Visualizza Risultati Sondaggio: Sei favorevole al (già deciso) cambio della divisa per il Corpo Militare C.R.I.?

Partecipanti
223. Non puoi votare in questo sondaggio
  • si

    63 28.25%
  • no

    160 71.75%
Pagina 151 di 170 PrimaPrima ... 51101141149150151152153161 ... UltimaUltima
Risultati da 1,501 a 1,510 di 1694

Discussione: Domande & Risposte sulla divisa del CM CRI

  1. #1501
    Tenente
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Località
    Firenze
    Messaggi
    1,162

    Predefinito

    Io ne ho una, acquistata in un noto negozio di forniture militari a Firenze, che ha la dicitura Corpo Militare CRI, fondo verde con scritta in nero.
    Ultima modifica di Domenico; 08-03-13 alle 18: 06

  2. #1502

    Predefinito

    Anch'io ne ho viste di patch di questo tipo,però non sono affatto regolamentari. Tuttavia non essendoci una vera a propria normativa sulle nostre uniformi oggi come oggi immagino che abbia la stessa validità orale (e che solo orale rimane,in quanto non è scritto da nessuna parte) che ne ha una bianca ""Standard"".

    Certo e che non capisco come certi negozi anche considerati seri possano creare e vendere senza problemi certe Patch/distintivi/stemmi completamente sballati magari spacciandoli come "ufficiali". Ci credo che poi che la gente più sprovveduta si confonde.
    Ultima modifica di xAndrex; 08-03-13 alle 21: 03

  3. #1503
    Caporale L'avatar di Guitarheros
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Località
    Calabria
    Messaggi
    149

    Predefinito

    ragazzi girando su internet e sui forum leggo di qualche persona che sostiene che noi del Corpo Militare Volontario non possiamo portare le stellette al bavero ... ma siamo ancora ausiliari delle FFAA , o sbaglio ?? vaneggiano queste persone ??

    Citazione Originariamente Scritto da Guitarheros Visualizza Messaggio
    ragazzi girando su internet e sui forum leggo di qualche persona che sostiene che noi del Corpo Militare Volontario non possiamo portare le stellette al bavero ... ma siamo ancora ausiliari delle FFAA , o sbaglio ?? vaneggiano queste persone ??
    correggo , si parlava in ambito civile su uniforme rossa allora ok non si possono indossare stellette militari o gradi , ma solo la patch bianca e rossa con scritto corpo militare
    Ultima modifica di sasygrisù; 11-03-13 alle 13: 58
    CHE T'IMPORTA IL MIO NOME ... GRIDA AL VENTO " FANTE D'ITALIA" E DORMIRÒ CONTENTO [INTER ARMA CARITAS]

  4. #1504
    Soldato
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Località
    biella/vercelli
    Messaggi
    56

    Lightbulb uso uniforme

    gentili colleghi ,mentre si discute di uniformi,pacth fuori ordinanza,ecc,volevo informarvi che alla richiesta del mio naapro per l'uso uniforme in rappresentanza in vista di un importante cerimonia religiosa a cui sono invitati tutti i rappresentanti delle FFAA,nonche' cri ci e' stato risposto che il suo uso e' concesso esclusivamente in ausilio delle forze armate o al massimo "per il funerale del presidente CRI"
    Ora ,dovremmo partecipare con l'uniforme rossa o la blu(io posseggo quella)o l'arancione(chi proviene dagli ex pionieri)...risultato ci saranno i volontari con la "loro" uniforme,li iivv con la "loro" uniforme e noi davanti (il CMV precede le IIVV)ni crisi di identita' rappresentativa.....
    ..ma dico io...vi pare una cosa giusta?

  5. #1505
    Utente Expert
    Data Registrazione
    Apr 2010
    Messaggi
    1,201

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Belli75 Visualizza Messaggio
    Buongiorno,
    volevo farvi una domanda riguardo alla patch della vegetata con la scritta CORPO MILITARE CROCE ROSSA ITALIANA...e' ancora valida?? esiste per caso quella con la scritta CORPO MILITARE VOLONTARIO ???
    Tale patch viene sempre più omessa in ragione della presenza del distintivo omerale che già ci qualifica a quale Corpo apparteniamo.

    Al momento non c'è ancora una decisione specifica del nostro Ispettorato ma, se ma avverrà, non potrà non essere coerente con le normative NATO e SMD in materia.

    La condivisione degli STANAG è un premessa fondamentale per la sopravvivenza del nostro Corpo (a riprova di tale concetto, ogni materiale o attrezzatura recentemente acquisita o in prossima acquisizione dal nostro Corpo, prevede il rispetto e la massima integrazione in ambito NATO).

    Tale integrazione, ovviamente, è elemento impriscindibile anche dal punto di vista "umano".

    ---------------------Aggiornamento----------------------------

    Citazione Originariamente Scritto da banfro Visualizza Messaggio
    gentili colleghi ,mentre si discute di uniformi,pacth fuori ordinanza,ecc,volevo informarvi che alla richiesta del mio naapro per l'uso uniforme in rappresentanza in vista di un importante cerimonia religiosa a cui sono invitati tutti i rappresentanti delle FFAA,nonche' cri ci e' stato risposto che il suo uso e' concesso esclusivamente in ausilio delle forze armate o al massimo "per il funerale del presidente CRI"
    Ora ,dovremmo partecipare con l'uniforme rossa o la blu(io posseggo quella)o l'arancione(chi proviene dagli ex pionieri)...risultato ci saranno i volontari con la "loro" uniforme,li iivv con la "loro" uniforme e noi davanti (il CMV precede le IIVV)ni crisi di identita' rappresentativa.....
    ..ma dico io...vi pare una cosa giusta?
    Giusto non dare autorizzazione.

    Il nostro Corpo non può dare autorizzazione all'uso dell'uniforme (lo vado dicendo da tempo) ma, per le esigenze di servizio ritenute necessarie, opera direttamente i corrispondenti richiami in servizio.

    Naturalmente, i nostri compiti sono solo quelli "ausiliari delle FF.AA." ossia integrare la loro pianta organica per i ruoli e i compiti a noi assegnati:

    - Sanitario (specie sul fronte campale con medici e infermieri ma anche con tecnici specialisti in igiene oltre che in prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali);
    - NBCR;
    - Logistico (cucine da campo, potabilizzazione acqua, magazzini viveri, gestione mense e cucine da campo, etc.);
    - Di diffusione del DIU.

    Naturalmente questo pone il problema delle rappresentanze intese come le abbiamo sempre intese negli ultimi 10/20 anni (nei quali, sostanzialmente, si facevano molti buffet ma poche attività veramente operative) che, conseguentemente, non si possono più fare.

    Se concentrarci finalmente sull'attività concretamente operativa piuttosto che alle cerimonie è "crisi" di identità, ben venga!

    Per quanto può valere il mio pensiero, ci si può pavoneggiare alle rappresentanze solo se alla base ci sono effettive attività operative.

    Sennò cosa si rappresenza? La forma (e spesso nemmeno quella) e non la sostanza?

    ---------------------Aggiornamento----------------------------

    Citazione Originariamente Scritto da Guitarheros Visualizza Messaggio
    correggo , si parlava in ambito civile su uniforme rossa allora ok non si possono indossare stellette militari o gradi , ma solo la patch bianca e rossa con scritto corpo militare
    Guarda che la tuta rossa se nuova è rossa e sembri un Gabibbo (o, in inverno, Babbo Natale).

    Se comincia a invecchiare, a seguito di ripetuti lavaggi, scolorisce e diventa rosa.......
    Ultima modifica di VDG; 10-03-13 alle 21: 46
    Patria e Onore.
    Ferrum Ferro Acuitur.

  6. #1506
    Caporale L'avatar di Pik
    Data Registrazione
    Jun 2011
    Messaggi
    243

    Predefinito

    L'uso uniforme in sostanza non viene più concesso.

    Finalmente si usa la sola (e corretta) pratica del richiamo in servizio (anche per un solo giorno); che ci tutela in quanto per quel periodo si è militari a tutti gli effetti.
    Le modalità del richiamo in servizio sono quelle specificate dall'IS Naz. e riportate in un mio precedente intervento.

  7. #1507
    Soldato
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Località
    biella/vercelli
    Messaggi
    56

    Predefinito

    gentili colleghi ,sono pienamente daccordo con voi sull'uso distorto e senza criterio che si faceva fino a poco tempo fa' sull"'uso uniforme"..personalmente a me lo avevano dato anche (su richiesta del mio resp naapro)per distribuzione viveri nel mio comitato..quando secondo me era piu' appropriata l'uniforme unica di croce rossa.
    Pero' il quesito si pone cmq, in quanto una seppur minima rappresentanza di componente andrebbe mantenuta!

  8. #1508

    Predefinito

    Pero' il quesito si pone cmq, in quanto una seppur minima rappresentanza di componente andrebbe mantenuta!
    Il problema secondo me è che la CRI nella sua interezza non vuole dare la giusta visibilità agli appartenenti al CMV nella loro caratteristica peculiare....prova ne è che la divisa rossa non è stata imposta alle IIVV. Non ho nulla contro le IIVV anzi...ma vorrei capire che differenza c'è tra una sorella che svolge attività in ausilio alle FFAA ed una che svolge servizio in ambulanza....nessuna, solo che le sorelle non hanno le famigerate stellette a 5 punte che tanto danno fastidio ai nostri vertici romani (e ginevrini) e quindi potrebbero anche girare con divise rosa a pois che nessuno si porrebbe il problema, alla faccia dell'uniformità tanto blaterata.

    SOTTOLINEO: NON ho nulla contro le IIVV, anzi tanta invidia per la loro capacità di essere molto più affiatate di noi appartenenti al CMV.

  9. #1509
    Tenente
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Località
    Firenze
    Messaggi
    1,162

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da banfro Visualizza Messaggio
    gentili colleghi ,mentre si discute di uniformi,pacth fuori ordinanza,ecc,volevo informarvi che alla richiesta del mio naapro per l'uso uniforme in rappresentanza in vista di un importante cerimonia religiosa a cui sono invitati tutti i rappresentanti delle FFAA,nonche' cri ci e' stato risposto che il suo uso e' concesso esclusivamente in ausilio delle forze armate o al massimo "per il funerale del presidente CRI"
    Ora ,dovremmo partecipare con l'uniforme rossa o la blu(io posseggo quella)o l'arancione(chi proviene dagli ex pionieri)...risultato ci saranno i volontari con la "loro" uniforme,li iivv con la "loro" uniforme e noi davanti (il CMV precede le IIVV)ni crisi di identita' rappresentativa.....
    ..ma dico io...vi pare una cosa giusta?

    Sono in disaccordo con il "talebano" VdG sul quesito posto dal collega di Asti e sulla scelta operata di non prevedere la partecipazione di una rappresentanza del CMV in uniforme alla predetta manifestazione: tra i compiti di una Forza Armata o di un Corpo Militare rientrano anche i doveri di rappresentanza.

    La tuta rossa per il CMV è la tuta operativa nelle emergenze e nei servizi civili quindi funzionale a quelle specifiche attività non la divisa della componente che per il CMV rimane quella militare nelle sue varie declinazioni e, a maggior ragione, nello specifico dell'evento richiamato.

    Spero che , comunque, anche tra gli appartenenti alla componente unica che saranno presenti prevalga il criterio dell'uniformità senza presentarsi con una rappresentanza bicolore.

    Per il collega di Asti: se non vi richiamano o non vi autorizzano l'uso uniforme - chechè ne dica VdG, modalità ancora in essere - partecipate secondo quando previsto dal regolamento sull'uso dell'uniforme per il personale in congedo, modalità richiamata dalla recente 178/12.
    Ultima modifica di Domenico; 12-03-13 alle 11: 42

  10. #1510

    Predefinito

    Naturalmente, i nostri compiti sono solo quelli "ausiliari delle FF.AA." ossia integrare la loro pianta organica per i ruoli e i compiti a noi assegnati:

    - Sanitario (specie sul fronte campale con medici e infermieri ma anche con tecnici specialisti in igiene oltre che in prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali);
    - NBCR;
    - Logistico (cucine da campo, potabilizzazione acqua, magazzini viveri, gestione mense e cucine da campo, etc.);
    - Di diffusione del DIU.

    Naturalmente questo pone il problema delle rappresentanze intese come le abbiamo sempre intese negli ultimi 10/20 anni (nei quali, sostanzialmente, si facevano molti buffet ma poche attività veramente operative) che, conseguentemente, non si possono più fare.

    Se concentrarci finalmente sull'attività concretamente operativa piuttosto che alle cerimonie è "crisi" di identità, ben venga!

    Per quanto può valere il mio pensiero, ci si può pavoneggiare alle rappresentanze solo se alla base ci sono effettive attività operative.

    Sennò cosa si rappresenza? La forma (e spesso nemmeno quella) e non la sostanza?
    Se la mettiamo in questi termini allora anche le IIVV non devono presenziare alle rappresentanze in quanto i loro compiti sono "ausiliari alle FFAA", o se vogliono si mettono la tuta rossa. Mi sa che una sorella in tuta rossa non la vedremo mai e se a loro non è stata imposta significa che hanno saputo difendere con i denti la loro identità.

    Sono sempre più convinto di quello che è stato postato tempo addietro (non ricordo se in questa o in altra discussione) dove si asseriva che siamo troppo poco militari per essere militari e troppo poco civili per essere civili.

    Perchè allora le IIVV sono apprezzate da tutti ed invece noi del CMV ci prendono sempre per degli estranei? Forse perchè continuiamo ad aver paura di farci riconoscere? ed il riconoscimento passa anche dalla divisa e dalle rappresentanze...logico che se si fanno solo rappresentanze viene a cadere il castello.....

Pagina 151 di 170 PrimaPrima ... 51101141149150151152153161 ... UltimaUltima

Tag per Questa Discussione

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •