Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 16

Discussione: Presunzione*di non colpevolezza per tutti.

  1. #1

    Predefinito Presunzione*di non colpevolezza per tutti.

    In questi giorni, sui vari social ma anche sui giornali, è riesplosa la "guerra" pro Cucchi o pro CC.
    Io ho letto sulla pagina della signora Cucchi commenti contro i cc coinvolti, veramente indecenti!
    Minacce, insulti, proposte per organizzare pestaggi e aggressioni nei confronti dei figli...eccetera
    La signora Cucchi non fa niente per eliminare o gestire questo odio...anzi, lo alimenta pubblicando le foto dei cc.
    È nato un gruppo su un noto social che sostiene i cc e chiede il rispetto del principio di innocenza sino a condanna definitiva, l'avvocato della signora è riuscito a farlo bloccare ma lo hanno dovuto ripristinare perché rispettava il regolamento.
    Io mi chiedevo ma per gli appartenenti delle forze dell'ordine il principio di non colpevolezza non vale?
    La magistratura non dovrebbe intervenire?
    Perché nessuno fa niente...le denunce o segnalazioni sono state fatte, ma nessuno fa niente.

  2. #2

    Predefinito

    Nessuno ha un opinione in merito?
    Non vi importa? Accettate insulti, minacce e aggressioni?

  3. #3
    Moderatore L'avatar di Kojak
    Data Registrazione
    Dec 2013
    Località
    Padova
    Messaggi
    12,872

    Predefinito

    Dunque, non so che dire...
    Nel senso che è un problema che non mi sono mai posto. Ci avrò fatto il callo, ma personalmente gli insulti e le minacce mi scuciono un baffo. Di aggressioni, poi, non ne parliamo.
    Circa la presunzione di non colpevolezza, essa riguarda indistintamente TUTTI i cittadini, compreso chi veste una Divisa.
    Sul caso Cucchi non mi esprimo poiché ritengo di poterlo fare solo quando questa vicenda si sarà chiusa definitivamente.
    Assistente Capo Coordinatore della Polizia di Stato: uno stile di vita!!
    Componente di Staff www.cadutipolizia.it e gruppo FB "Polizianellastoria"
    Blog Polizianellastoria QUI
    -------------------
    Per i nuovi Utenti
    - Hai letto il Regolamento? Lo trovi QUI
    - Ti sei presentato alla community? Fallo QUI
    - Disciplina e sanzioni del Forum, QUI

  4. #4

    Predefinito

    Però sono entrati a casa del maresciallo e gli hanno devastato l'appartamento...non sarebbe meglio intervenire adesso!
    Secondo me dovrebbero tutelarvi di più senza entrare in merito alla vicenda...ma chi di dovere dovrebbe limitare la manipolazione mediatica.

  5. #5
    Responsabile di Sezione L'avatar di Vinfer
    Data Registrazione
    Jan 2015
    Località
    Ottaviano
    Messaggi
    480

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Sergione Visualizza Messaggio
    In questi giorni, sui vari social ma anche sui giornali, è riesplosa la "guerra" pro Cucchi o pro CC.
    Io ho letto sulla pagina della signora Cucchi commenti contro i cc coinvolti, veramente indecenti!
    Minacce, insulti, proposte per organizzare pestaggi e aggressioni nei confronti dei figli...eccetera
    La signora Cucchi non fa niente per eliminare o gestire questo odio...anzi, lo alimenta pubblicando le foto dei cc.
    È nato un gruppo su un noto social che sostiene i cc e chiede il rispetto del principio di innocenza sino a condanna definitiva, l'avvocato della signora è riuscito a farlo bloccare ma lo hanno dovuto ripristinare perché rispettava il regolamento.
    Io mi chiedevo ma per gli appartenenti delle forze dell'ordine il principio di non colpevolezza non vale?
    La magistratura non dovrebbe intervenire?
    Perché nessuno fa niente...le denunce o segnalazioni sono state fatte, ma nessuno fa niente.
    Io dico solo una cosa: in Italia la stampa a volte raggiunge livelli di vergogna tale da essere ingiustificabile. Si leggono di bufale su bufale, articoli antiscientifici in ogni anfratto, idiozie su idiozie. Il caso in questione non fa eccezione, lo capii in un'occasione: lessi tempo fa un articolo (non ricordo su quale testata) dove un giornalista gettava un fiume di ***** sull'Arma perché rea di aver "promosso" da Maresciallo Ordinario a Maresciallo Capo un indagato nella storia in questione. Articolo dipinto in modo da far credere al lettore che fosse quasi un premio per aver commesso un reato. Vergognoso. La promozione avveniva perché semplicemente era scattato il 7° anno di anzianità nel grado. Punto.
    Massima solidarietà al collega cui hanno devastato casa oramai già condannato da una folla che non ha nulla da invidiare a quelle che bazzicavano in europa tra il 900 ed il 1500.

  6. #6
    Capitano L'avatar di altairV
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Messaggi
    2,280

    Predefinito

    Sarà stato lo stesso giornalista che ha scritto che da quest'anno anno prenderò TREMILA euro al mese grazie alla promozione a Sovr.C.
    Solo che i vertici dovrebbero intervenire un po' più rumorosamente per smentire questi personaggi. Con regolamenti e leggi alla mano, in modo da spu@@anarli pubblicamente. Ma la cosa sarebbe accettata solo da chi fosse obiettivo. Chi fosse di parte non crederebbe a una parola, nenache del PdR Mattarella o del Papa.
    Poi qualche politico si è dissociato (almeno) dopo aver sentito, saputo del fatto?

    Comunque come ha scritto Kojak alla fine ci fai un po' l'abitudine e te ne sbatti di quello che scrivono scribacchini e soci.
    I miei colleghi di Corpo dopo l'assoluzione completa aspettano ancora le scuse da quell'Italia che li aveva già condannati...hai voglia

  7. #7
    Moderatore L'avatar di Kojak
    Data Registrazione
    Dec 2013
    Località
    Padova
    Messaggi
    12,872

    Predefinito

    Voglio essere chiaro, giusto perchè non vi siano dubbi di alcun tipo.
    1) I vertici delle Amministrazioni (TUTTE, nessuna esclusa) sono letteralmente "appecorati" davanti ai giornalisti. Una volta si alzava la voce, adesso si calano le braghe.

    2)
    in Italia la stampa a volte raggiunge livelli di vergogna tale da essere ingiustificabile.
    Giusto. Ma lo è fintantoché l'opinione pubblica in generale è costituita da "boccaloni" che si bevono tutto senza alcun tipo di spirito critico.
    Ergo: abbiamo ciò che ci meritiamo.
    Assistente Capo Coordinatore della Polizia di Stato: uno stile di vita!!
    Componente di Staff www.cadutipolizia.it e gruppo FB "Polizianellastoria"
    Blog Polizianellastoria QUI
    -------------------
    Per i nuovi Utenti
    - Hai letto il Regolamento? Lo trovi QUI
    - Ti sei presentato alla community? Fallo QUI
    - Disciplina e sanzioni del Forum, QUI

  8. #8
    Responsabile di Sezione L'avatar di Vinfer
    Data Registrazione
    Jan 2015
    Località
    Ottaviano
    Messaggi
    480

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Kojak Visualizza Messaggio
    Giusto. Ma lo è fintantoché l'opinione pubblica in generale è costituita da "boccaloni" che si bevono tutto senza alcun tipo di spirito critico.
    Ergo: abbiamo ciò che ci meritiamo.
    Ovviamente concordo al 100%.

  9. #9

    Predefinito

    Anche io concordo con voi. Le persone che credono a qualsiasi fesseria, si meritano di essere presi in giro.
    Però io parlo di una cittadina che usa la sua pagina, da personaggi pubblico, per diffamare e divulgare mezze verità e da spazio a questi individui per dare sfogo al proprio odio senza intervenire e cancellare i messaggi inappropriati.
    I magistrati dovrebbero intervenire per far cessare questo scempio! E non capisco come, il Generale Del Sette, abbia accettato la rivisitazione delle sue dichiarazioni fatta dalla signora. Il silenzio conferma la sua versione, non dico che debba "buttarla in caciara", ma almeno, potrebbe smentire la sua rivisitazione!
    Ai giornali non ci faccio più caso...ma una cittadina, anche se si ritiene diversa, è soggetta alle leggi come tutti gli altri cittadini.

  10. #10
    Responsabile di Sezione L'avatar di bartok
    Data Registrazione
    Jun 2011
    Messaggi
    3,093

    Predefinito

    Purtroppo non si possono usare metodi biellorussi. Insomma, qui non controlliamo i confini, gli zingari razzolano nella spazzatura, buttano tutto di fuori e nessuno fa nulla, in Libia le mamme raccomandano ai bambini che giocano vicino alla riva del mare di non andare troppo a largo perché se no arrivano gl'italiani e se li portano in Italia. Purtroppo questa è una fase storica in cui in Italia le cose vanno così. Va accettato. Il vento prima o poi cambierà, ma non mi pare il caso di farsi venire il sangue amaro per cose ormai ben note. Bisogna sorridere, perché in fondo in tutto ciò i risvolti comici non mancano. E se poi verrà il momento di ridere, si riderà.

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •