che questo d'immortale. Il ricordo che porta e il ricordo che lascia...

Pagina 3 di 3 PrimaPrima 123

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •