Pagina 1 di 7 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 69

Discussione: Devo comprare una PISTOLA per lavoro! Attendo pareri!

  1. #1

    Predefinito Devo comprare una PISTOLA per lavoro! Attendo pareri!

    Ciao a tutti ragazzi! Scrivo pochissimo su questo forum ma lo seguo sempre, a dispetto del mio nick amo la pace ma mi piace anche "parare bellum" !
    E ora che ho deciso di scrivere, mi scuso per la lunghezza!
    Scherzi a parte, sono figlio di ufficiale di Marina in congedo, e ho sempre avuto la passione delle forze armate e ancor piu delle Forze dell'Ordine, ho 23 anni e avrei tanto desiderato arruolarmi nella G.d.F. o nei CC ma per un maledetto ipotiroidismo, mi è stato detto che anche se arrivassi alle visite mediche, verrei scartato!

    Comunque dato che la passione per le armi mi è rimasta, ho conseguito un anno fa il porto d'armi per uso sportivo, e a breve lo vorrei modificare per "lavoro", diventando guardia giurata...

    Ho noleggiato diverse pistole al tiro a segno, vorrei comprarne una, ma sono fortemente indeciso.

    Finora una delle pistole con cui mi son trovato meglio a sparare, come buon sinonimo tra praticità e maneggevolezza) è la Beretta PX4 Storm, che credo tutti conoscano,ed ero orientato a comprare quella (il modello full size però, ho provato anhe al Compact ma come bilanciamento preferisco la full size) , però mi è stato detto da qualcuno che ha un difetto, rischia di incepparsi spesso se non si ha una attenta cura e manutenzione, in quanto la struttura rototraslante di cui è dotata è abbastanza delicata... poco male se si inceppa se mi accingo a sparare al poligono, un po' diverso se mi trovo in uno scontro a fuoco...diciamo tra l'altro che mi sono allenato a sparare discretamente, ma a fare la manutenzione (pulizia, ingrassaggio, lubrificazione ecc) di una pistola non saprei nemmeno da che parte si comincia, mi sento abbastanza impedito.... :P

    Un'altra pistola invece che mi piacerebbe tanto prendere che poi pistola non è ma un revolver, è la Smith & Wesson mod. 627 pro series con tamburo a 8 colpi, per chi non la conoscesse eccola qua.

    http://www.slickguns.com/sites/defau.../411547358.jpg

    manico in gomma (che secondo me anche se esteticamente meno bello e fascinoso del manico in legno su un revolver, rispetto a quest'ultimo ha una presa migliore, piu ergonomica), canna da 4 pollici, tamburo a 8 colpi, calibro 357 magnum...

    una bella bestiolina...lo so che scegliere tra una PX4 e un revolver tipo questo è come scegliere tra carne o pesce, o tra una polenta valsugana e u piatto di cozze, cioè nel senso che non c'azzeccano nulla l'una con l'altra, ho gusti molto eterogenei!

    Preciso che con un revolver non ho mai sparato, al poligono della mia città mi sa che hanno solo il tipico "38 special", il revolver ha dalla parte sua il vantaggio che necessita di una pochissima manutenzione (ideale per uno "impedito" come me), però costa di piu,(questo si aggira sui 1200/1300 mi pare) e c'è poco da dire, ha piu fascino averlo....di svantaggi che dire... lo sparo credo sia piu difficile e "impegnativo", e, in caso di scontro a fuoco, puoi contare solo su 6 o 8 colpi (almeno sto modello ne ha 8)...

    Voi che mi consigliate? o se avete anche qualche altra pistola da consigliarmi sono ben aperto a tutti i vostri pareri... un abbraccio a tutti!
    Ultima modifica di angelodellamore; 04-10-15 alle 12: 33

  2. #2
    Colonnello L'avatar di bacioch
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Lobbi(AL)
    Messaggi
    11,238

    Predefinito

    Il minimo minimo è imparare a smontare,rimontare e manutenzionare la propria arma,anche nel deprecabile caso che possa servirti a salvarti la pelle ...
    Ci si mette col manuale e con prodotti idonei,e non ci vuole una scienza.
    I 357 magnum danno una botta abbastanza impegnativa,e non potendo usare palle espansive perdono un po' senso.
    Pure i revolver vanno puliti....le polveri progressive non sono mai combuste alla perfezione,e possono lasciare residui che "impastano"il cilindro,impedendone la rotazione...per uso professionale direi che sono quasi spariti,ma alla fine se ti piace,perchè no?
    Se in uno scontro hai bisogno di più di 8 colpi,allora ti ci vuole un fucile,o meglio ancora una mitragliatrice
    Se sei un nuovo utente, Benvenuto! Ricordati di presentarti QUI

    Prima di aprire nuove discussioni e di postare messaggi, dai un'occhiata al REGOLAMENTO

  3. #3
    Caporale
    Data Registrazione
    May 2010
    Messaggi
    156

    Predefinito

    Io per un uso lavorativo sono più propenso alle semiautomatiche...molto meno rinculo, che si traduce in maggiore precisione. l'unico consiglio che ti posso dare è di cercarne una col cane abbattibile, che possa sparare quindi in doppia azione. Quelle col cane interno , con le quali non puoi camerare una munizione in sicurezza (tipo g-lock), non le sopporto proprio, da questo punto di vista credo che la beretta 98 fs non abbia rivali.....comunque oggigiorno credo siano tutte valide. io personalmente stravedo per la desert eagle, ma in ambito lavorativo non credo sia utilizzabile...

  4. #4
    VxVendetta
    Guest

    Predefinito

    Io sono sempre stato un grande sostenitore del revolver per l'attività di vigilanza privata, anche se poi predicherei bene e razzolerei male perché se mi toccasse mi prenderei una Smith&Wesson MP9 (che è una semiautomatica nuova generazione).

    In ogni caso la revolver è un'arma con tutta una serie di pregi, dal maggior stopping power (che alla fine quello serve, e si ottiene anche con un .38 black mamba o wadcutter) fino alla innata immediatezza d'uso, sicuramente più che idoneo al servizio, anche se il peso, in particolare del modello da te citato, va decisamente oltre i limiti per un oggetto che si porta sulle 8 ore al giorno.

    Non è vero che averlo ha più fascino, anzi, qualche ignorante sarà subito pronto a prenderti in giro additandoti a "sceriffo del quartiere", te fregatene e vai avanti per la tua strada se sei sicuro della scelta.

    Lo sparo di un revolver, infine, non è particolarmente più impegnativo di quello della pistola, anzi, perché il maggior peso ne bilancia meglio la reazione al rinculo, semmai è più difficile tenerlo saldamente con entrambe le mani, in quanto è sicuramente meno ergonomico di una semiautomatica, ma io sparo tranquillamente con un .45LC ad una sola mano se occorre (anche se in contesto sportivo, in contesto operativo si spara a due mani).

    Per scongiurare il rischio poche munizioni si va di carichini in modo da ridurre i tempi di ricarica, anche se questa sarà sempre meno intuitiva che in una semiautomatica.

    Poi, per quel che mi riguarda, o Smith&Wesson MP (praticamente una glock col fusto beretta e la sicura) o la nuova Beretta M9A1 (la 98 compact) sono armi ottime.

  5. #5

    Predefinito

    Grazie a tutti ragazzi per le risposte!

    Una domanda per Bacioch o chi voglia rispondere al posto suo... Che vuol dire "palle espansive"? (a parte le nostre quando ce le fanno girare e crescere ahahahahah)

    Di alcuni concetti sono ancora a digiuno!

    Capitolo Glock....provata al TSN, se vogliamo molto molto pratica, è lodata da molti (militari, guardie giurate, ecc) ma che vi devo dire ragazzi....a me non piace....non per lo sparo, però se devo investire un po' di centoni per un'arma che resta mia, anche l'occhio vuole la sua parte....cioè mi sembrano pistole giocattolo esteticamente, chiamatemi ragazzino "che gioca a fa lo sceriffo" ma non credo che me la comprerei....gia la PX4, pur essendo sempre in tecnopolmeri, strutturalmente mi aggarba di piu!

    Riguardo la desert eagle non ci ho mai sparato ma la conosco di nome, è un bel mattoncino che piacerebbe avere anche a me se avessi tanti soldi da poterne collezionare diverse, ma dovendone comprare una sola, sia da uso ludico/sportivo che, come spero, a breve anche per lavoro, la vedo un tantino scomoda!

    Non ho ben capito quindi lo sparo di un revolver come differisce da quello della pistola in termini di rinculo dell'arma e di precisione...

    Di sicuro il fatto che sia piu pesante (sto modello si aggira intorno a 1170 grammi scarico, dalla scheda di Bignami) perde in termini di "maneggevolezza".. (la differenza di peso la sento eccome gia, restando nell'ambito delle semiautomatiche marcate Beretta) tra la PX4 Storm e la 98FS, tra le due infatti preferisco la prima...la M9A1 invece non l'ho mai provata)...il rinuculo non so se dovrebbe essere minore o maggiore con la 357 magnum....diciamo che una canna da 4 pollici dovrebbe essere discretamente equilibrata come lunghezza e la pistola in sè come peso, tra il non essere troppo un mattone, e assorbire il rinculo rendendolo non troppo focoso...

    Certo poi sti americani chi li capisce, la S&W a livello di revolver ne ha di tutti i tipi e di tutti gusti... prendete questo

    http://www.bignami.it/files/BwProdot...047/360047.jpg

    una 44magnum modello "Performance center" (che è la punta di diamante della produzione della casa americana)....con canna da 2 pollici e mezzo????

    Qua cominci a farti male sul serio, mi sa!!!
    Ultima modifica di angelodellamore; 04-10-15 alle 14: 12

  6. #6
    Caporale
    Data Registrazione
    May 2010
    Messaggi
    156

    Predefinito

    Diciamo che in linea di massima, il rinculo nei revolver si scarica sul polso, mentre nelle semiauto viene dissipato in buona parte dall'arretramento del carrello, per quanto riguarda il peso, per motivi strutturali, i revolver sono più pesanti.... ma come hanno giustamente fatto notare sopra, maggior peso si traduce in maggiore stabilità.. è più "ferma" insomma. Questo vale per tutte le armi. Per quanto riguarda le g-lock, oltre al fatto estetico (può pacere o meno), è proprio un fatto di funzionalità..... il fatto di non poter abbattere il cane con la cartuccia camerata, mi da un senso di estremo pericolo e poca versatilità.

  7. #7
    Moderatore L'avatar di Kojak
    Data Registrazione
    Dec 2013
    Località
    Padova
    Messaggi
    13,455

    Predefinito

    Dunque, a mio avviso una pistola da usare in un servizio operativo deve avere la possibilità di unelevato volume di fuoco e di una controllabilità nel tiro pressochè assoluta.
    Premetto inoltre di appartenere alla "vecchia guardia" dei tiratori, quindi vorrete perdonarmi se le mie considerazioni appariranno obsolete.
    Parto da una premessa: in difesa personale, pur con tutte le limitazioni previste dal nostro ordinamento in tema di munizionamento, prediligo un calibro che possa offrire un ottimo compromesso tra cadenza di tiro e stopping power. Se dovessi scegliere, opterei per l'ottimo .45ACP: palla lenta, varie configurazioni anche in tronco-conica, una bella sventola in termini di potere di arresto; di contro, una tuonata assordante che, se esplosa in ambiente chiuso, potrebbe avere le proprie controindicazioni sui timpani. Mi parlano bene del 9 Short (o .380 Auto) e, ancora meglio, dell'ormai introvabile 9x18 (o 9 Police) che aveva ugualmente uno s.p. di tutto rispetto. Resta l'analisi del .40S&W, diffusissimo e praticissimo anche per la ricarica: scalcia un po', ma la pratica supplisce il disagio iniziale.
    Revolver. In tema di difesa personale ho sempre considerato il revolver come arma da backup, in specie la mod. 49 della S&W con cane carenato e canna da 2 pollici: ottima arma da taschino o da caviglia, offre 5 colpi in .38Spl con possibilità di camerare anche la versione +P. Tutto il resto, batteria!! Il revolver in teatro operativo necessita di calibri sostenuti, almeno il .38Spl. Sparare con un .357 Mag richiede "manico" e timpani ovattati, oltre al rischio connaturato all'uso del munizionamento blindato (unico possibile sulla scena della difesa personale) derivante dai rimbalzi dell'ogiva. Lasciamo perdere per pura pietà cristiana calibri come il .44 Mag, il .44 Spl, il .50AE.... solo uno stolto potrebbe pensare di esplodere una di queste cartucce in teatro operativo urbano, ammettendo di sopravvivere alla tuonata e al rinculo....
    Molti sono tornati addirittura indietro: al .32 Browning (o 7,65) anche in versione parabellum. Una valida alternativa era stata offerta dal cal. 7 Penna, ma l'unica arma che lo camera è catalogata sportiva, quindi non utilizzabile in difesa personale.
    Un'ultima analisi sul sistema di alimentazione. Quello rototraslante (usato da mamma Beretta dalla 8000 Cougar in poi) lo lasciamo alle linee di tiro. Io voglio un'arma che mi assicuri il suo funzionamento in qualunque condizione operativa. In questo, la Beretta 98 è ancora il massimo, tantopiù che come GPG non hai il problema del porto occulto.
    Come calibro cosa farei io? .40 S&W, e non se ne parli più!
    Assistente Capo Coordinatore della Polizia di Stato: uno stile di vita!!
    Componente di Staff www.cadutipolizia.it e gruppo FB "Polizianellastoria"
    Blog Polizianellastoria QUI
    -------------------
    Per i nuovi Utenti
    - Hai letto il Regolamento? Lo trovi QUI
    - Ti sei presentato alla community? Fallo QUI
    - Disciplina e sanzioni del Forum, QUI

  8. #8
    Colonnello L'avatar di bacioch
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Lobbi(AL)
    Messaggi
    11,238

    Predefinito

    Uno dei vantaggi dei revolver,è di non aver bisogno di ogive arrotondate per entrare lisce in camera di cartuccia...quindi ci si può sbizzarrire con le forme più diverse...Nel tiro sportivo si usano le wad cutter,ogiva totalmente cilindrica annegata nel bossolo....per difesa (quando si poteva) le semi jacketed hollow point,cioè una pallottola semicamiciata,con la punta esposta forata:impattando sul bersaglio si espandeva rapidamente,cedendo la maggior parte dell'energia cinetica e massimizzava il foro temporaneo,con maggiore shock,emoraggia,e aumentando le possibilità di danneggiare organi vitali,ossa,e midollo spinale....Ora che siamo buoni ,bisogna usare solo palle piene,che certamente passeranno da parte a parte.

    Un 357 magnum ha circa il doppio di energia rispetto a un 9mm,quindi il doppio del rinculo....un 44 magnum a carica piena è addirittura punitivo,quasi il doppio di un 357,per niente divertente e non vedrai l'ora di finire i colpi ....Per me l'unico uso pratico è per difesa contro gli orsi,o per caccia agli ungulati con pistola(dove ammesso),o altrimenti se sei un Highway Paltrolman che deve fermare un pickup Dodge di trafficanti con un colpo al motore 5700 cc
    Se sei un nuovo utente, Benvenuto! Ricordati di presentarti QUI

    Prima di aprire nuove discussioni e di postare messaggi, dai un'occhiata al REGOLAMENTO

  9. #9

    Predefinito

    ahahhaahah ragazzi, sincero, tra la battuta "per pietà cristiana" di Kojak e quella della caccia agli orsi di bacioch mi state facendo ammazzare dalle risate!!....in effetti questo confronto mi sta servendo tanto a farmi capire quanto sia ancora "digiuno" di pratica e conoscenza sul mondo delle armi!usate termini e espressioni che nemmeno conoscevo... Forse risento ancora di troppa poca praticità e troppo fascino dei film di Callaghan e Sergio Leone!

    Quindi Bacioch se tanto mi dà tanto devo pensare che se sparo con una 44 magnum con canna cosi corta (2,5 pollici) come quella che ho postato nel mio secondo post, dopo devo mettere il voltaren sul polso?

    Tornando invece alle semi-automatiche.... e qui mi rivolgo all'amico Kojak... la Beretta a canna rototraslante la lasceresti al poligono e non in un contesto operativo, perche? per i rischi di inceppamento di cui parlavamo prima?...a prescindere dalla "cura e diligenza del buon padre di famiglia" nel manutenere , lubrifircare, pulire e ingrassare l'arma (qualsiasi arma comprerò oltre a leggermi il manuale, magari le prime volte, cercherò, se possibile, qualche bravo Cristo di armaiolo che mi faccia da tutor "dal vivo" presso il suo negozio, lo preferisco), una semiautomatica a canna rototraslante è "troppo delicata" ?

  10. #10
    Moderatore L'avatar di Kojak
    Data Registrazione
    Dec 2013
    Località
    Padova
    Messaggi
    13,455

    Predefinito

    Tornando invece alle semi-automatiche.... e qui mi rivolgo all'amico Kojak... la Beretta a canna rototraslante la lasceresti al poligono e non in un contesto operativo, perche? per i rischi di inceppamento di cui parlavamo prima?
    Esatto. E' un sistema che era già stato studiato in passato dalla S&W: il vantaggio di una minore usura delle parti mobili dell'arma e di una maggiore precisione grazie a una maggiore aderenza tra otturatore e canna non paga il rischio che nel momento del "bisogno" l'arma non funzioni. Non te lo puoi permettere, fosse anche un colpo su un milione. E non è l'accurata manutenzione dell'arma o la sua pulizia maniacale a fare la differenza. Quando l'arma è inceppata e un cattivone ti spara addosso, vai tu a benedire gli ingegneri di casa Beretta....
    Assistente Capo Coordinatore della Polizia di Stato: uno stile di vita!!
    Componente di Staff www.cadutipolizia.it e gruppo FB "Polizianellastoria"
    Blog Polizianellastoria QUI
    -------------------
    Per i nuovi Utenti
    - Hai letto il Regolamento? Lo trovi QUI
    - Ti sei presentato alla community? Fallo QUI
    - Disciplina e sanzioni del Forum, QUI

Pagina 1 di 7 123 ... UltimaUltima

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •