Pagina 2 di 8 PrimaPrima 1234 ... UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 79

Discussione: Radio 118 e CRI

  1. #11
    Capitano L'avatar di Matty91
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Località
    Provincia di Torino
    Messaggi
    2,904

    Predefinito

    Alcuni distaccamenti di Vigili del Fuoco Volontari, come il mio, utilizzano oltre alle radio Ministeriali anche un altra radio sulla frequenza "comunale" ovvero quella utilizzata dalla protezione civile o dalle squadre antincendio boschivo. Questo ci permette di metterci in contatto con loro senza utilizzare il telefono. Ci serve inoltre per parlare tra di noi durante l'addestramento.

    "Impossibile è solo una parola pronunciata da piccoli uomini, che trovano piu' facile vivere nel modo che gli è stato dato, piuttosto che cercare di cambiarlo. Impossibile non è un dato di fatto.E' un' opnione. Impossibile non è una regola. E' una SFIDA. Impossibile non è uguale per tutti...Impossibile non è per sempre... Impossible is nothing."

    Regolamento Militari Forum

    Sei un nuovo utente? Posta una tua breve presentazione QUI

  2. #12

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da sasygrisù Visualizza Messaggio
    Certo che è il ministero che lo permette e le fornisce ai distaccamenti volontari così come le fornisce ai comandi provinciali.

    Mi sa che non hai capito di cosa sto parlando, io parlo dei Volontari VVF non dei volontari di protezione civile o volontari AIB, quelli con noi non c'entrano proprio un bel niente.
    No io sto parlando dei giornalisti ai quali è stata data la disponibilità di ascoltare le frequenze dei vvf con delle semplici radio di libera vendita LPD, come m'hai detto tu poco fa...
    Daccordissimo sull'uso delle radio per i volontari, ci mancherebbe!
    Ultima modifica di Alex1990; 08-12-09 alle 22: 06
    Agente di Polizia Locale

  3. #13
    Maresciallo
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Località
    Roma
    Messaggi
    550

    Predefinito

    Alex, non hai capito...Basta avere un qualsiasi Scanner, e ascolti tutto...! Con o senza autorizzazzione di questo...'ministero'!
    Le radici profonde non gelano - JRR Tolkien

  4. #14
    Moderatore L'avatar di sasygrisù
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    4,407

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Alex1990 Visualizza Messaggio
    No io sto parlando dei giornalisti ai quali è stata data la disponibilità di ascoltare le frequenze dei vvf con delle semplici radio di libera vendita LPD, come m'hai detto tu poco fa...
    Daccordissimo sull'uso delle radio per i volontari, ci mancherebbe!


    Io non parlavo affatto di giornalisti, quelli si comprano gli scanner è ci ascoltano abusivamente.

    Prius undis flamma antequam flectar
    PRENDETE VISIONE DEI REGOLAMENTI DEL FORUM http://www.militariforum.it/forum/sh...2011&p=1177951

    Il Primo Social Network per Militari!

  5. #15

    Predefinito

    Qua fino a qualche tempo fa le radio della polizia erano criptate. Vero che adesso gli scanner sono di libera vendita, ma è reato ascoltare le frequenze delle forze dell'ordine, perciò si presti attenzione. Specialmente dei giornalisti sono stati accusati per aver avuto informazioni dalle trasmissioni della polizia senza essere penalmente scusati dall'adempimento del dovere o dall'esercizio di un diritto. Se per la polizia è cosi, credo sia uguale anche nei vvf. Le radio di cui parlavo, le LPD servono per parlare a poca distanza ( max 5-10 km) e sono canali liberi. Trovarsi sui vvf ( intorno ai 430 mhz) gratuitamente, essendoci gli estremi per il reato ( del quale nessuno prenderà mai notizia...come farebbe?) come ho detto sopra non tutela l'acquirente.

    Corte di Cassazione sentenza n. 40249/2008)
    http://www.anconainforma.it/Cronaca/...enunciato.html
    http://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=2812
    Agente di Polizia Locale

  6. #16
    Moderatore L'avatar di sasygrisù
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    4,407

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Alex1990 Visualizza Messaggio
    Qua fino a qualche tempo fa le radio della polizia erano criptate. Vero che adesso gli scanner sono di libera vendita, ma è reato ascoltare le frequenze delle forze dell'ordine, perciò si presti attenzione. Specialmente dei giornalisti sono stati accusati per aver avuto informazioni dalle trasmissioni della polizia senza essere penalmente scusati dall'adempimento del dovere o dall'esercizio di un diritto. Se per la polizia è cosi, credo sia uguale anche nei vvf. Le radio di cui parlavo, le LPD servono per parlare a poca distanza ( max 5-10 km) e sono canali liberi. Trovarsi sui vvf ( intorno ai 430 mhz) gratuitamente, essendoci gli estremi per il reato ( del quale nessuno prenderà mai notizia...come farebbe?) come ho detto sopra non tutela l'acquirente.

    Corte di Cassazione sentenza n. 40249/2008)
    http://www.anconainforma.it/Cronaca/...enunciato.html
    http://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=2812


    Io proprio per dare meno indizi ai giornalisti, quando sto in sala operativa per rdio parlo poco, se ho notizie importanti per la scuadra che sta andando su qualche intervento, chiamo via filo, è più sicuro

    Prius undis flamma antequam flectar
    PRENDETE VISIONE DEI REGOLAMENTI DEL FORUM http://www.militariforum.it/forum/sh...2011&p=1177951

    Il Primo Social Network per Militari!

  7. #17
    soccorritore
    Guest

    Post Utilizzo radio di servizio

    Mi piacerebbe confrontarmi con altri VdS in merito all'utilizzo degli apparati radio durante le attività di servizio. Mi riferisco sia ad interventi di protezione civile, sia ad interventi ordinari in ambulanza per trasporti o convenzioni e limitatamente agli apparati sui 24 canali assegnati all'associazione (ogni sala operativa 118 può montare il sistema radio che preferisce...) Vengono usate regolarmente? C'è adeguata formazione in merito? oppure le utilizzano solamente i VdS che, magari per una loro passione personale, già sanno operare sia a livello di utilizzo, sia di terminologia?

    Nella mia zona (Roma) devo constatare che la quasi totalità dei VdS che arrivano alla certificazione PSTI, quindi abilitati in ambulanza, hanno molta soggezione ad utilizzare l'apparato radio e questo può diventare un handicap quando serve interfacciarsi con molti altri mezzi, dal momento che, in quel caso, l'uso del cellulare diventa pressoché inutile. Quando mi capita di essere in equipaggio con persone che stanno svolgendo i tirocini, oltre a rivedere l'uso dei presidi sanitari, mostro loro come deve essere utilizzata la radio, sia per invio di selettive, sia per la terminologia da utilizzare. Per me la radio è uno strumento di lavoro esattamente come il DAE o la tavola spinale.

  8. #18
    Soldato L'avatar di Fraguricio
    Data Registrazione
    Aug 2010
    Località
    Cagliari
    Messaggi
    8

    Predefinito

    Io svolgo servizio di vigilanza ambientale e antincendio,nel nostro settore la radio è un elemento indispensabile..con quella siamo contattati dalle stazione o dalle vedette nel caso di avvistamento..ma in tutti i corsi che ho fatto non ce lo ha insegnato nessuno.Anche perchè solitamente,l'uso della radio spetta al capoturno,cioè al soccorritore di maggiore esperienza.Ogni tanto mi capita che mi spieghino il suo utilizzo,ma non ho mai risposto io alle chiamate ad esempio.
    Il tuo lavoro di mostrare ai novizi il suo uso,è più che legittimo,è utile!
    Aliena vitia in oculis habemus, a tergo nostra sunt.
    Abbiamo davanti agli occhi i vizi degli altri, mentre i nostri ci stanno dietro.

  9. #19
    Maresciallo L'avatar di mattia580
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Lazio.
    Messaggi
    979

    Predefinito

    Ciao soccorritore, guarda la radio e' un elemento essenziale, da me molte ambulanze del 118 non sono provviste di apparato radio e sentendo molti colleghi del 118 la cosa e' gravissima, ogni volta bisogna utilizzare il proprio telefono cellulare, ma la cosa piu' grave e' quando non c'e rete (in quel caso...). Non trovo giusto questa cosa, l'autista se deve chiamare, paga a spese sue, e poi se dovesse capitare che non ci sia campo, come si fa?

    Quando stavo nella vecchia associazione di protezione civile, mi ricordo che stavamo uscendo su un incendio sterpaglie, e da noi in sede c'era sempre un operatore radio che stava al centralino telefonico e all'apparato radio.
    Beh non sapevamo come arrivare sul posto e chiamiamo in sede tramite radio, questo parlava nei suoi termini.. ovvero nel dialetto napoletano... beh non in difficolta'........ abbiamo chiamato il presidente al telefono, ci ha indicato lui dove stava di preciso l'incendio.
    Ma daii! Per me un corso bisogna sempre farlo, non si puo mettere uno che parla in dialetto alla radio, e che usa i suoi termini..
    "SALUS REI PUBLICAE SUPREMA LEX ESTO"

  10. #20
    Caporale
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Località
    Sale (AL)
    Messaggi
    221

    Predefinito

    Da noi l'uso della radio è molto assiduo: molti collegamenti tra mezzi e sede CRI avvengono proprio con questo sistema, più rapido ed economico del cellulare... Generalmente ci teniamo che la preparazione del personale sia idonea, quindi che il volontario sappia comunicare le informazioni essenziali con linguaggio il più possibile chiaro e competente pur senza pretendere grandi cose; ovviamente poi c'è chi è più portato e chi meno, ma generalmente grossi problemi non ci sono. Io personalmente cerco sempre di invogliare i nuovi ad utilizzare questo strumento e, essendo abbastanza patito di radiocomunicazioni, mi piace che le comunicazioni siano precise ed ordinate. Non nego però che sul 22 (il canale CRI in diretta assegnato nella mia provincia) ne diciamo di ogni !!! Ma sul 16 (relativo canale via ponte) si parla in maniera il più possibile rigorosa...

Pagina 2 di 8 PrimaPrima 1234 ... UltimaUltima

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •