Pagina 58 di 58 PrimaPrima ... 848565758
Risultati da 571 a 576 di 576

Discussione: Allievi Ufficiali Ferma Prefissata (AUFP) - Discussione Generale

  1. #571
    Utente Expert Marina L'avatar di Charlie 2
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Messaggi
    3,010

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Marforsper Visualizza Messaggio
    Salve e grazie per le precisazioni,
    mi permetto piccole puntualizzazioni:

    - non esistono garanzie di lungo impiego nel settore, i fatidici 10 anni sono più una speranza che altro
    - l'AUFP è il colpo di coda del vecchio sistema di leva, è stata solo cambiata la denominazione...ennesima occasione mancata di professionalizzare per il compartimento
    - come ben sa, ai tempi della leva e oltre ,per questo ed altri reparti, le esigenze operative erano ben diverse e l'impiego molto più limitato. Si è stati obbligati ad aprire alle ferme prefissate
    - i limiti anagrafici lasciano, con tutto il rispetto,lasciano il tempo che trovano. In genere un operatore raggiunge la maturità operativa tra i 39 ed i 42 anni e se pensiamo che altre FFAA , con bacini ben più consistenti, prevedono limiti più elevati...

    Saluti

    P.S.
    senza alcun intento polemico e illusione

    L'impiego del personale in una destinazione, e di conseguenza in un determinato incarico, varia dai 3 ai 5 anni massimo dopodiché si cambia destinazione (obbligatoriamente) ed incarico che è funzione del grado conseguito e dell'esperienza maturata. In genere quello che NON cambia è la componente di impiego (aereo, navale, TLC subacquea, Anfibia, Incursori ecc.) che possono anche essere svolti presso sedi differenti (anche a Roma per esempio e non solo presso i reparti operativi), ma tutti, dopo una certa età diventano QC ciè impiegabili in qualsiasi incarico che è amministrativo/Logistico ovvero in istituti di formazione o presso le strutture centrali della F.A. Difesa o NATO.

    Tenga presente che l'organico ai tempi della leva era molto maggiore rispetto a quello di adesso - basti pensare che gli equipaggi sulle navi di ultima generazione sono drasticamente diminuiti rispetto alla stessa classe di qualche decennio fa. Ne consegue che anche il ruolo Ufficiali che precedentemente era coperto dagli Ufficiali di Complemento si è drasticamente ridotto. Non vedo che professionalizzazione possano apportare degli Ufficiali a ferma prestabilita che frequentano un corso di addestramento di poche settimane che è appena adeguata a quello che devono fare e possono fare - e questo lo dico basandomi su esperienza diretta avendone avuti diversi alle dipendenza.

    Non so su che base possa affermare che un operatore raggiunge la maturità operativa tra i 39 ed i 42 anni ma chissà perché sulle navi maggiori gli unici over 40 sono pochissimi (Comandante, Comandante in 2^, Direttore di Macchina, Capo Aiutante, Contabile di Macchina) e sulle navi minori sono ancora più giovani. E, come Lei sa, la componente operativa della Marina sono sopratutto le navi.
    Ultima modifica di Charlie 2; 02-02-19 alle 11: 27
    Chi semina raccoglie, ma chi raccoglie si china......... è a quel punto è un attimo......

  2. #572

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Marforsper Visualizza Messaggio
    Salve,
    l'equivoco di fondo è credere che le FFAA siano tenute ad accontentare determinate aspirazioni,così non è o almeno non dovrebbe essere. Troppi ,provienti dalle più disparate esperienze, si lamentano perchè la FA lì ha destinati ad impieghi "dequalificanti" o che non valorizzano la loro formazione, dimenticando che sono lì per servire e non per appagare il proprio ego.
    Nel mondo militare si decide di mettersi a disposizione, di dare la propria disponibilità a servire, il come e il dove esulano dalla nostra volontà.

    Saluti


    Credo che incarichi di una certa responsabilità debbano necessariamente tenere conto della predilezione di ognuno a specifici ruoli, altrimenti l’aggettivo dequalificante è proprio quello che si addice meglio alla situazione. Non credo sia una questione di ego, ma di vocazione personale ad un impiego piuttosto che a un altro. In ogni caso, il mio considerare poco eque certe decision, deriva dal fatto che credo calpestino lo spirito di autodeterminazione dell’uomo. Solo una prova di ammissione può decretare se meriti o meno di accedere, anche perché ciò che concerne il reparto incursori viene insegnato solo durante il loro specifico corso. Quindi a mio modo di vedere il ruolo ricoperto in precedenza è irrilevante.

    Come ha spiegato charlie, gli AUFP sono legalmente nati per ricoprire solo incarichi particolari e posso capirlo. Ma il ruolo ricoperto in precedenza c’entra poco con le capacità di assolvere i compiti di un incursore.

    Per quanto mi riguarda sono completamente in disaccordo anche con i limiti di età previsti per la partecipazione ai concorsi. L’età è relativa, e dovrebbe essere la durezza delle prove a decretare se quella persona può servire il paese, non un dato anagrafico. È ovvio che l’età di congedo sia un passo obbligato per rinnovare il personale, ma a mio parere non quella per partecipare ad un test .
    La differenza tra il possibile e l'impossibile è una nostra scelta dettata dalla determinazione.

  3. #573
    Utente Expert Marina L'avatar di Charlie 2
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Messaggi
    3,010

    Predefinito

    Ognuno è libero di pensarla come vuole anche se, a volte, questo pensiero cozza con i principi su cui si basa l'organizzazione militare: gerarchia e disciplina e status di appartenenza.
    Chi semina raccoglie, ma chi raccoglie si china......... è a quel punto è un attimo......

  4. #574

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Charlie 2 Visualizza Messaggio
    L'impiego del personale in una destinazione, e di conseguenza in un determinato incarico, varia dai 3 ai 5 anni massimo dopodiché si cambia destinazione (obbligatoriamente) ed incarico che è funzione del grado conseguito e dell'esperienza maturata. In genere quello che NON cambia è la componente di impiego (aereo, navale, TLC subacquea, Anfibia, Incursori ecc.) che possono anche essere svolti presso sedi differenti (anche a Roma per esempio e non solo presso i reparti operativi), ma tutti, dopo una certa età diventano QC ciè impiegabili in qualsiasi incarico che è amministrativo/Logistico ovvero in istituti di formazione o presso le strutture centrali della F.A. Difesa o NATO.

    Tenga presente che l'organico ai tempi della leva era molto maggiore rispetto a quello di adesso - basti pensare che gli equipaggi sulle navi di ultima generazione sono drasticamente diminuiti rispetto alla stessa classe di qualche decennio fa. Ne consegue che anche il ruolo Ufficiali che precedentemente era coperto dagli Ufficiali di Complemento si è drasticamente ridotto. Non vedo che professionalizzazione possano apportare degli Ufficiali a ferma prestabilita che frequentano un corso di addestramento di poche settimane che è appena adeguata a quello che devono fare e possono fare - e questo lo dico basandomi su esperienza diretta avendone avuti diversi alle dipendenza.

    Non so su che base possa affermare che un operatore raggiunge la maturità operativa tra i 39 ed i 42 anni ma chissà perché sulle navi maggiori gli unici over 40 sono pochissimi (Comandante, Comandante in 2^, Direttore di Macchina, Capo Aiutante, Contabile di Macchina) e sulle navi minori sono ancora più giovani. E, come Lei sa, la componente operativa della Marina sono sopratutto le navi.
    Salve,
    vero si cambia obbligatoriamente, ma ciò è dovuto a vecchie e discutibili scelte di un periodo ormai passato e che hanno senso solo per quanto concerne il cursus honorum degli Ufficiali RN (neanche tutti), non per tutti gli altri. Che mi risulti - antieconomico ed irragionevole il contrario - così come un UPC vola per più di 3-5 anni così un Incursore rimane, se tutto fila liscio,nel gruppo operativo per diversi anni, prima di passare al QG, gruppo scuole etc.

    Dice bene: quale professionalizzazione da chi frequenta un corso di qualche settimana, dopo aver superato una selezione tutto sommato blanda e che resterà in servizio per scarsi 30 mesi...basterebbe poco per alzare l'asticella concorsuale, prevedendo più prove generali e tecnico-professionali , così come previsto per AUPC e RS (che molto studiano da autodidatti), così da costringere gli aspiranti a fare i compiti a casa...un tirocinio in un centro reclute, una ferma quadriennale e prevedere abilitazioni...ma così facendo cambierebbe drasticamente il target dei concorrenti e le considerazioni inerenti il transito naturale nei RS.

    Per concludere, tra gli altri, Comandanti del COFS hanno affermato quanto da me riportato e per quanto concerne le navi, tanti over 40 hanno già maturato troppi anni d'imbarco- come ricorda, una volta si navigava - e tanti virgulti marinai ne hanno troppo pochi all'attivo; considerando poi la flotta di anno in anno ridimensionata ed il numero di Unità generalmente in armamento...è presto detto.

    Saluti
    Ultima modifica di Marforsper; 03-02-19 alle 17: 22

  5. #575
    Utente Expert Marina L'avatar di Charlie 2
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Messaggi
    3,010

    Predefinito

    La scelta di cambiare destinazione è legata all'impiego ed agli incarichi derivanti dal grado ricoperto. E questo vale per tutti dagli Ufficiali sino agli ultimi marinai - quando si avanza di carriera si deve cambiare incarico altrimenti si è sotto impiegati.
    Il fatto che oggi si navighi di meno rispetto a prima non comporta influenze sugli anni di imbarco. Che si stia in mare od in banchina durante l'anno sempre un anno di imbarco e tutti devono effettuare i periodi minimi di imbarco previsti dallo status giuridico necessari per l'avanzamento.

    Il concorso AUPC è un concorso specifico che, nel breve medio termine, andrà a sparire e che prevede una ferma di 12 anni (qualora si consegue il brevetto di volo) altrimenti si viene congedati e non è paragonabile a quello degli UFP (che anche questo andrà a sparire nel tempo) anche perché, con la revisione delle tabelle organiche derivanti dalla progressiva riduzione del personale e con il riordino delle carriere sempre più posti tabellari che un tempo erano coperti da Ufficiali di Complemento e, successivamente, da UFP, o sono stati soppressi o riassegnati con l'impiego ai Marescialli Luogotenenti.
    Chi semina raccoglie, ma chi raccoglie si china......... è a quel punto è un attimo......

  6. #576

    Predefinito

    Salve, un UFP SM dove può essere destinato maggiormente? Al quartier generale a Roma?

Pagina 58 di 58 PrimaPrima ... 848565758

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •