PDA

Visualizza Versione Completa : Emblematico episodio.



Blushield
07-10-12, 13: 43
Riporto quanto avvenuto qualche mese addietro a Trento.
È' interessante, emblematico o, se vogliamo, lascia perplessi la reazione dei cittadini a seguito della mancata presenza della PL in una situazione definita di "ordine pubblico".

Ho preferito aprire una nuova discussione per i motivi di seguito spiegati.
Quanto avvenuto, e sotto riportato, e' emblematico di una situazione generale nella quale l'intervento o il mancato intervento della Polizia Locale a fiamco delle FF.PP. puo' destare comunque reazioni differenti ma comunque non propriamente positive in ogni caso, poiché' si entra nell'atavico problema rappresentato dalla ambiguità' della nostra figura professionale in taluni (troppi?) ambiti.
Ciò in cui spero con questa discussione, mon e' il conoscere, o meglio leggere, solo le opinioni di noi soliti addetti ai lavori, perché' tutto sommato il pensiero di noi frequentatori in divisa di questa "stanza" del forum, lo conosciamo da tempo e sarebbe un mero ripetere anche qui' le medesime soggettive opinioni.
Perché' questo mio augurio sulla partecipazione in particolare di "esterni" ?
Perché la mia convinzione e' che i cittadini pretendono e si aspettano ben altro dalla categoria PL, infischiandosene bellamente e giustamente, dei vari cavilli, vincoli, limitazioni più' o meno giustamente oggi esistenti, cosa ben diversa da ciò' che ognuno di noi pensa, spera o crede in quanto appartenente comunque al "sistema sicurezza".
Preciso che quanto segue e' tratto dal sito dell' ANVU, associazione nazionale delle Polizie Locali e Provinciali e' Italia, che sottolineo non è' un sindacato di categoria.

http://www.anvu.it/modules.php?name=News&file=article&sid=2130

VxVendetta
07-10-12, 14: 20
Tutta la solidarietà agli agen ti di Trento, come sempre tra l'incudine e il martello di una legge poco chiara e di una sua applicazione ancor peggiore.

Tuttavia non comprendo benissimo l'ultimo capoverso del comunicato:


Volete i vecchi "vigili" che fanno le "multe" al Codice della Strada e alle immondizie, che si occupano degli abusi edilizi e della tutela dell'ambiente? Bene. Volete la Polizia Locale che, viceversa, svolge tutt'altri compiti, principalmente indirizzati al controllo del territorio e alla sicurezza urbana? Bene. Posto che non è possibile fare entrambe le cose si rende necessario operare scelte chiare, e sulla base di queste mettere il personale nelle migliori condizioni per poter operare.

Mi sfugge perchè non si possano fare sanzioni sul cds e sull'edilizia e allo stesso tempo controllo del territorio e sicurezza urbana, davvero, non capisco perchè non si possano fare entrambe le cose, come agenti di polizia locale e come agenti di pubblica sicurezza.

SI sa che la polizia locale ha come compiti principali la rilevazioni degl iincidenti e degli abusi commerciali ed edilizi, pensare di non farli più per fare solo OP mi sembra assurdo come coloro che chiedono che si torni disarmati col cappellone a gesticolare negli incroci e a mettere fogli gialli ai divieti di sosta.

degra
07-10-12, 15: 04
Una provocazione, direi, per significare che si deve decidere se dalla PL si voglia una cosa o l'altra.. Se si sceglie una, si deve rinunciare all'altra.. Quantomeno mantenendo l'organizzazione come l'attuale.. Certo è che se già solo soste e sinistri senza feriti venissero tolti come competenze e ci fosse la volontà di formare il personale, oltre che attrezzarlo, per fare altro, si potrebbe pretendere qualcosa di diverso..
Ma come si può pretendere l'intervento in tumulti popolari di professionisti quotidianamente destinati a controlli e accertamenti tecnici in materie specialistiche come codice della strada, edilizia, ambiente...?
I vecchi dicevano, 100 mestieri 1000 miserie, no? ;)

VxVendetta
07-10-12, 15: 19
Io invece sono giovane e dico 100 competenze 1000 possibilità, e penso di poter essere in grado, in caso di bisogno, di gestire entrambe le cose ;)

bartok
07-10-12, 15: 32
la mia personale opinione che in questo caso, così come in tanti altri in Italia, bisognerebbe tornare ai santi vecchi. non voglio offendere nessuno, sia chiaro, ma che significa "polizia locale"? secondo me non significa niente. la Polizia è la Polizia di Stato, va da sé che il poliziotto che sta a Palermo e lavora a Palermo, non sta Firenze e non lavora a Firenze... quindi ogni Questura sarà anche "locale": per forza. Esattamente come il Mc Donald, che è una multinazionale, ha una sua succursale che lavora e opera qua, localmente. la Polizia di Stato non sta nel luogo immaginario chiamato "Stato": è la Polizia di Stato, la polizia locale. E dunque, la "polizia locale" che cos'è? Sono i Vigili Urbani, chiamati in altro modo. un modo che porta a chiedersi:

1) quale sia la differenza con la Polizia di Stato
2) Se la differenza ci dev'essere, in cosa consista.
3) Se la polizia locale svolge funzioni di polizia, allora perché esistono 2 polizie, di Stato e Locale?

tutte domande contorte che non possono che portare a risposte cavillose e incasinate. Se si tornasse, invece, a chiamare la polizia locale "Vigili Urbani", risulterebbe chiaro in 2 parole, ciò che una volta era chiaro: la Polizia svolge funzioni polizia, i Vigili Urbani vigilano. Sembra strano, ma forse è semplice.

Se no, in alternativa, potremmo procedere ulteriormente ad incasinare le cose e chiamare i Vigili del Fuoco (già Pompieri), in "Polizia di Pronto Intervento".... sai che casino!

degra
07-10-12, 16: 17
:am054 però ci devi anche spiegare i vigili su cosa debbano vigilare se c'è già la polizia! ;)

Blushield
07-10-12, 16: 22
la mia personale opinione che in questo caso, così come in tanti altri in Italia, bisognerebbe tornare ai santi vecchi. non voglio offendere nessuno, sia chiaro, ma che significa "polizia locale"? secondo me non significa niente. la Polizia è la Polizia di Stato, va da sé che il poliziotto che sta a Palermo e lavora a Palermo, non sta Firenze e non lavora a Firenze... quindi ogni Questura sarà anche "locale": per forza. Esattamente come il Mc Donald, che è una multinazionale, ha una sua succursale che lavora e opera qua, localmente. la Polizia di Stato non sta nel luogo immaginario chiamato "Stato": è la Polizia di Stato, la polizia locale. E dunque, la "polizia locale" che cos'è? Sono i Vigili Urbani, chiamati in altro modo. un modo che porta a chiedersi:

1) quale sia la differenza con la Polizia di Stato
2) Se la differenza ci dev'essere, in cosa consista.
3) Se la polizia locale svolge funzioni di polizia, allora perché esistono 2 polizie, di Stato e Locale?

tutte domande contorte che non possono che portare a risposte cavillose e incasinate. Se si tornasse, invece, a chiamare la polizia locale "Vigili Urbani", risulterebbe chiaro in 2 parole, ciò che una volta era chiaro: la Polizia svolge funzioni polizia, i Vigili Urbani vigilano. Sembra strano, ma forse è semplice.

Se no, in alternativa, potremmo procedere ulteriormente ad incasinare le cose e chiamare i Vigili del Fuoco (già Pompieri), in "Polizia di Pronto Intervento".... sai che casino!

Una cosa è il solo nome, un'altra sono le competenze e le qualifiche.
Se è vero che la Polizia Locale è formata da coloro che un tempo erano chiamati Vigili Urbani, e questo è innegabile ed è la nostra storia, è anche vero che oggi l'evoluzione e le competenze delle PL sono molto cambiante.
Quindi, accettando il Suo concetto, necessiterebbe non, o meglio, non solo un cambio di nome, che poco o nulla sposterebbe tant'è che ancora oggi molti usano ugualmente tale termine (ma questo è un'altro discorso),ma sarebbe necessario sopratutto un drastico cambiodi mansioni, competenze e qualifiche, in particolare un ridimensionamento drastico di queste. Ecco che allora il Suo pensiero potrei anche condividerlo.
In sostanza, ritorno al passato con competenze ridotte, molto più che oggi, ma non le competenze del passato che sono sostanzialmente le attuali, Pg, Ps, etc., ma è la società che è cambiata, quindi le mansioni dlle PL legate a tali qualifiche...non sò se sono riuscito a rendere l'idea.
Quindi, ripeto, necessiterebbe un ridimensionamento piuttosto drastico di qualifiche e competenze di tale figura professionale: ma a prescindere dall'idea di ciascun operatore per tale "involuzione", passatemi il termine, sarebbe realisticamente possibile?

---------------------Aggiornamento----------------------------


:am054 però ci devi anche spiegare i vigili su cosa debbano vigilare se c'è già la polizia! ;)

Cerchiamo di dare un contributo il più possibile serio ed argomentato senza fermarsi a mere battute che nulla apportano alla discussione.
Grazie.

avirexra
07-10-12, 16: 25
la mia personale opinione che in questo caso, così come in tanti altri in Italia, bisognerebbe tornare ai santi vecchi. non voglio offendere nessuno, sia chiaro, ma che significa "polizia locale"? secondo me non significa niente. la Polizia è la Polizia di Stato, va da sé che il poliziotto che sta a Palermo e lavora a Palermo, non sta Firenze e non lavora a Firenze... quindi ogni Questura sarà anche "locale": per forza. Esattamente come il Mc Donald, che è una multinazionale, ha una sua succursale che lavora e opera qua, localmente. la Polizia di Stato non sta nel luogo immaginario chiamato "Stato": è la Polizia di Stato, la polizia locale. E dunque, la "polizia locale" che cos'è? Sono i Vigili Urbani, chiamati in altro modo. un modo che porta a chiedersi:

1) quale sia la differenza con la Polizia di Stato
2) Se la differenza ci dev'essere, in cosa consista.
3) Se la polizia locale svolge funzioni di polizia, allora perché esistono 2 polizie, di Stato e Locale?

tutte domande contorte che non possono che portare a risposte cavillose e incasinate. Se si tornasse, invece, a chiamare la polizia locale "Vigili Urbani", risulterebbe chiaro in 2 parole, ciò che una volta era chiaro: la Polizia svolge funzioni polizia, i Vigili Urbani vigilano. Sembra strano, ma forse è semplice.

Se no, in alternativa, potremmo procedere ulteriormente ad incasinare le cose e chiamare i Vigili del Fuoco (già Pompieri), in "Polizia di Pronto Intervento".... sai che casino!


Secondo te quindi il problema sta nel nome?

Dubito, comunque dato che la polizia di stato è "locale" dimmi in quanti paesi da 10.000-20.000 abitanti trovi un presidio fisso della polizia di stato? Poi ovvio che ogni Questura ha un'impostazione locale ma la presenza sul territorio non è affatto locale o di prossimità come la si vuole fare intendere allo stato attuale...poi tutto si può cambiare , il problema è che non cambia mai nulla...

Il discorso non sta nel nome ma sta nel volere fare chiarezza nelle competenze...... Ci può essere un ritorno ai Vigili Urbani o alla Guardia Urbana ma quello che conta è ciò che gli dai di competenza....

Cosa si dovrebbe dire della polizia idraulica, mortuaria, ecozoofila per esempio? Non credo che i cittadini pretendano da loro di occuparsi di sicurezza....eppure usano il "marchio" Polizia ...

Blushield
07-10-12, 16: 34
Secondo te quindi il problema sta nel nome?

Dubito, comunque dato che la polizia di stato è "locale" dimmi in quanti paesi da 10.000-20.000 abitanti trovi un presidio fisso della polizia di stato? Poi ovvio che ogni Questura ha un'impostazione locale ma la presenza sul territorio non è affatto locale o di prossimità come la si vuole fare intendere allo stato attuale...poi tutto si può cambiare , il problema è che non cambia mai nulla...

Se la discussione dovesse scendere nel solito confronto PdS Vs PL, e noto che tale strada stà per essere imboccata, verrà chiusa senza alcuna esitazione.
Mi raccomando, in particolare ai miei colleghi.
Grazie.

bartok
07-10-12, 16: 51
Se la discussione dovesse scendere nel solito confronto PdS Vs PL, e noto che tale strada stà per essere imboccata, verrà chiusa senza alcuna esitazione.
Mi raccomando, in particolare ai miei colleghi.
Grazie.

ah, non sapevo che ci fosse questo dualismo, non essendomi mai avvicinato all'argomento. Però è chiaro che se anche un profano come me "ci casca", forse è perché la situazione, così com'è, porta in questa direzione.

concludo:
avirexra,


Cosa si dovrebbe dire della polizia idraulica, mortuaria, ecozoofila per esempio? Non credo che i cittadini pretendano da loro di occuparsi di sicurezza....eppure usano il "marchio" Polizia ...


premesso che non ho mai sentito parlare di polizia idraulica, suppongo che i cittadini non pretendano da loro di occuparsi di sicurezza perché i nomida lei riportati fanno esplicito riferimento a cose non inerenti la sicurezza umana. cioè: nessuno chiamerebbe mai la polizia ecozoofila perché c'è un accoltellamento in un bar. esattamente come nessuno chiamerebbe i Vigili del Fuoco. ma se si cambiasse il nome dei Vigili del Fuoco in "Polizia di Pronto Intervento", sicuramente molti chiamerebbero la Polizia di Pronto Intervento. per cui:



Il discorso non sta nel nome ma sta nel volere fare chiarezza nelle competenze......


il discorso sta anche nel nome. perché la gente non è che ha il "manuale d'istruzioni delle competenze".

beowuff
07-10-12, 17: 06
Secondo me il problema, ancora una volta, si pone nella mancanza di fondi, sia per equipaggiamento e addestramento che per assumere nuovo personale.
Ad esempio nel mio comune c'è sia la Tenenza dei Carabinieri sia il comando di Polizia Locale; entrambi devono controllare un territorio esteso, ed entrambi sono sotto organico di almeno una decina di operatori, motivo per cui i poliziotti locali non fanno solo multe e controlli edilizi ma si occupano anche di altro (mi pare significativo il fatto che, sempre nel mio comune, sia stato aumentato il numero degli ausiliari del traffico, proprio per sollevare di parte del lavoro i poliziotti locali che quindi si possono dedicare con maggior attenzione al controllo del territorio).

Poi c'è un'altra cosa da dire, e cioè che la gente (e con loro i giornalisti...) non sa di che cosa si occupa di preciso la PL, una divisa è una divisa e ogni sucsa è buona per dare la colpa a qualcuno (nel caso della PL, anche per motivi politici locali).

Per quanto riguarda poi le competenze, non essendo ferrato in materia, meglio che non si esprima, anche se mi pare di capire che il problema di "voi" poliziotti locali non sia che non avete voglia di fare un determinato tipo di servizio, ma che questo tipo di servizio non rientra tra le vostre competenze e quindi non vi viene riconosciuto e da un punto di vista "operativo" e da un punto di vista economico.

avirexra
07-10-12, 17: 38
Per quanto mi riguarda non c'è nessun dualismo, anzi , facevo solo presente che la Polizia di Stato non è, nei fatti così locale come bartok la vuole far credere, localmente vi sono i Carabinieri, quelli si che li trovi in ogni paesello. Non è una critica ma è lo stato attuale delle cose e anche da parecchi anni, decisioni politiche, non so il motivo .... da me 12.000 abitanti il presidio della Polizia di Stato si trova a 20 km di distanza e raramente si vede una pattuglia, la gente quindi si rivolge anche solo per consigli ai Carabinieri e spesso anche a noi... il mio concetto di locale è la presenza fissa in ogni paese...

Sulla polizia idraulica.... c'è.. e ci sono anche foto di mezzi con scritta e lampeggiante blu :-).

Ma i Vigili Urbani di una volta non svolgevano funzioni di polizia????? Io credo si stia facendo un pò di confusione... Ripeto...non è una questione di nome....per mia esperienza, la gente ci chiama Vigili ed si rivolge ai carabinieri per taluni fatti o indistintamente a noi o loro per altri, chiedono, sempre chiamandoci vigili ( come spesso riporta anche la stampa) più presenza la sera, servizi contro i furti, ci segnalano persone sospette per fare un esempio senza dover fare l'elenco, ma poi mettiamoci che capita che il 112 ci chiede di intervenire perchè loro non hanno pattuglie su fatti che potremmo considerare più da polizia statale, credi veramente che sia il nome a fare la differenza? Io sinceramente leggo e sento nominare più spesso Vigili Urbani che Polizia Locale o Municipale

abitcis
07-10-12, 18: 20
la mia personale opinione che in questo caso, così come in tanti altri in Italia, bisognerebbe tornare ai santi vecchi. non voglio offendere nessuno, sia chiaro, ma che significa "polizia locale"? secondo me non significa niente. la Polizia è la Polizia di Stato, va da sé che il poliziotto che sta a Palermo e lavora a Palermo, non sta Firenze e non lavora a Firenze... quindi ogni Questura sarà anche "locale": per forza. Esattamente come il Mc Donald, che è una multinazionale, ha una sua succursale che lavora e opera qua, localmente. la Polizia di Stato non sta nel luogo immaginario chiamato "Stato": è la Polizia di Stato, la polizia locale. E dunque, la "polizia locale" che cos'è? Sono i Vigili Urbani, chiamati in altro modo. un modo che porta a chiedersi:

1) quale sia la differenza con la Polizia di Stato
2) Se la differenza ci dev'essere, in cosa consista.
3) Se la polizia locale svolge funzioni di polizia, allora perché esistono 2 polizie, di Stato e Locale?

tutte domande contorte che non possono che portare a risposte cavillose e incasinate. Se si tornasse, invece, a chiamare la polizia locale "Vigili Urbani", risulterebbe chiaro in 2 parole, ciò che una volta era chiaro: la Polizia svolge funzioni polizia, i Vigili Urbani vigilano. Sembra strano, ma forse è semplice.

Se no, in alternativa, potremmo procedere ulteriormente ad incasinare le cose e chiamare i Vigili del Fuoco (già Pompieri), in "Polizia di Pronto Intervento".... sai che casino!

la polizia è la polizia di stato, la Guardia di Finanza ha compiti di polizia??e allora che differenza c'è dalla polizia?i carabinieri hanno compiti di polizia?e allora che differenza c'è dalla polizia?il cfs ha compiti di polizia?allora che differenza c'è dalla polizia?

Di doppioni ce ne sono a bizzeffe, il problema è forse questo...il fatto che esista la polizia di stato e una polizia locale sarebbe il meno....da chiedersi secondo me, piuttosto perchè ne esistono ben cinque(cinque)di nazionali? ;) per questo secondo me il tuo ragionamento è parecchio in malafede...scusami se te lo dico...

Potremmo, per non incasinarci troppo, chiamare i farmacisti "Alchimisti", non sia mai che ci si possa confondere...oppure gli agenti della PolPen "corpo dei secondini"...e la Repubblica Italiana Regno d'Italia...chissà che tutto non diventi più chiaro...sembra strano, ma forse è semplice...

P.S. forse una minima differenza tra "polizia locale" e "vigili del fuoco" c'è...per questo questi ultimi non sono chiamati "polizia di pronto intervento"...i loro interventi non prevedono per il 90% delle loro attivita qualifiche di polizia che il codice penale(non Topolino) concede alla Polizia Locale...e per questo dal lontano 1986(più di 20 anni..forse il problema non sta nel nome, ma nel cervello delle persone) non esistono più corpi e servizi di "vigili urbani"...

forse se si pensasse meno ai nomi e più al servizio ci porremmo meno problemi...possono anche chiamarlo il "corpo dei pippo volanti", ma in caso di reato intervengo io e intervengo nel medesimo modo della Polizia di Stato, perchè l'ordinamento mi concede e mi obbliga a farlo!

Per inciso poi Bartok, la corretta definizione è "Polizia Amministrativa Locale", perchè?perchè per lo più gli atti redatti sono di natura amministrativa...ecco la distinzione con la Polizia di Stato...

---------------------Aggiornamento----------------------------

per quanto riguarda l'articolo, penso sia fonte di ignoranza da parte di chi parla...mi pare che anche senza una gran riforma e leggendosi solamente il codice penale sia chiaro quali sono le qualifiche e le possibilità della Polizia Locale...significativo è a proposito l'art. 55 del codice di procedura penale(che noi vigili non conosciamo e non sappiamo analizzare perchè siamo ignoranti per definizione):

1. La polizia giudiziaria deve, anche di propria iniziativa, prendere notizia dei reati, impedire che vengano portati a conseguenze ulteriori, ricercarne gli autori, compiere gli atti necessari per assicurare le fonti di prova e raccogliere quant'altro possa servire per l'applicazione della legge penale .

2. Svolge ogni indagine e attività disposta o delegata dall'autorità giudiziaria.

3. Le funzioni indicate nei commi 1 e 2 sono svolte dagli ufficiali e dagli agenti di polizia giudiziaria.

e siccome non vogliamo farci mancare niente:

art 57 cpp:

2. Sono agenti di polizia giudiziaria:

a) il personale della polizia di Stato al quale l'ordinamento dell'amministrazione della pubblica sicurezza riconosce tale qualità;

b) i carabinieri, le guardie di finanza, gli agenti di custodia, le guardie forestali e, nell'ambito territoriale dell'ente di appartenenza, le guardie delle province e dei comuni quando sono in servizio.

3. Sono altresì ufficiali e agenti di polizia giudiziaria, nei limiti del servizio cui sono destinate e secondo le rispettive attribuzioni, le persone alle quali le leggi e i regolamenti attribuiscono le funzioni previste dall'articolo 55.

insomma, fatevene una ragione....

IspGinko
08-10-12, 11: 32
il discorso sta anche nel nome. perché la gente non è che ha il "manuale d'istruzioni delle competenze".
Non è che siano così complicate, basta andare su internet e leggere. Dato che i ragazzi ( e non solo ) ci passano ore su certi siti non costa nulla "informarsi"

---------------------Aggiornamento----------------------------


sinceramente leggo e sento nominare più spesso Vigili Urbani che Polizia Locale o Municipale
idem

bartok
08-10-12, 12: 56
abitcis,


Di doppioni ce ne sono a bizzeffe, il problema è forse questo...il fatto che esista la polizia di stato e una polizia locale sarebbe il meno....da chiedersi secondo me, piuttosto perchè ne esistono ben cinque(cinque)di nazionali? per questo secondo me il tuo ragionamento è parecchio in malafede...scusami se te lo dico...


in malafede no di certo: che motivo avrei. il mio è un discorso ignorante, da cittadino che non ne sa niente.

da cittadino ignorante le cose funzionano così:

Polizia di Stato: azioni di polizia.
Carabinieri: fanno quello che fanno i poliziotti, ma sono militari e nelle FFAA sono la Polizia Militare.
Guardia di Finanza: sono militari che fanno le retate e beccano gli evasori.
Polizia Locale: sono i vecchi Vigili Urbani e ti fanno le multe e regolano il traffico, ma diventati polizia.
Corpo Forestale: controlla i parchi e arresta i bracconieri.
Vigili del Fuoco: spengono gl'incendi e aprono la casa se si rimane chiusi fuori.



piuttosto perchè ne esistono ben cinque(cinque)di nazionali?


io non credo che questo sia un problema: servono azioni di polizia in ambiti diversi. Si potrebbe anche creare un unico mega corpo di polizia e poi dividerlo nelle sezioni militare/civile/forestale/finanziario... ma che pro?



Per inciso poi Bartok, la corretta definizione è "Polizia Amministrativa Locale", perchè?perchè per lo più gli atti redatti sono di natura amministrativa...ecco la distinzione con la Polizia di Stato...


questo lo scopro ora. sicuramente se la polizia locale si chiamasse "Polizia Amministrativa", ci sarebbero molti meno malintesi. Nessuno chiamerebbe la Polizia Amministrativa per un'accoltellata, proprio come nessuno chiamerebbe la Guardia di Finanza.


Il problema è che in giro si vedono volanti di Carabinieri, Polizia e Polizia Locale, dunque si pensa di potersi rivolgere a tutt'e 3 per le stesse cose.

VxVendetta
08-10-12, 13: 15
Polizia di Stato: azioni di polizia.
Carabinieri: fanno quello che fanno i poliziotti, ma sono militari e nelle FFAA sono la Polizia Militare.
Guardia di Finanza: sono militari che fanno le retate e beccano gli evasori.
Polizia Locale: sono i vecchi Vigili Urbani e ti fanno le multe e regolano il traffico, ma diventati polizia.
Corpo Forestale: controlla i parchi e arresta i bracconieri.
Vigili del Fuoco: spengono gl'incendi e aprono la casa se si rimane chiusi fuori.



Si prega per cortesia di evitare generalizzazioni antiquate ed erronee dei vari corpi dello stato e non, in particolare con qualunquismo e stereotipi, in modo tale da non portare false informazioni agli utenti meno addentro alla realtà delle forze stesse

L'Arma dei carabinieri ha nuclei specializzatissimi con compiti esclusivi: pensiamo ai NAS ed al nucleo Beni Culturali, ma sono solo esempi. La stessa polizia ha sfere di intervento (anche telematiche) che ora vanno ben oltre la vecchia immagine che si da del "poliziotto" e della stessa polizia di stato.

I Vigili del Fuoco li vedo impiegati in qualsiasi tipo di attività che minaccia la sicurezza del cittadino: alluvioni, terremoti, fughe di gas, di materiali pericolosi, persione intrappolate in veicoli accartocciati o sotto macerie di edifici eccetera eccetera.

La Guardia di Finanza è impegnata per prima nella lotta contro lo spaccio di stupefacenti, è addentro la direzione investigativa antimafia e ha reparti che si occupano tanto di ordine pubblico quanto di antiterrorismo, oltre ad essere organo di polizia stradale e combattere in prima linea anche contro i reati più comuni.

Il Corpo Forestale svolge fondamentali attività nella salvaguardia della fauna e della flora, contro gli incendi boschivi, la pericolosità dei piromani, si occupa di indagini ad alto impatto ambientale che toccano lo stoccaggio illegale di rifiuti nocivi o pericolosi, spesso andando a colpire discariche ed abusi (ambientali e non) di evidente stampo mafioso.

La Polizia Locale oltre a rilevare gli incidenti stradali e portare a compimento le relative indagini ha poteri di controllo in ambito commerciale, mortuario, sanitario ed edilizio, si occupa di garantire la sicurezza nell'ambito del territorio e dei trattamenti sanitari obbligatori.

E mi scuso in anticipo con tutti se qua e la ho dimenticato qualche attività.

bartok
08-10-12, 13: 26
VxVendetta,
la mia intenzione era volutamente proprio quella generalizzare. So che ci sono tante differenze tra i vari corpi e che, se uno le cerca, le trova tutte.

quel che si discute qua, però, è un "episodio emblematico" che è indice di una confusione nell'opinione pubblica che, come me, non ha letto il Codice Penale, i regolamenti, le linee guida, eccetera.

Che cos'è "il nome", "il titolo"? in fin dei conti non è altro che "un super riassunto".

VxVendetta
08-10-12, 13: 52
Il problema è che la confusione nell'opinione pubblica giunge dal fatto che, finalmente, si è capito che la PL è una realtà ben superiore al controllo delle multe e del traffico (della serie si sono stupiti che non siano intervenuti direttamente, perchè si aspettavano intervenissero, non l'opposto), certo, manca ancora la conoscenza dei particolari di interesse degli addetti ai lavori (per esempio sulla competenza del questore sulla gestione dell'ordine pubblico) ma siamo arrivati ben oltre pensieri quali "non si chiama la locale in caso di rissa" beh, in questo caso mi vedi del tutto in disaccordo (e con me l'intera legge 65, che ha ormai più di 25 anni), ma sulla questione delle attività di PL ho lungamente parlato altrove e non mi piace ripetermi o peggio andare OT.

Morale della favola: è il cittadino che sbaglia a generalizzare, non i corpi a specializzarsi.

fatality
08-10-12, 14: 20
"non si chiama la locale in caso di rissa" beh, in questo caso mi vedi del tutto in disaccordo (e con me l'intera legge 65, che ha ormai più di 25 anni).

secondo te la politicizzazione esasperata della sicurezza urbana (i sindaci del:"ci penso io ad espellere i clandestini, a sconfiggere la mafia ecc. ecc. quindi votatemi") influisce sulla confusione (in buona o cattiva fede che sia) del cittadino comune e dei mass media?
oggi come ieri nella stragrande maggioranza del paese se un cittadino assiste ad un reato ed ha voglia di allertare l'autorità preposta chiama il 112/113.
non metto in dubbio che ci siano realtà dove il cittadino invece chiama il numero a pagamento della polizia municipale, ma personalmente credo che ciò sia dettato da quanto detto all'inizio del mio post.

p.s.
cosa diversa è il sacrosanto e spesso disatteso dovere per il datore di lavoro di formare il personale della polizia municipale anche per interventi relativi alle qualifiche possedute di p.s. e di p.g.
perchè anche effettuando i rilievi di un incidente stradale o in seguito ad un controllo di polizia edilizia o amministrativa un vigile urbano può trovarsi difronte alla flagranza di un reato (es. la rissa da te citatta) per il quale è tenuto ad intervenire quando è in servizio.

VxVendetta
08-10-12, 14: 36
secondo te la politicizzazione esasperata della sicurezza urbana (i sindaci del:"ci penso io ad espellere i clandestini, a sconfiggere la mafia ecc. ecc. quindi votatemi") influisce sulla confusione (in buona o cattiva fede che sia) del cittadino comune e dei mass media?
oggi come ieri nella stragrande maggioranza del paese se un cittadino assiste ad un reato ed ha voglia di allertare l'autorità preposta chiama il 112/113.
non metto in dubbio che ci siano realtà dove il cittadino invece chiama il numero a pagamento della polizia municipale, ma personalmente credo che ciò sia dettato da quanto detto all'inizio del mio post.

p.s.
cosa diversa è il sacrosanto e spesso disatteso dovere per il datore di lavoro di formare il personale della polizia municipale anche per interventi relativi alle qualifiche possedute di p.s. e di p.g.
perchè anche effettuando i rilievi di un incidente stradale o in seguito ad un controllo di polizia edilizia o amministrativa un vigile urbano può trovarsi difronte alla flagranza di un reato (es. la rissa da te citatta) per il quale è tenuto ad intervenire quando è in servizio.

Ed è quello che io ho sempre sostenuto. Se leggete i miei passati interventi in altre discussioni ho più volte detto che quel che è importante non è tanto essere chiamati (anche se, ad esempio, il numero per gli interventi in caso di incidenti è sacrosanto, in quanto le chiamate al 112/113 per un incidente vengono poi da loro stessi girate alla locale,anche se succede sempre più spesso anche per altri interventi) quanto avere l'autorità (e la formazione) per poter intervenire in quei mille casi di piccoli o grandi flagranze che possono capitare nell'espletamento di un qualsiasi altro servizio d' istituto: ok, non chiami la polizia locale per una rissa, ma se una pattuglia della locale passa nel mentre DEVE intervenire, e su questo non ci possono essere dubbi.

Resto anche fermamente convinto che i piccoli (o meno) giri di criminalità perlappunto locale possano e giustamente vengano monitorati ed eventualmente fermati, con grande capacità, dalla polizia locale (sono esempi gli ultimi interventi a Milano contro lo spaccio, o a Roma contro lo sfruttamento della prostituzione, realtà immense sia chiaro), e questo non credo sia una questione di politica dell'ente (Toscana ed Emilia Romagna hanno lacune tra le PL più formate, non mi si dica che sono regioni con dirigenti aggressivi) ma una semplice conseguenza dell'ingrandimento continuo e del crescente sviluppo della società moderna.

Cosa che invece non succede, giustamente,sono i casi di ordine pubblico, come quello citato nell'argomento del topic, per risolvere i quali intervengono le forze statali (la questura in particolare)e la polizia locale si "limita" ad un intervento di supporto.

Dopotutto la qualifica di PS della Locale, che mette eventualmente gli agenti a disposizione del questore, serve principalmente per questi casi (oltre che per i controlli ai luoghi soggetti ad autorizzazione questurile).

basilischio
08-10-12, 15: 31
..................
quel che si discute qua, però, è un "episodio emblematico" che è indice di una confusione nell'opinione pubblica che, come me, non ha letto il Codice Penale, i regolamenti, le linee guida, eccetera.
...........................".

Completamenta d'accordo, mentre non lo sono quando fra le varie forze o corpi, si crea confusione, utilizzando un'interpretazione personale della normativa che invece ne stabilisce doveri e competenze con precisione.
Una confusione da parte del cittadino è ammissibile, ma quella fra i professionisti, operatori dei vari corpi, è proprio fuori luogo anche su questo forum.

abitcis
08-10-12, 19: 00
Completamenta d'accordo, mentre non lo sono quando fra le varie forze o corpi, si crea confusione, utilizzando un'interpretazione personale della normativa che invece ne stabilisce doveri e competenze con precisione.
Una confusione da parte del cittadino è ammissibile, ma quella fra i professionisti, operatori dei vari corpi, è proprio fuori luogo anche su questo forum.

bisogna fare un'adeguata distinzione però tra doveri "istituzionali" diciamo, ovvero quelli che competono all'istituzione polizia locale con gli eventuali doveri "sociali"...è chiaro che non chiamo il 112/113 se, durante la pattuglia, sto facendo una residenza e a 200m abbiamo un furto con strappo...intervengo sul fatto...questo non vuol dire fare i rambo, vuol dire che lo Stato mi obbliga a farlo e io lo faccio..e non faccio altro che il mio dovere....

A Brescia c'è un nucleo specializzato di Polizia Giudiziaria che si occupa di piccoli reati come ad esempio il piccolo spaccio, furti in abitazione e cose di piccola entità a cui magari carabinieri, polizia nemmeno danno un seguito di indagine perchè troppo oberati in altri compiti ben più importanti.
Nello stesso tempo, nella stessa Brescia c'è un nucleo che si occupa solamente del rapporto con la cittadinanza in merito a problemi di quartiere, microcriminalità ma credetemi anche maltrattamenti in famiglia e cose simili.
C'è un nucleo che si occupa della sola infortunistica stradale e un nucleo che si occupa esclusivamente di commercio...

Secondo me la confusione nell'opinione pubblica c'è per il fatto che l'opinione pubblica cerca nella Polizia Locale una figura che semplicemente non esiste più...e che ha avuto uno sviluppo impressionante in modo molto più veloce delle forze di polizia.

Basti pensare che alla figura dell'APL bastava un tempo la sola licenza media, così come per gli ufficiali...non nego di avere in comando ufficiali con la terza media, che non hanno mai avuto una formazione "coerente" con il proprio ruolo...ebbene ora per essere un APL serve il diploma di scuola superiore, per diventare ufficiale (anche solo D1) serve una Laurea quantomeno triennale...è chiaro che più gli operanti sono consapevoli delle loro qualifiche e dei compiti che possono avere, più li useranno e non si faranno scrupoli o paure a operare...

la confusione tra i "professionisti" penso ci sia per la stessa causa...chi non "vive" questo mondo non può avere una panoramica del fenomeno...così come molti APL non hanno neanche immaginazione sia di cosa succede nelle PL all'avanguardia nè come funziona il mondo delle FFPP...e il legislatore non aiuta...anzi...quindi non dico che questa ignoranza sia scusabile, ma quantomeno comprensibile.

è chiaro poi che i "sesssantenni" "settantenni" "ottantenni" vedono la Polizia Locale come venti, trenta anni fa...e da lì non ci si sposterà mai se non con il tempo...

Blushield
09-10-12, 10: 38
...è chiaro poi che i "sesssantenni" "settantenni" "ottantenni" vedono la Polizia Locale come venti, trenta anni fa...e da lì non ci si sposterà mai se non con il tempo...

Un piccolo aneddoto in tal senso.
Qualche anno addietro ero impegnato con alcuni colleghi in un controllo stradale notturno in particolare contro il fenomeno della guida in stato di ebbrezza alcoolica o per sostanze stupefacenti. In tale occasione, come sovente, noi operatori indossavamo il Gap.
Fermammo un veicolo con a bordo due anziani, marito e moglie (negativi alla prova alcooltest); in particolare quando il marito notò i Gap indossati ci chiese chi eravamo e gli spiegai che eravamo la Polizia Locale ossia quelli che una volta, più di vent'anni addietro erano ufficialmente chiamati Vigili Urbani. La persona ci rimase molto male e notai una autentica tristezza nel volto suo e della moglie. L'uomo affermò che se anche i Vigili Urbani ora erano costretti ad indossare giubbotti antiproiettile, le cose erano cambiate molto dai suoi tempi, e ci raccontò cosa era per lui il Vigile Urbano, ricordandoci che addirittura quando il Vigile del paese entrava in un bar quando lui era giovane, molti, sopratutto anziani, addirittura si alzavano in piedi per saluto e rispetto.
Questo racconto, queste vecchie usanze, che per la verità già conoscevo (quanti di voi ricordano ad esempio "La Befana del Vigile?...), mi colpì molto perchè mi fece capire cosa rappresenta la nostra figura per la società e che per molti l'evoluzione dei Vigili Urbani verso la figura del Poliziotto, non viene vista in maniera positiva ma non per le ragioni che noi pensiamo, bensì perchè sarebbe come costringere e costringersi a rendersi conto che l'attuale società, le nostre città, si sono evolute in maniera negativa rispetto al passato tanto da eliminare quella figura che, proprio per la sue caratteristiche e per la mancanza di armamento, sottolineava l'elevato tenore di vita e la particolare "civiltà" (chiamatelo senso civico, chiamatelo qualità della vita, chiamatelo assenza o limitazione di criminalità diffusa, chiamatela come volete) ...ed è effettivamente così;
Ecco che sarà ancora molto difficile spiegare e far capire che la conseguente evoluzione dei Vigili Urbani in Polizia Munipale/Locale, dove è stato economicamente e politicamente possibile anche, ma non solo in squadre specializzate, con armamenti e dotazoni di difesa adeguate, è stata una naturale conseguenza per permettere agli operatori di essere in grado di far fronte alle problematiche delle città di oggi e non ai problemi delle città del secolo scorso.
Il fatto che, nonostante gravi episodi, si continui a volere i poliziotti di quartiere londinesi disarmati, a cosa è da attribuire? Ma quì ho sconfinato in'altra discussione.
Attenzione, molti pensano erroneamente che le qualifiche di oggi siano maggiori che in passato: sbagliato, le qualifiche sono sostanzialmente le stesse (anzi ora la nostra figura è sottoposta a maggiori limitazioni di un tempo) ma sono le funzioni ed i servizi che sono cambiati propro come è cambiata la società.
Ci vorrà tempo affinche tale evoluzione si compia totalmente, e credo che tutti noi quì presenti saremo in pensione da un pezzo.

Alpenjager
09-10-12, 12: 47
breve e fugace toccata e fuga...
Il mio ex comune d'appartenenza...arriva, la chiamata interveniamo...giungiamo sul posto ed una signora ci fa: Ma io ho chiamato i Vigili non la Polizia Locale....

Mia attuale unione di comuni dove presto servizio...avete presente quell'articolo del Tuel tanto raro che recita tra i compiti del sindaco anche l'essere autorità di PS in mancanza distazione CC, ed affini? bene dove lavoro io il sindaco è l'autorità di Pubblica Sicurezza e nel nostro ufficio siamo una piccola questura dove dobbiamo lavorare utti gli atti inerenti lo straniero, intrattenimenti ecc ecc, collaborario in convenzione con i CC di un altro comune, appena arrivato mi hanno portato da loro per presentarmi..sono rimasto allibito, capisco collaborare ma qui tra noi e loro c'è solo una strscia rossa che ci divide sui pantaloni...è una cosa stupenda, si apre un mondo di attività congiunte che io nemmeno credevo...si fa tutto, lo si cerca di fare bene e la gente non si pone nessuna domanda, quando chiama attende solo l'arrivo di una "tesa" poco glie ne importa se essa sia bianca, blu o nera...un saluto a tutti!
Meno "pippe mentali"