Pagina 3 di 34 PrimaPrima 1234513 ... UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 337

Discussione: Racconti del primo lancio (brevetto o abilitazione militare)

  1. #21
    Utenti Storici L'avatar di Surefire
    Data Registrazione
    Apr 2008
    Località
    Somewhere
    Messaggi
    1,718

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da PARA' TIRATORE91 Visualizza Messaggio
    un'altra cosa cm si fa a riportare al punto di scarico 20 kg di paracadte se si ha anke lo zaino?
    l'ho sempre detto che il paracadutista alla fine non è quello che si lancia,ma quello che fa più botta a terra

    Agganci il MIRPS alle 2 maniglie della borsa (1 gancio su 1 maniglia e l'altro sull'altra), ti metti lo zaino in spalla mantenendo lunghi al max gli spallacci e ti schiaffi su il paracadute tenendo il mirps davanti e infilando la testa tra t10 e mirps. In pratica il borsone del paracadute poggia sopra lo zaino (per quello che lo devi tenere basso). Il contenitore per l'arma e lacci vari li infili come ti capita... io in genere li mettevo dentro lo zaino. Poi ovviamente c'è l'arma, e in teoria andrebbe fatto a sbalzi....
    Meine Ehre Heisst Treue (Il mio Onore si chiama Fedeltà)
    Tra Motociclisti Salutarsi è... Salutare!!
    Si Vis Pacem Para Bellum
    “The difference,” I answered carefully, “lies in the field of civic virtue.
    A soldier accepts personal responsibility for the safety of the body politic of which he is a member,
    defending it,
    if need be, with his life. The civilian does not.” [Robert Heinlein, Starship Troopers]

  2. #22
    Sparkly Speirs01
    Guest

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Surefire Visualizza Messaggio
    l'ho sempre detto che il paracadutista alla fine non è quello che si lancia,ma quello che fa più botta a terra

    Agganci il MIRPS alle 2 maniglie della borsa (1 gancio su 1 maniglia e l'altro sull'altra), ti metti lo zaino in spalla mantenendo lunghi al max gli spallacci e ti schiaffi su il paracadute tenendo il mirps davanti e infilando la testa tra t10 e mirps. In pratica il borsone del paracadute poggia sopra lo zaino (per quello che lo devi tenere basso). Il contenitore per l'arma e lacci vari li infili come ti capita... io in genere li mettevo dentro lo zaino. Poi ovviamente c'è l'arma, e in teoria andrebbe fatto a sbalzi....
    guarda ke anke io ho usato la valigia di trasporto cn il sistema ke dici tu ma dato ke nei lanci mil. si ha anke lo zaino mi kiedevo come si faceva a portare il tutto, io a Latina mi sarò fatto 6km cn la borsa del paracadute in groppa

  3. #23
    Caporale L'avatar di SoldatoFrenk
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Località
    MaremmaToscana
    Messaggi
    86

    Predefinito

    Bei racconti.

    Mi domando come si dovevano sentire alla fine degli anni '30, prima della nascita della Folgore, i nostri primi pionieri paracadutisti... i "Fanti dell'aria" libici (composti da libici addestrati da ufficiali italiani, fra cui mio nonno).
    Si lanciavano in condizioni assurde... tant'è che nei primi lanci ne morirono diversi, e molti altri si ferirono... poi col tempo furono cambiati i paracadute e le tecniche si evolsero.

  4. #24

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da SoldatoFrenk Visualizza Messaggio
    Bei racconti.

    Mi domando come si dovevano sentire alla fine degli anni '30, prima della nascita della Folgore, i nostri primi pionieri paracadutisti... i "Fanti dell'aria" libici (composti da libici addestrati da ufficiali italiani, fra cui mio nonno).
    Si lanciavano in condizioni assurde... tant'è che nei primi lanci ne morirono diversi, e molti altri si ferirono... poi col tempo furono cambiati i paracadute e le tecniche si evolsero.
    Gia li lanciavano senza paracadute d'emergenza.......l'atterragio veniva effettuato a 4 zampre e questo comportava spesso la rottura e incassamento die vari arti sia superiori sia interiori.
    SIAMO IL PASSO ROMANO E LO STESSO SALUTO SIAMO L'INNO ALLA VITA ECCO CIO' CHE è DOVUTO E TU CHE NIENTE PUOI FARE RESTA PURE NASCOSTO A SPIARE LE GESTA DI CHI VIVE DAVVERO

  5. #25
    Caporale L'avatar di War
    Data Registrazione
    Apr 2008
    Messaggi
    180

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da 270bis Visualizza Messaggio
    Gia li lanciavano senza paracadute d'emergenza.......l'atterragio veniva effettuato a 4 zampre e questo comportava spesso la rottura e incassamento die vari arti sia superiori sia interiori.
    ... e da lì nacque la tradizione di far pompare i parà!

  6. #26
    Sparkly Speirs01
    Guest

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da SoldatoFrenk Visualizza Messaggio
    Bei racconti.

    Mi domando come si dovevano sentire alla fine degli anni '30, prima della nascita della Folgore, i nostri primi pionieri paracadutisti... i "Fanti dell'aria" libici (composti da libici addestrati da ufficiali italiani, fra cui mio nonno).
    Si lanciavano in condizioni assurde... tant'è che nei primi lanci ne morirono diversi, e molti altri si ferirono... poi col tempo furono cambiati i paracadute e le tecniche si evolsero.
    il fatto ke ci fossero tanti incidenti era dvuto soprattutto al fatto ke il paracadute usato (salvator 38) era ottimo per i lanci di emergenza dei piloti ma troppo "delicato" per un uso intensivo come quello dei lanci di massa, erano frequenti le rotture di funicelle o malfunzionamenti quali attorcigliamenti della calotta dato ke questa veniva sparata fuori da una molla azionata dalla fune di vincolo e nn estratta direttamente da quest'ultima; il difetto venne riportato nel salvator 40 utilizzato nei primi tempi a tarquinia, ma quando causò la morte di diversi allievi i lanci vennero femati finkè nn venne sviluppato l'IF SP 40 (imbracatura fanteria scuola paracadutismo 1940) ke aveva un'imbracatura + convenzionale delle passate (quindi simile a quelle odierne) e la calotta estratta dalla fune di vincolo

    ps. complimenti per tuo nonno. dopo i fanti dell'aria è andato nella folgore?

  7. #27
    Caporale L'avatar di SoldatoFrenk
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Località
    MaremmaToscana
    Messaggi
    86

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da PARA' TIRATORE91 Visualizza Messaggio
    il fatto ke ci fossero tanti incidenti era dvuto soprattutto al fatto ke il paracadute usato (salvator 38) era ottimo per i lanci di emergenza dei piloti ma troppo "delicato" per un uso intensivo come quello dei lanci di massa, erano frequenti le rotture di funicelle o malfunzionamenti quali attorcigliamenti della calotta dato ke questa veniva sparata fuori da una molla azionata dalla fune di vincolo e nn estratta direttamente da quest'ultima; il difetto venne riportato nel salvator 40 utilizzato nei primi tempi a tarquinia, ma quando causò la morte di diversi allievi i lanci vennero femati finkè nn venne sviluppato l'IF SP 40 (imbracatura fanteria scuola paracadutismo 1940) ke aveva un'imbracatura + convenzionale delle passate (quindi simile a quelle odierne) e la calotta estratta dalla fune di vincolo

    ps. complimenti per tuo nonno. dopo i fanti dell'aria è andato nella folgore?
    Ti ringrazio per i complimenti.
    No, è morto nel Gennaio del '41 a Derna. Era primo capitano e sarebbe passato di lì a poco maggiore. Era stato decorato di tre medaglie d'argento al V.M e una croce di guerra. Per l'azione svolta a Derna gli è stata assegnata la medaglia d'oro al V.M.

  8. #28
    Sparkly Speirs01
    Guest

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da SoldatoFrenk Visualizza Messaggio
    Ti ringrazio per i complimenti.
    No, è morto nel Gennaio del '41 a Derna. Era primo capitano e sarebbe passato di lì a poco maggiore. Era stato decorato di tre medaglie d'argento al V.M e una croce di guerra. Per l'azione svolta a Derna gli è stata assegnata la medaglia d'oro al V.M.
    ancora complimenti allora per questo pioniere del paracadutismo militare italiano

  9. #29
    piso84
    Guest

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da SoldatoFrenk Visualizza Messaggio
    Ti ringrazio per i complimenti.
    No, è morto nel Gennaio del '41 a Derna. Era primo capitano e sarebbe passato di lì a poco maggiore. Era stato decorato di tre medaglie d'argento al V.M e una croce di guerra. Per l'azione svolta a Derna gli è stata assegnata la medaglia d'oro al V.M.
    scusa la curiosità...ma è morto in un lancio o in combattimento?

  10. #30
    Sparkly Speirs01
    Guest

    Predefinito

    lo escludo dato che i parà italiani (quelli libici che non fecero mai lanci di guerra) non effettuarono che 2 lanci di guerra: a Cefalonia nel 1941 dove occuparono l'isola senza colpo ferire e l'operazione Herring nel 1945 nelle retrovie tedesche nel ferrarese durante la guerra di liberazione

Pagina 3 di 34 PrimaPrima 1234513 ... UltimaUltima

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •