Pagina 11 di 11 PrimaPrima ... 91011
Risultati da 101 a 102 di 102

Discussione: Coltelli economici ma ammirevoli.

  1. #101

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da rubor Visualizza Messaggio
    Dunque, durante i due giorni di uscita ho usato un po' più a fondo il M.o.D. Survival knife, in particolare ci ho tagliato rami (già caduti) di circa 8-10 cm di diametro abbastanza velocemente e senza grande fatica. Idem per il batoning. Ma la più grande soddisfazione è stata nel piantare i picchetti per tenda o tarp, su un terreno piuttosto duro, sia quelli d'acciaio che alcuni in legno fatti da me, usando il coltello di piatto, andavano giù come niente! Rimane qualche segnetto ma non mi dispiace. Ho provato anche battendo con il dorso della lama ma ovviamente è più difficile soprattutto coi picchetto metallici che non offrono abbastanza superficie di impatto. In definitiva credo che, per il mio tipo di utilizzo prevalente, possa fungere da coltello unico, al limite con un piccolo chiudibile inox per tagliare cibi vari.
    Ottimo! E come si è comportanto il fodero? Ti dà fiducia?

  2. #102

    Predefinito

    Dà un po' non aggiornavo questa sezione, quindi vi darò un paio di input.

    Se la ditta svedese Morakniv (già ampiamente citata in questo thread in quanto famosa per coltelli economici ma da dalle lame di superba qualità e ottima capacità di taglio) sta ormai impazzendo, sfornando coltelli buoni ma di prezzo sempre più elevato, la ditta Hultafors (di cui ho recensito l'heavy duty knife), si sta dimostrando attenta al mercato e alla clientela, ispirandosi di fatto ad essa.
    Vi avevo parlato della modifiche che si possono fare all'Heavy Duty Knife per renderlo un ottimo coltello da survival/outdoor spendendo pochissimo. Ebbene, pur non stando nella fascia dei 15 euro ma spostandosi poco più in alto, la Hultafors ha modificato quel coltello, creando una versione specificamente pensata per l'outdoor.
    Ha mantenuto il generoso spessore dell'HDK (3 mm di lama), ha mutuato il manico più grippante dalla linea work (meglio del plasticone verde dell'heavy duty), ha matenuto il fodero di plastica e l'ha corredato di acciarino e di un semplice attacco in cordura che permette di fissarlo in maniera più rapida alla cintura.
    In, più, la lama al carbonio ha un trattamento di coating e ha impresso un interessante "righello" per fare misurazioni di fortuna (per tagliare ceppi di legno, corde, pesci...). La cosa interessante è che la base della prima versione di questo outdoor era essenzialmente un heavy duty brunito (lasciando l'impugnatura classica), ossia hanno adottato, di fabbrica, le tipiche modifiche attuate dagli utilizzatori, per poi aggiungere migliorie varie nel tempo, fino ad arrivare alla versione attuale. Io la chiamo intelligenza e lungimiranza commerciale.
    Costo? 30 euro. Direi che è un buon affare. Ci sono coltelli di marche blasonatissime ma di caratteristiche analoghe, che costano almeno tre volte tanto.
    L'unica cosa che modificherei è il filo: nonostante il bisello sia canonicamente scandinavo, presenta comunque un bisello secondario. Una mezz'oretta di passaggi su varie pietre e si ottiene un ottimo filo scandi al 100%.

    Ultima modifica di Sinanju; 09-08-17 alle 11: 16

Pagina 11 di 11 PrimaPrima ... 91011

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •