Pagina 2 di 6 PrimaPrima 1234 ... UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 53

Discussione: Carabiniere nei mitici anni 80

  1. #11
    ale66
    Guest

    Predefinito

    39 corso AS mi stai riportando indietro nei tempi , anche il mio contesto sociale era proprio come lo descrivi , tanto che molti ragazzi si arruolavano, con una semplice selezione, in un corpo ai tempi più snobbato da tutti , anche più dei CC , cioè la famigerata Guardia Carceraria , che ai tempi se ben ricordi era di una durezza impressionante ma essendo molti di questi pastori o agricoltori, e sin dalla tenera età abituati a imani sacrifici , quell'ambiente non poteva far altro che migliorare le loro condizioni socio economiche .
    Ultima modifica di ale66; 01-12-10 alle 14: 06

  2. #12

    Predefinito

    39° ci racconti come si svolgeva la cerimonia di consegna degli alamari? Dopo quanto ve li davano? Aneddoti? (tipo qualche infilzato in baionetta durante la cerimonia causa svenimento, assenti, contumaci :-D e motivazioni?)

    Anzitutto tu quanti anni avevi? Ti hanno mandato i tuoi a Scuola a calcioni (i miei avrebbero una mezza idea col rampollo di casa) o ci sei entrato tua sponte? E perché visto che asserisci più volte che questa professione era alquanto bisfrattata e non utile nemmeno all''"acchiappo"?

    Prima assegnazione? Siccome in giro per il Forum qualcuno ti ha dato dell'impiegato comunale in soldoni, sarebbe carino se il tuo outing ci chiarisse una volta per tutte che non è così...

    Ho forzato un po' la mano.. naturalmente non rispondere a quello su cui ritieni di non doverti soffermare.
    FA CHE IO POSSA ASSOLVERE CON SPIRITO DI FRATELLANZA E CARITA' IL COMPITO DI DIFENDERE CHI SI AFFIDA A ME

  3. #13
    39°corsoAS
    Guest

    Predefinito

    ........................
    Ultima modifica di 39°corsoAS; 28-06-11 alle 09: 55

  4. #14

    Predefinito

    grazie, molte gentile 39°, sempre puntuale e preciso...

    al Nord funziona in molti modi diversi, ci sono famiglie storiche che destinano ancora il figlio cadetto all'Arma dei Carabinieri, ufficiali o Ruolo Ispettori. Ci sono famiglie in cui i padri mai e poi mai darebbero la figlia in sposa ad un carabiniere o a un poliziotto o a un militare in genere perchè è considerata una professione non certo brillanti (ho sentito alcuni addirittura definirla non dignitosa e da costoro mi dissocio totalmente). Poi dipende da regione a regione: io ho vissuto un po' qua e un po' là e ho notato certe disparità di trattamento degli Appartenenti ma non posso dire di avere riscontrato molta vicinanza onestamente. Credo continui ad essere un problema di status sociale.. un avvocato, un medico, un ingegnere, anche se appena "fatti" e totalmente incapaci ricoprono, nella vasta catena alimentare, ancora ruoli di spicco nelle nostre belle città infarcite di luoghi comuni e belle statue di marmo :-) uno sbirro beh.. è e rimane appunto uno sbirro...... ah.. e apriti Cielo se una donna (io) si sogna per un solo istante di desiderare di indossare la divisa... ti dicono che sei da ricovero....
    beninteso mica dappertutto ovviamente...

    Grazie ancora.. racconta racconta... lo sooooo che ne hai da raccontare... forza dobbiamo fare concorrenza a FRANCODUE
    FA CHE IO POSSA ASSOLVERE CON SPIRITO DI FRATELLANZA E CARITA' IL COMPITO DI DIFENDERE CHI SI AFFIDA A ME

  5. #15
    Tenente
    Data Registrazione
    Aug 2010
    Località
    Puglia,Italia
    Messaggi
    397

    Predefinito

    tutto vero..preferirei di gran lunga aver vissuto in quei anni..siì che a suo tempo uscivano Uomini con la U maiuscola.
    Scusate l'OT
    ‎Vince solo chi è convinto di poterlo fare [Virgilio]

  6. #16

    Predefinito

    mi piacerebbe sapere, 39° o altri della vecchia guardia, com'è l'impatto della prima destinazione... dove vi hanno mandato, come sono stati i rapporti con i colleghi, sensazioni, aneddoti e tutto quello che vi viene in mente, se vi viene in mente e avete voglia di condividerlo :-D
    FA CHE IO POSSA ASSOLVERE CON SPIRITO DI FRATELLANZA E CARITA' IL COMPITO DI DIFENDERE CHI SI AFFIDA A ME

  7. #17
    39°corsoAS
    Guest

    Predefinito

    ..............................
    Ultima modifica di 39°corsoAS; 28-06-11 alle 09: 55

  8. #18
    Moderatore L'avatar di Ippogrifo
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Località
    Genova
    Messaggi
    5,384

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da lavinia Visualizza Messaggio
    mi piacerebbe sapere, 39° o altri della vecchia guardia, com'è l'impatto della prima destinazione... dove vi hanno mandato, come sono stati i rapporti con i colleghi, sensazioni, aneddoti e tutto quello che vi viene in mente, se vi viene in mente e avete voglia di condividerlo :-D
    Casema Piave, Fossano (CN)Settembre 1979,dopo un paio di notti alla Caserma Cernaia di Torino (passate in bianco in quanto qualche terrorista buontempone aveva sparato nottetempo dalla strada verso i finestroni delle nostre camerate,rovinandoci il sonno)iniziamo l'addestramento.
    Gli umori si dividevano in due categorie principali:
    I preoccupati (earavamo in pieno terrorismo e quasi quotidianamente arrivavano notizie di vittime,specialmente Carabinieri),e gli Inca**ati ovvero quelli che ci credevano e per nulla al mondo si sarebbero tirati indietro.
    Questi ultimi la quasi totalità.
    Pochissimi di noi avevano espresso il desiderio di avere come destinazione Genova,e ci era già stato detto che probabilmente saremmo stati accontentati,visto che in quella città le "Perdite"del'Arma cominciavano a essere significative.Infatti quasi alla fine del periodo d'addestramento era giunta la notizia che a Sampierdarena il 21 Novembre erano stati uccisi a freddo due Carabinieri mentre erano al banco di un Bar a prendere un caffè.
    Questo fatto ci rese ancora più determinati nelle nostre scelte.
    Potrà sembrare strano,ma nulla di quello che sarebbe potuto succedere mi avrebbe fatto tirare indietro da una decisione che avevo preso poco tempo prima.
    Tutto nacque da un episodio accaduto il 21 Giugno 1978 ,sempre a Genova quartiere Sturla.
    Su un autobus della linea 15 venne assassinato il Commissario Antonio Esposito ad opera di tre terroristi,con 12 colpi di pistola,nonostante l'autobus fosse pieno di persone vista l'ora della mattina,e i terroristi fuggirono indisturbati.
    Nell'autobus immediatamente dietro,c'ero io .
    Mi stavo recando a dare gli esami presso un Liceo a Sturla.
    La visione di quell'uomo crivellato di colpi,mi scatenò una furia interiore che si trasformò quasi subito in una fredda determinazione a far finire tutto quello stato di cose,costasse quello che costasse.
    La mattinata stessa mi recai presso la Caserma dei Carabinieri della mia città,facendo domanda come volontario nell'Arma.
    Ma torniamo a Fossano.
    Ultima alba dell'addestramento,In divisa davanti ai bauli ammucchiati,nella bruma del mattino aspettavamo l'autobus blu che ci avrebbe condotti alla nostra destinazione.Faceva un freddo cane,ma non lo sentivamo.Attesa interminabile (Dalle 08.00 alle 17.00,senza mangiare nè bere,ovviamente),poi finalmente arriva il mezzo.
    Arriviamo a Genova,destinazione Comando Legione Carabinieri,che al tempo era un palazzone in Corso Europa.Prendiamo posto nella camerata,e decidiamo di fare quattro passi.
    Un Capitano ci avvicina e ci dice"Sappiate che vista l'estrema pericolosità del momento,siete esentati dall'obbligo di uscire in divisa,pertanto chi vorrà potrà cambiarsi".Immediata risposta di tutti "No grazie,ci siamo arruolati perchè crediamo nelle istituzioni,e non ci sembra il caso di rinunciare alla divisa,solo perchè quattro cenciosi terroristi fanno i vigliacchi sparando alle spalle della gente!"
    Un sorriso si allargò sul viso del Capitano,che ci disse"Va bene,ma prima vi faccio andare all'Armeria del Battaglione Mobile a ritirare pistola e carabina,e...mi raccomando,state attenti!".Il clima in quei giorni era irreale.
    Ma peggiorò ancora.
    Il 25 Gennaio dell'80,venne assassinato in un attentato il Colonnello Tuttobene,assieme all'autista,l'Appuntato Casu (che avevo conosciuto personalmente pochi giorni prima durante una delle tante visite del Generale Dalla Chiesa a Genova),e ferito al volto anche il Colonnello Ramundo ,sopravvissuto grazie alla prontezza di riflessi che lo fece abbassare sui sedili posteriori,mentre arrivavano le raffiche di mitra nell'auto.
    La notizia generò un'agitazione generale,e tutto il personale disponibile,fu schierato in posti di blocco per tentare di intercettare i terroristi.Ma rischiavamo il caos,e la reazione fu anche confusa (Un'auto della Polizia si scontrò violentemente contro un'autobus di linea,ferendo alcuni passeggeri,e sembrò aumentare il malumore della popolazione verso le forze dell'ordine).Tutti avvertivamo che la situazione era critica,e avevamo paura che i cittadini iniziassero a parteggiare per i terroristi,visto che anche i controlli ai posti di blocco a volte erano piuttosto sbrigativi,e molti cittadini sembravano non poterne più.Tra l'altro nei bar si sentiva qualche discorso del tipo"...Forse se gli hanno sparato ,se l'è meritata..." che non ci faceva presagire nulla di buono.
    Iniziammo a muoverci solo a gruppetti,e quando salivamo sugli autobus,occupavamo esclusivamente i posti in fondo(per avere la visuale su tutti quelli che salgono e scendono),e tenevamo la pistola in tasca con il colpo in canna sempre impugnata(vietatissimo dal regolamento,ma lo facevano in molti),finchè non si scendeva.
    Di pattuglia specie di notte,quando capitava che si avvicinasse qualcuno all'auto per chiedere un'informazione,rispondevamo con sorrisi e cortesia,tenendogli però puntato l'M12 contro,fuori dalla sua vista attraverso la portiera!
    L'ultima raccomandazione che ci fece il Tenente a Fossano fu "I vostri colleghi sono morti,perchè si sono fatti cogliere impreparati. Voi non fatevi fottere!"
    Poi accadde all'improvviso,come un fulmine a ciel sereno!
    28 Marzo 1980,quartiere di Oregina...VIA FRACCHIA 12.
    Un gruppo di Carabinieri fa irruzione nel covo principale delle BR di Genova,e dopo un conflitto a fuoco che ferirà gravemente alla testa,il Maresciallo che entrò per primo (uno degli agenti che parteciparono all'azione,mi raccontò che passando accanto al Sottufficiale appena caduto,vide il foro del proiettile grande tanto da poterci far entrare un dito senza sporcarlo!), porterà all'uccisione di tutti i terroristi presenti.
    Le prime voci che girarono incontrollabili, parlavano di un'esecuzione a freddo dei terroristi,da parte dei Militari,e i nostri Comandanti ci misero in massima allerta in quanto si temevano violente rimostranze da parte della popolazione civile.
    Quel giorno,all'uscita dalla caserma,non sapevamo davvero cosa attenderci.
    La prima persona che ci fece capire che aria tirava fu un'arzilla vecchietta,che ci si parò davanti e ci chiese con aria decisa"Carabinieri?"
    Ci guardammo tra noi un attimo,visto che eravamo in divisa e azzardammo "Si signora,cosa possiamo fare?"
    Lei ci disse senza tanti fronzoli"Avete fatto proprio bene ad ammazzarli,quegli ********! Bravi!".Ci guardammo attorno un pò stupiti ,e solo allora vedemmo i sorrisi e gli sguardi di approvazione dei passanti.Qualcuno che ci passava più vicino ci sussurrava"Avete fatto bene,così si fa!".
    La sera,in borghese sentivamo la gente nei bar che diceva "Finalmente,era l'ora che cominciassero a fare qualcosa come si deve!" e via così.
    In quel momento ci rendemmo conto di una cosa.Ci sarebbe voluto ancora del tempo,ma la battaglia contro i terroristi ERA VINTA!
    Prima con l'omocidio di Guido Rossa avevano perso il consenso degli operai,e ora avevano perso quello della restante popolazione.Non potevano far altro che continuare a nascondersi,perchè il sogno di rovesciare lo Stato era fallito,e prima o poi li avremmo presi.

    Tutti!

    Ippogrifo
    ESSE QUAM VIDERI (Essere,piuttosto che sembrare - Cic.)



    Sei appena arrivato? Presentati QUI.
    Qui puoi trovare il Regolamento Militari Forum.

  9. #19
    Caporale L'avatar di CFVA
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    139

    Predefinito

    bellissima testimonianza

  10. #20
    Sparkly Speirs01
    Guest

    Predefinito

    Ippo senza nulla togliere ai bei racconti di 39° corso AS devo dire che il tuo mi ha commosso, ho visto nelle tue parole la determinazione di giovani decisi, di giovani che credono in qualcosa, che hanno un motivo di vanto nella divisa che portano

Pagina 2 di 6 PrimaPrima 1234 ... UltimaUltima

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •