Pagina 1 di 23 12311 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 226

Discussione: Tutto sulle Brigate Rosse

  1. #1
    Capitano L'avatar di Eli113
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Località
    SICILIA
    Messaggi
    2,288

    Predefinito Libero Senzani, capo delle BR.

    (ANSA) - FIRENZE, 25 OTT - Torna libero per estinzione della pena, dopo 23 anni di carcere, il leader delle Br Giovanni Senzani. Con Mario Moretti guido' il gruppo terroristico dopo il sequestro Moro. Senzani e' stato scarcerato all'inizio dell'anno ma si e' appreso solo oggi. Godeva da tempo del regime di liberta' condizionale.'I giudici che mi hanno esaminato - dichiara - hanno constatato che sono cambiato. Ho riconosciuto i miei errori. La politica l'ho abbandonata da un pezzo, ma non le mie idee di sinistra'.




    Entra per la prima volta in una indagine riguardante le Brigate Rosse nel settembre del 1978, per una telefonata fatta ad un docente universitario, medico chirurgo presso l'ospedale San Martino di Genova, sospettato di connivenza con il gruppo eversivo. In questa telefonata, fatta mentre era in corso il sequestro di Aldo Moro, Senzani chiedeva notizie delle condizioni di salute di un brigatista in carcere, rimasto ferito durante un'azione condotta in quei giorni a Torino. L'episodio dimostra che a quel tempo Senzani era già in contatto diretto con la colonna genovese delle BR.

    Per quella telefonata, viene arrestato una prima volta nel marzo 1979, ma rilasciato dopo soli tre giorni. Appena liberato, entra in clandestinità e scala velocemente posizioni all'interno dell'organizzazione terrorista, fino a diventare uno dei terroristi di massimo potere, al fianco di Mario Moretti.
    Insieme, i due progettano e portano a compimento il sequestro di Giovanni D'Urso, direttore dell'ufficio terzo della direzione generale degli istituti di prevenzione e pena, che è anche una delle ultime azioni unitarie delle BR prima della frammentazione in più sigle. Dopo l'arresto nell'aprile 1981 di Moretti e di Enrico Fenzi, cognato dello stesso Senzani, è proprio il criminologo ad assumere la direzione unitaria dell'organizzazione. In tale ruolo, accentua la spinta movimentista e l'attenzione al mondo carcerario.
    Nel dicembre '81, con la fondazione del Partito della Guerriglia, attua la frattura con l'ala militarista delle BR. Come leader delle BR-PdG, Senzani persegue l'intesa con strati sempre più ampi di proletariato ai limiti e al di fuori della legalità, camorra compresa, come nel caso del sequestro dell'assessore democristiano campano Ciro Cirillo.


    Il capo della piu' sanguinaria organizzazione terroristica Italiana, pensate sia davvero Giusto?
    Pensate che un uomo del genere che ha "sfidato" lo stato con il braccio armato ( come fece Totò Riina) sia libero?
    È sempre la storia di Socrate, di Cristo e di Colombo! Ed il mondo rimane sempre preda delle miserabili nullità che lo sanno ingannare. Giuseppe Garibaldi

  2. #2
    Moderatore L'avatar di Ippogrifo
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Località
    Genova
    Messaggi
    5,304

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Eli113 Visualizza Messaggio
    (ANSA) - FIRENZE, 25 OTT - Torna libero per estinzione della pena, dopo 23 anni di carcere, il leader delle Br Giovanni Senzani. Con Mario Moretti guido' il gruppo terroristico dopo il sequestro Moro. Senzani e' stato scarcerato all'inizio dell'anno ma si e' appreso solo oggi. Godeva da tempo del regime di liberta' condizionale.'I giudici che mi hanno esaminato - dichiara - hanno constatato che sono cambiato. Ho riconosciuto i miei errori. La politica l'ho abbandonata da un pezzo, ma non le mie idee di sinistra'.




    Entra per la prima volta in una indagine riguardante le Brigate Rosse nel settembre del 1978, per una telefonata fatta ad un docente universitario, medico chirurgo presso l'ospedale San Martino di Genova, sospettato di connivenza con il gruppo eversivo. In questa telefonata, fatta mentre era in corso il sequestro di Aldo Moro, Senzani chiedeva notizie delle condizioni di salute di un brigatista in carcere, rimasto ferito durante un'azione condotta in quei giorni a Torino. L'episodio dimostra che a quel tempo Senzani era già in contatto diretto con la colonna genovese delle BR.

    Per quella telefonata, viene arrestato una prima volta nel marzo 1979, ma rilasciato dopo soli tre giorni. Appena liberato, entra in clandestinità e scala velocemente posizioni all'interno dell'organizzazione terrorista, fino a diventare uno dei terroristi di massimo potere, al fianco di Mario Moretti.
    Insieme, i due progettano e portano a compimento il sequestro di Giovanni D'Urso, direttore dell'ufficio terzo della direzione generale degli istituti di prevenzione e pena, che è anche una delle ultime azioni unitarie delle BR prima della frammentazione in più sigle. Dopo l'arresto nell'aprile 1981 di Moretti e di Enrico Fenzi, cognato dello stesso Senzani, è proprio il criminologo ad assumere la direzione unitaria dell'organizzazione. In tale ruolo, accentua la spinta movimentista e l'attenzione al mondo carcerario.
    Nel dicembre '81, con la fondazione del Partito della Guerriglia, attua la frattura con l'ala militarista delle BR. Come leader delle BR-PdG, Senzani persegue l'intesa con strati sempre più ampi di proletariato ai limiti e al di fuori della legalità, camorra compresa, come nel caso del sequestro dell'assessore democristiano campano Ciro Cirillo.


    Il capo della piu' sanguinaria organizzazione terroristica Italiana, pensate sia davvero Giusto?
    Pensate che un uomo del genere che ha "sfidato" lo stato con il braccio armato ( come fece Totò Riina) sia libero?

    Non è questione se sia giusto o meno.

    E' la legge!

    Gli sono stati riconosciuti i benefici come a qualunque altro detenuto,e dopo i termini legali,è uscito.
    Se intendi invece,che effetto faccia a livello personale,allora è un'altro discorso,e ti potrei dire cosa ne penso,ma non lo farò.
    Non per motivi particolari,ma perchè nel 1980 ero in servizio a Genova nell'Arma dei Carabinieri,e ho anche perso dei colleghi di corso ad opera di terroristi.
    Pertanto,le mie considerazioni sarebbero troppo di parte,e non mi sembra il caso.Ma capisco cosa intendi dire.
    Comunque ricorda che esistono sempre molte differenze tra i servitori dello Stato e i terroristi,una delle quali è il rispetto della legge.

    Pertanto,una volta arrestato gode dello stesso trattamento di qualunque altro imputato,compresi i benefici.

    Dura lex,sed lex! (Legge dura,ma è sempre legge)

    Ippogrifo

  3. #3
    Bannato
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Località
    Barcellona Pozzo di Gotto (ME)
    Messaggi
    26,718

    Predefinito

    Appunto.
    Dura Lex sed Lex.

  4. #4
    Maresciallo L'avatar di Raiden
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Messaggi
    640

    Predefinito

    Più che dura, una "lex" è errata, se consente di uscire a gente che l'ergastolo se l'è meritato eccome: ma sembra una tipica usanza della magistratura italiana, dare ergastoli e poi ridurli. E allora tanto vale non darli, forse.

    E avrei un altro appunto: le br non erano un partito, ma un gruppo eversivo, basato su idee politiche (estremiste e sovversive). Si basavano sulle idee, non sulla politica. Quindi, se ha detto "La politica l'ho abbandonata da un pezzo, ma non le mie idee di sinistra", cos'è cambiato?
    Volo, su campi di riso..volo, la morte è un sorriso...volo, su ogni sospiro...volo, son vecchio o bambino..

  5. #5
    luca113
    Guest

    Predefinito

    viviamo nella repubblica delle banane purtroppo....

  6. #6
    Maresciallo L'avatar di Raiden
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Messaggi
    640

    Predefinito

    No, direi piuttosto che viviamo in un Paese che ha molte risorse e potenzialità, ma che ha anche enormi difetti e mancanze anche a livello istituzionale.
    Volo, su campi di riso..volo, la morte è un sorriso...volo, su ogni sospiro...volo, son vecchio o bambino..

  7. #7
    Caporale L'avatar di Commissario
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    ITALIA
    Messaggi
    132

    Predefinito

    legge sbagliata se consente di uscire ad ergastolani incriminati per mafia o terrorismo... inoltre scommetto che fra un po' c'e' lo troveremo fra i piedi a fare conferenze sugli anni di piombo e cosi via...... i giudici hanno esaminato la sua posizione e come hanno detto si potevano benissimo dire di no, giudizio esclusivamente soggettivo come l'interpretazione della legge , in tanti casi a discrezione del magistrato..non voglio fare il perbenista dicendo come al solito e la magistratura fa il suo lavoro noi abbiamo fiducia, bla bla bla..... io non ho la minima fiducia perche' vedo come lavorano..maleee, mi dispiace ma sono un cittadino italiano(mi appello alla liberta' di parola) e come tutti gli altri cittadini italiani siamo veramente delusi, addolorati e annoiati di questa triste e drammatica situazione.. il potere e' in mano a poche persone, quelle stesse che dettano legge in tutti i campi, qui la legge funziona solo coi deboli con chi non ha nessuno dietro ne un nome rappresentativo, senzani per molti e' un simbolo, non ve lo verranno a dire ma sono sicuro che tantissimi ex comunisti e militanti di estrema sinistra nonche' gente che oggi sta nel ** avranno gioito alla notizia.. questa e' una vergogna perche' si parla di un terrorista ed e' una anomalia italiana, volevo vedere se negli USA, in un paese latino americano o in Russia per non parlare del medio-oriente avrebbero lasciato libero un personaggio come senzani...ma in Italia oltre la liberta' spesso gli si concede anche il premio, riportandoli alle luci della ribalta...inoltre anche ha detta di una donna magistrato di cui ho sentito un intervista poco tempo fa, lei stessa lamentava dei favoritismi nei confronti dei terroristi di sinistra E' QUESTO E' UN DATO DI FATTO, non lo dico per fare polemica politica, assolutamente, ma vorrei solo che pagassero tutti le pene a loro inflitte, senza sconti di pena . purtroppo il nostro sistema vanta delle pecche in quanto arretrato , se oggi questi terroristi possono usufruire di questo tipo di favoritismi, ovviamente dopo debita valutazione del giudice.......insomma, mi auguro che muoia da solo, prima del tempo perche' gente cosi non merita rispetto ne stima in alcuna maniera..ovviamente prima che faccia il lavaggio della testa ad altri giovani in un momento in cui la societa' e' particolarmente vulnerabile sul piano dell'eversione...
    Lo scopo della guerra non è morire per il proprio paese, bensì fare in modo che l'altro bastardo muoia per il suo(Generale Patton)

  8. #8
    Capitano L'avatar di Eli113
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Località
    SICILIA
    Messaggi
    2,288

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Ippogrifo Visualizza Messaggio
    Non è questione se sia giusto o meno.

    E' la legge!

    Gli sono stati riconosciuti i benefici come a qualunque altro detenuto,e dopo i termini legali,è uscito.
    Se intendi invece,che effetto faccia a livello personale,allora è un'altro discorso,e ti potrei dire cosa ne penso,ma non lo farò.
    Non per motivi particolari,ma perchè nel 1980 ero in servizio a Genova nell'Arma dei Carabinieri,e ho anche perso dei colleghi di corso ad opera di terroristi.
    Pertanto,le mie considerazioni sarebbero troppo di parte,e non mi sembra il caso.Ma capisco cosa intendi dire.
    Comunque ricorda che esistono sempre molte differenze tra i servitori dello Stato e i terroristi,una delle quali è il rispetto della legge.

    Pertanto,una volta arrestato gode dello stesso trattamento di qualunque altro imputato,compresi i benefici.

    Dura lex,sed lex! (Legge dura,ma è sempre legge)

    Ippogrifo
    Giusto, sono d'accordo con te, ma... (so che e' un'eresia ) un capo delle BR non e' paragonabile, moralmente, ad un capo di Cosa Nostra, Stidda, N'drangheta,Camorra... ecc ecc ecc ecc???
    Io rimango un po indignato... ma e' solo una mia stupida indignazione, pensa a chi ha perso mariti, padri, figli.... vabbe'.... che soddisfazione...
    È sempre la storia di Socrate, di Cristo e di Colombo! Ed il mondo rimane sempre preda delle miserabili nullità che lo sanno ingannare. Giuseppe Garibaldi

  9. #9
    Maresciallo L'avatar di Raiden
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Messaggi
    640

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Commissario Visualizza Messaggio
    legge sbagliata se consente di uscire ad ergastolani incriminati per mafia o terrorismo... inoltre scommetto che fra un po' c'e' lo troveremo fra i piedi a fare conferenze sugli anni di piombo e cosi via...
    Hai ragione. Temo anch'io che, come se non bastasse averlo rilasciato, ora si metterà a fare conferenze e sarà visto come uno che può insegnare qualcosa, e non come un criminale. Tra l'altro, mi sembra una pessima idea rilasciare un personaggio del genere in un momento in cui di estremisti potenzialmente pericolosi ce ne sono parecchi.

    Citazione Originariamente Scritto da Eli113 Visualizza Messaggio
    Giusto, sono d'accordo con te, ma... (so che e' un'eresia ) un capo delle BR non e' paragonabile, moralmente, ad un capo di Cosa Nostra, Stidda, N'drangheta,Camorra... ecc ecc ecc ecc???
    Io rimango un po indignato... ma e' solo una mia stupida indignazione, pensa a chi ha perso mariti, padri, figli.... vabbe'.... che soddisfazione...
    Perchè è un'eresia? Certo che sono paragonabili. Le br agivano in base a delle idee pseudopolitiche, la camorra agisce per la ricchezza e il potere. La sostanza però è la stessa: organizzazioni nemiche dello stato, della legge e della società. Nessun ideale politico può giustificare omicidi e stragi. Brigatisti e camorristi (mafiosi, ecc) sono i più pericolosi nemici del paese, e meriterebbero tutti di marcire in cella d'isolamento fino alla morte, non di essere rilasciati e magari rivalutati.
    Volo, su campi di riso..volo, la morte è un sorriso...volo, su ogni sospiro...volo, son vecchio o bambino..

  10. #10
    Caporale L'avatar di Commissario
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    ITALIA
    Messaggi
    132

    Predefinito

    Perchè è un'eresia? Certo che sono paragonabili. Le br agivano in base a delle idee pseudopolitiche, la camorra agisce per la ricchezza e il potere. La sostanza però è la stessa: organizzazioni nemiche dello stato, della legge e della società. Nessun ideale politico può giustificare omicidi e stragi. Brigatisti e camorristi (mafiosi, ecc) sono i più pericolosi nemici del paese, e meriterebbero tutti di marcire in cella d'isolamento fino alla morte, non di essere rilasciati e magari rivalutati.[/QUOTE]

    ESATTO !! noi chiariamo bene che stiamo dalla parte dello stato e non concediamo sconti a nessuno, se i favori li vuole concedere la magistratura lo faccia applicando leggi che potrebbero benissimo evitare di essere applicate con vari escamotage (sappiamo bene tutti che se lo stato vuole davvero , dalla cella non ti fa' piu' uscire,il caso di riina docet.. se i giudici dicono che un pericolosissimo terrorista e' da riabilitare non capiscono ** ***** , e le dimostrazioni e gli esempi fioccano, adesso mi sfugge il nome ma c'e' un altro terrorista che appena libero rimise a girare universita' con i colletivi a propagandare la violenza..vergognoso, anche per lui fu fatto lo stesso ragionamento....che ci volete fa' ragazzi, non sara' mai il figlio di un magistrato a morire o uno di loro nel contesto in cui viviamo, gli unici a rimetterci la pelle sono gli SBIRRI......ovviamente parlo del contesto attuale, perche' ai tempi ci furono magistrati veramente coraggiosi ! oggi devono fare figura, farsi vedere alla tele... vi cito invece un esempio di un magistrato veramente in gamba, Gratteri, lui sin dagli anni 90 indago sull'ndrangheta, non avendo a disposizione collaboratori di giustizia che rendessero un quadro chiaro su questa organizzazione punto le sue indagini su quello che era il lavoro sul campo(ovviamente svolto dalle forze dell'ordine) cioe' intercettazioni, pedinamenti....il lavoro investigativo per antonomasia, questo voleva dire che se si ci metteva di buona volonta' non c'era bisogno per ogni cosa di ricorrere a collaboratori di giustizia e di conseguenza essere succubi di un sistema che equivaleva per ogni collaborazione un automatico sconto di pena........ma bastaaaa dai ..diamo come al solito una vittoria morale ai terroristi e ai criminali..il generalissimo avrebbe da ridire, i suoi uomini con l'irruzione di via Fracchia dimostrarono che lo stato aveva verAmEnte scelto LA LINEA DURA contro il terrorismo, ed oggi questo essere immondo di senzani che lavora pure per una casa editrice con un ruolo dirigenziale e' a piede libero...


    biografia di senzani, fonte wikipedia:http://it.wikipedia.org/wiki/Giovanni_Senzani

    irruzione di via fracchia, fonte wikipedia:http://it.wikipedia.org/wiki/Irruzione_di_via_Fracchia
    Ultima modifica di Commissario; 26-10-10 alle 13: 10
    Lo scopo della guerra non è morire per il proprio paese, bensì fare in modo che l'altro bastardo muoia per il suo(Generale Patton)

Pagina 1 di 23 12311 ... UltimaUltima

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •