Pagina 313 di 2271 PrimaPrima ... 2132633033113123133143153233634138131313 ... UltimaUltima
Risultati da 3,121 a 3,130 di 22704

Discussione: LEGIONE STRANIERA - Informazioni e discussione generale

  1. #3121
    Colonnello L'avatar di bacioch
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Lobbi(AL)
    Messaggi
    11,238

    Predefinito

    Esatto....ti danno subito una ginnica....
    viaggia leggero....in ogni modo hai ancora tempo da scorrere il topic e farti tu la tua idea.....

    e ti confesso che...tanto non ci sente nessuno....tanti ma tanti anni fa....
    ho passato la notte come ipnotizzato davanti all ufficio di reclutamento di Metz...e poi...all'alba....mi è mancato il coraggio....
    ti auguro di essere piu'forte........

  2. #3122
    Caporale L'avatar di ServusLegio
    Data Registrazione
    Aug 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    145

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da bacioch Visualizza Messaggio
    Esatto....ti danno subito una ginnica....
    viaggia leggero....in ogni modo hai ancora tempo da scorrere il topic e farti tu la tua idea.....

    e ti confesso che...tanto non ci sente nessuno....tanti ma tanti anni fa....
    ho passato la notte come ipnotizzato davanti all ufficio di reclutamento di Metz...e poi...all'alba....mi è mancato il coraggio....
    ti auguro di essere piu'forte........
    Apprezzo la tua sincerità. Ci vuole fegato per maturare una decisione del genere... e sicuramente avevi i tuoi motivi per non provarci..
    Io sto cercando di mettere insieme gli spunti giusti per evadere da una vita monotona per fare parte della Legione, ma di grane ne ho anche io forse anche piu di te

  3. #3123
    Moderatore L'avatar di Orange
    Data Registrazione
    May 2009
    Località
    Francia - Orange
    Messaggi
    6,586

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da bacioch Visualizza Messaggio
    Esatto....ti danno subito una ginnica....
    viaggia leggero....in ogni modo hai ancora tempo da scorrere il topic e farti tu la tua idea.....

    e ti confesso che...tanto non ci sente nessuno....tanti ma tanti anni fa....
    ho passato la notte come ipnotizzato davanti all ufficio di reclutamento di Metz...e poi...all'alba....mi è mancato il coraggio....
    ti auguro di essere piu'forte........
    Allora faccio una confessione pure io.
    Nel 1979, sono andato a Londra ed avevo deciso di fare il viaggio di andata in treno. Arrivati a Calais, aspettando di imbarcare sul traghetto per Dover ho visto per la prima volta un manifesto di arruolamento per la Legione.
    Sono stato veramente a due dita dall'arruolarmi. Quello che mi ha fermato di netto é che mi sono reso conto che se avessi fatto una cosa del genere avrei semplicemente ucciso mia mamma. Sinceramente non ho potuto né voluto, né saputo prendere una decisione cosi' estrema e radicale. Ma é stato solo un riportare a più tardi il destino.
    Mia mamma comunque non ha mai saputo che ero in Legione.
    Le avevo detto che ero in Francia e che lavoravo in un posto statale e che non avevo problemi di nessun genere.
    Mia mamma é quella che donna che mi ha detto che non voleva che lavorassi come personale imbarcato in Alitalia, perché non avrebbe potuto più dormire la notte, sapendo che il suo bambino era a 10 km di altezza e quindi era in pericolo. Come avrei potuto dirle che siccome in Alitalia su fà una vita pericolosa, avevo scelto qualche cosa di più calmo, sicuro e tranquillo, ed ero diventato un legionario ??

  4. #3124

    Predefinito

    orange.. io ho lo stesso problema che tu avevi 30 anni fà.. però la tua fortuna è che nn c'erano ancora i cellulari.. e ancora ancora potevi cavartela.. io che cacchio gli dico a quella poveraccia?!
    La paura non altro che una cresciuta percezione delle cose

    Il dolore serve a farci capire che siamo ancora vivi

  5. #3125

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Orange Visualizza Messaggio
    Allora faccio una confessione pure io.
    Nel 1979, sono andato a Londra ed avevo deciso di fare il viaggio di andata in treno. Arrivati a Calais, aspettando di imbarcare sul traghetto per Dover ho visto per la prima volta un manifesto di arruolamento per la Legione.
    Sono stato veramente a due dita dall'arruolarmi. Quello che mi ha fermato di netto é che mi sono reso conto che se avessi fatto una cosa del genere avrei semplicemente ucciso mia mamma. Sinceramente non ho potuto né voluto, né saputo prendere una decisione cosi' estrema e radicale. Ma é stato solo un riportare a più tardi il destino.
    Mia mamma comunque non ha mai saputo che ero in Legione.
    Le avevo detto che ero in Francia e che lavoravo in un posto statale e che non avevo problemi di nessun genere.
    Mia mamma é quella che donna che mi ha detto che non voleva che lavorassi come personale imbarcato in Alitalia, perché non avrebbe potuto più dormire la notte, sapendo che il suo bambino era a 10 km di altezza e quindi era in pericolo. Come avrei potuto dirle che siccome in Alitalia su fà una vita pericolosa, avevo scelto qualche cosa di più calmo, sicuro e tranquillo, ed ero diventato un legionario ??
    siamo tutti sulla stessa barca... anke a mia madre verrà un infarto quando partirò a marzo appena mi congedo dall' EI

  6. #3126

    Predefinito

    io alla mia ho già detto di prepararsi, visto che a gennaio parto, ma lei è convinta che non mi prenderanno

  7. #3127

    Predefinito

    cioè..sinceramente a mia madre gliel'ho dtt in forma ufficiale un paio d settimane fà..e cm gliel'ho dtt m stava per morire davanti e gli ho dovuto dire ke stavo skerzando -.-'.. mia sorella: nn gliene può fregar d meno.. (però è uscita un attimo pensierosa quando ha visto il documentario che gira su discoverychannel) e mio padre tt i giorni cerca di farmi cambiare idea.. o perlomeno cerca d capire se sn convinto veramente.. ai miei parenti: nonna nonno zii.. gli scenderà un coccolone
    La paura non altro che una cresciuta percezione delle cose

    Il dolore serve a farci capire che siamo ancora vivi

  8. #3128

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Orange Visualizza Messaggio
    Allora faccio una confessione pure io.
    Nel 1979, sono andato a Londra ed avevo deciso di fare il viaggio di andata in treno. Arrivati a Calais, aspettando di imbarcare sul traghetto per Dover ho visto per la prima volta un manifesto di arruolamento per la Legione.
    Sono stato veramente a due dita dall'arruolarmi. Quello che mi ha fermato di netto é che mi sono reso conto che se avessi fatto una cosa del genere avrei semplicemente ucciso mia mamma. Sinceramente non ho potuto né voluto, né saputo prendere una decisione cosi' estrema e radicale. Ma é stato solo un riportare a più tardi il destino.
    Mia mamma comunque non ha mai saputo che ero in Legione.
    Le avevo detto che ero in Francia e che lavoravo in un posto statale e che non avevo problemi di nessun genere.
    Mia mamma é quella che donna che mi ha detto che non voleva che lavorassi come personale imbarcato in Alitalia, perché non avrebbe potuto più dormire la notte, sapendo che il suo bambino era a 10 km di altezza e quindi era in pericolo. Come avrei potuto dirle che siccome in Alitalia su fà una vita pericolosa, avevo scelto qualche cosa di più calmo, sicuro e tranquillo, ed ero diventato un legionario ??
    Visto che parli di lei al passato mi chiedevo (sperando non sia per te domanda troppo indelicata): sei potuto rientrare in Italia per il cosiddetto ultimo saluto, quando (per dirla alla Ernst Hemingway) la campana suonò per lei?
    Il Sonno Della Ragione Genera Mostri.

  9. #3129
    Moderatore L'avatar di Orange
    Data Registrazione
    May 2009
    Località
    Francia - Orange
    Messaggi
    6,586

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da TorciaUmana Visualizza Messaggio
    Visto che parli di lei al passato mi chiedevo (sperando non sia per te domanda troppo indelicata): sei potuto rientrare in Italia per il cosiddetto ultimo saluto, quando (per dirla alla Ernst Hemingway) la campana suonò per lei?
    Vi do' un altro pezzettino della mia vita, che farà parte del famoso libro che voglio scrivere.

    La mia Legione, é anche il momento della morte di mia mamma.
    Il 5 dicembre, la mattina presto, il marechal de logis chef Chigine mi ha fatto chiamare nel suo ufficio. Era il capo della polizia militare ed era veramente temuto da tutti ed odiato da molti. Io lo conoscevo da ancora prima di arruolarmi in Legione, per cui per me era solo un amico sincero, e sono andato senza il minimo problema a sentire cosa volesse.
    Appena arrivato, l’ho trovato con la faccia tirata e dopo avermi salutato mi ha detto che doveva dirmi qualche cosa riguardo mia mamma. Alla mia risposta “E’ morta !”, ha solo annuito.
    Ero come stordito, e tornando allo squadrone, pensavo a cosa avrei potuto fare.
    Niente. Assolutamente niente.
    Ero sotto anonimato, con un’identità non mia e quindi era semplicemente impossibile ed impensabile, poter rientrare in Italia anche solo per un giorno.
    Non si scherza con l’anonimato. La Legione ti cambia di identità, se serve, ma poi non si puo’ più abbandonare il territorio francese in nessun caso, a parte che per andare in missione od in operazione, utilizzando dei documenti con la tua identità « nuova ». Le regole sono fatte rispettare in maniera scrupolosa, e vengono applicate delle sanzioni che vanno fino al congedo immediato del legionario che ha rotto il suo anonimato.
    Oltretutto avrei dovuto chiedere almeno tre giorni di licenza, ma per farlo avrei dovuto dare un buon motivo del perché alle otto di mattina chiedevo tre giorni di licenza a partire da subito !!
    Arrivato allo squadrone, mentre salivo le scale per andare un po’ in camera a cercare di realizzare quello che stava succedendo, ho incrociato il marechal de logis Paul, che era uno dei sottufficiali del mio plotone. Mi ha visto in faccia e mi ha chiesto se andava bene e cosa volesse la polizia militare da me.
    Gli ho risposto solo che mia mamma era morta.
    Ero in camera mia da qualche minuto. Avevo trovato il legionario di prima classe Fouillit Nicolas, un ragazzo veramente in gamba, specialista in trasmissioni come me, che non sapeva cosa dirmi a parte che gli dispiaceva e che potevo in ogni caso contare su di lui.
    La porta si apri’ ed il marechal de logis Paul, mi disse che il capitano comandante lo squadrone voleva vedermi.
    Sono andato nell’ufficio del capitano Bordier François. Mi ha detto che sapeva bene che ero sotto anonimato, ma che lui aveva totalmente fiducia in me e non voleva impedirmi di andare a trovare un’ultima volta mia mamma. Davanti a me, ha telefonato agli uffici della sicurezza militare a Aubagne, la nostra « Gestapo », e gli hanno risposto che ero sotto anonimato ed era fuori ogni discussione che rientrassi in Italia. Davanti alle affermazioni del mio capitano che provava a trovare una scappatoia, la gestapo ha risposto che non era possibile e che anche lui avrebbe giocato la sua carriera di ufficiale appoggiando in qualsiasi modo il mio rientro in Italia.
    Dopo aver chiuso il telefono con Aubagne, il capitano mi ha detto che non mi avrebbe lasciato perdere, ed ha chiamato, sempre davanti a me, l’ufficiale della sicurezza militare interna al nostro reggimento. Dopo avergli esposto il mio caso e quello che era successo un minuto prima con il centro di Aubagne, gli ha detto che aveva completamente fiducia in me, che ero un buon legionario e che meritavo l’aiuto della Legione, ed in ogni caso lui aveva deciso che mi avrebbe aiutato punto e fine. Il nostro ufficiale della sicurezza gli ha detto che ufficialmente non poteva dare nessun accordo, ma che era d’accordo di non dire niente a nessuno dal momento che lui, il capitano Bordier, prendeva la responsabilità intera di tutta questa storia, ricordandogli che se ci fossero stati dei problemi, la sua carriera………….
    Chiuso il telefono, il mio capitano mi ha dunque detto che mi avrebbe dato una settimana di licenza straordinaria. Mi avrebbe messo in licenza a Menton, in modo da coprirmi ufficialmente fino all’ultima cittadina francese prima de confine. Mi ha poi ben precisato di non fare stupidaggini, del genere di rientrare dalla licenza in ritardo, o di non rientrare proprio. Dopo una settimana, avrei dovuto essere li’ in caserma all’ appello delle 06h10 !
    Se avessi avuto bisogno di più tempo per gestire tutti i problemi legati alla morte di un parente stretto, avrei dovuto rientrare in ogni caso in caserma,e dopo lui mi avrebbe dato di nuovo tutto il tempo in più che mi sarebbe servito. Nel caso contrario, la sua carriera sarebbe semplicemente finita, per cui sarebbe venuto a prendermi a Venezia e mi avrebbe riportato indietro per le palle.
    Stabilito i termini del contratto fra noi due, mi ha detto di andare a cambiarmi e di ripassare dopo mezz’ora nel suo ufficio, per ritirare la licenza che sarebbe stata sicuramente già pronta.
    Trenta minuti più tardi, ero di nuovo nell’ufficio. Il capitano Bordier mi ha dato la licenza ed una busta listata a lutto. Una volta aperta, a parte un cartoncino di condoglianze a nome del capitano e di tutto lo squadrone, ufficiali, sottufficiali, brigadiers-chefs, trombettieri e legionari del 5° squadrone del 1° Reggimento Straniero di Cavalleria, c’erano anche 10.000 franchi. All’epoca, un legionario guadagnava 1.500 franchi al mese, al che dissi al capitano che non potevo accettare una tale somma. Non ne avevo bisogno ed in ogni caso, rappresentava 7 mesi di stipendio. Come avrei fatto per restituire tutti quei soldi ? Al che il capitano mi ha detto che non mi aveva « prestato » quei soldi, ma che me li aveva « dati » !
    Mi ha detto di non preoccuparmi, di fare attenzione sulla strada di casa, ed indicandomi la busta con i soldi mi ha fatto partire dicendomi solo :
    -« Vai e seppellisci tua mamma con la dignità di un legionario ! »
    Ho sentito che stavo per esplodere. Gli occhi mi si sono riempiti di lacrime.
    Ho salutato il mio capitano e sono partito per Venezia.
    Quella sera stessa, mentre io ero in viaggio, tutto lo squadrone, bianchi, neri, gialli, cristiani, atei, musulmani, ha partecipato ad una messa richiesta dal capitano Bordier e celebrata nella chiesetta all’interno del reggimento, in memoria di mia mamma.

  10. #3130

    Predefinito

    mamma mia ke kicca orange *__*




    io m sn commosso....
    Ultima modifica di ACHILLE*°*; 01-09-09 alle 11: 03
    La paura non altro che una cresciuta percezione delle cose

    Il dolore serve a farci capire che siamo ancora vivi

Pagina 313 di 2271 PrimaPrima ... 2132633033113123133143153233634138131313 ... UltimaUltima

Tag per Questa Discussione

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •